Enterococcus faecium

Caratteristiche

Batterio gram-positivo, Enterococcus faecium (figura 1) ha notevoli capacità di sopravvivenza, adattandosi a svariate condizioni ambientali. E. faecium è facilmente isolato in campioni di feci umane, quindi abitualmente è presente nell’intestino umano. Tale microrganismo solitamente si presenta in forma commensale, ma può trasformarsi in patogeno. La caratteristica più evidente dei cocchi di questo genere è la forte resistenza agli antibiotici.

Figura 1 - Enterococcus faecium
Figura 1 – Enterococcus faecium

Filogenesi

Morfologia delle colonie

Anaerobi facoltativi, dopo 24 ore si presentano con colonie lisce e grigiaste (figura 2) da 1 a 2 mm, dal margine netto su Columbia Horse Blood Agar. La maggior parte dei ceppi sono α-emolitici. Le colonie coltivate su McConkey (figura 3) hanno un colore tendente al rosa.

Figura 2 - Enterococcus faecium su Columbia Horse Blood Agar
Figura 2 – Enterococcus faecium su Columbia Horse Blood Agar
Figura 3 - Enterococcus faecium su McConkey
Figura 3 – Enterococcus faecium su McConkey

Patogenesi

Enterecoccus faecium è un microrganismo noto come VRE (Vancomycin-resistant Enterococcus) coinvolto in infezioni nosocomiali. Tali microrganismi sono spesso causa di infezioni del tratto urinario, endocarditi subacute, setticemie e batteriemie.

Gli ambienti ospedalieri sono in genere i luoghi di maggior trasmissione di codesti cocchi, infatti sono classificati tra i patogeni più temuti. A favorire l’infezione è sicuramente l’immunodepressione e la lungodegenza.

I sintomi sono correlati al tratto interessato. Nel caso di endocardite si manifesta febbre alta, mal di testa e brividi, mentre per infezioni del tratto urinario, disuria, pollachiura, stranguria, ematuria, urine maleodoranti e febbre. La terapia può risultare molto lunga a causa della forte resistenza agli antibiotici.

Inoltre, E. faecium negli ultimi tempi pone resistenza anche ai farmaci ai quali era sensibile. Quinupristina e Dalfopristina (Synercid) è la terapia più efficace utilizzata ( figura 4).

Figura 4 - Enterococcus faecium è resistente alla Vancomicina e sensibile a Quinupristina/Dalfopristina
Figura 4 – Resistente alla Vancomicina e sensibilità a Quinupristina/Dalfopristina

Diagnosi

Diagnosticare un’infezione da Enterococcus faecium non è sempre molto semplice, poichè i test standard effettuati per l’isolamento hanno una bassa attendibilità. Si necessita di tecniche di biologia molecolare per l’amplificazione del DNA e la certezza del dato.

Fonti

Foto dell'autore

Veronica Nerino

Biologa. Analista presso impianto di potabilizzazione dell'acqua. Comprovata esperienza in tecniche analitiche per la ricerca di indicatori di igiene di processo e sicurezza (alimentare e ambientale). Ha coordinato la sezione di microbiologia in ambito alimentare e ambientale di un laboratorio accreditato. In continuo aggiornamento in campo microbiologico.

Hai suggerimenti che possano aumentare la qualità dei nostri contenuti sul sito di Microbiologia Italia o vuoi fornirci dei feedback per fare sempre meglio? Contattaci. Diffondi la scienza con noi e seguici su FacebookInstagramLinkedIn, TikTok, Twitter, Telegram e Pinterest. Ti piacciono i nostri articoli? Aiutaci con una Donazione o iscriviti alla nostra Newsletter ufficiale e potrai ricevere gratuitamente i fantastici articoli che giornalmente verranno pubblicati sul sito.

Rispondi