C’è vita su…Venere?!?

Solitamente il pianeta al centro dell’attenzione è Marte, con le mille teorie che riguardano possibili segni di vita sulla superficie del pianeta rosso. Questa volta, invece, è Venere a trovarsi al centro dell’attenzione.

Un pianeta infernale

Venere è il secondo pianeta del sistema solare, prende il nome dalla dea romana dell’amore e della bellezza.
Presenta un’atmosfera molto più densa di quella terrestre, costituita al 96,5% da anidride carbonica e al 3,5% da azoto.
La densità e la composizione dell’atmosfera creano un impressionante effetto serra che rende Venere il pianeta più caldo del sistema solare, superando la temperatura di 460° sulla superficie.

Scatto di venere
Figura 1 – Scatto di Venere osservato al telescopio.

Esso è avvolto da uno spesso strato di nubi, composte principalmente da acido solforico.
In una fascia che va dai 40 ai 60 km di quota, però le condizioni atmosferiche si attestano su valori molti simili a quelli terrestri, nonostante la forte presenza di queste nubi tossiche.

Ed è proprio in questa fascia che gli scienziati del MIT (Massachusetts Institute of Technology), in collaborazione con l’università di Cardiff e importanti centri di ricerca internazionale, hanno riscontrato la presenza di un importantissima molecola, la fosfina.

La fosfina: marcatore di bioattività

La fosfina, nota anche come idrogeno fosforato, è un gas incolore dall’odore sgradevole e molto tossico per la maggior parte delle forme di vita.
E’ utilizzata principalmente come pesticida in aziende agricole o come prodotto di scarto di attività industriali.
Essa, è associata secondo sempre uno studio dei ricercatori del MIT, ad attività biologiche, in particolar modo su pianeti rocciosi, e quindi ha un importante ruolo come marcatore di bioattività, non presentando origine abiotica.

struttura molecolare della fosfina
Figura 2 – Struttura molecolare della fosfina. (caratterizzata da angoli di legami con ampiezza di 93,5° e lunghezza di legami pari a 1,42 Å)

La scoperta

La presenza di questa sostanza, è stata verificata tramite uno studio spettroscopico, ovvero analizzando la luce proveniente dall’atmosfera di Venere.
In questa particolare analisi, accade che, parte della luce che colpisce questa molecola (o altre molecole e atomi) viene assorbita, e studiando quali bande di luce vengono assorbite si può determinare che tipo di materiali stiamo osservando.
Conoscendo lo spettro caratteristico della luce, quando colpisce la fosfina, gli scienziati sono stati in grado di riconoscere questa molecola seppur fosse a distanze astronomiche.

Spettroscopia della fosfina.
Figura 3 – Risultati della spettroscopia della fosfina nell’atmosfera di Venere.

La responsabile del già citato studio pubblicato su Astrobiology,che precede la scoperta attuale, Clara Sousa-Silva, afferma che:

“Trovare fosfina su Venere è stato un bonus inaspettato! La scoperta ha scaturito molte domande, come ad esempio alcuni organismi possano sopravvivere. Sulla Terra, molti microrganismi possono sopportare fino al 5% di acidità nel loro habitat, ma le nubi di Venere sonno completamente composte da acido.”

Non si ha, ovviamente, la completa certezza che questo composto sia prodotto esclusivamente da attività di tipo biologico, potendo sul pianeta esistere fonti abiotiche a noi sconosciute in grado di rilasciare fosfina.
I ricercatori però escludono che questo sia possibile secondo le nostre attuali conoscenze, e ipotizzano una massiccia presenza di batteri definiti estremofili, nello strato simil-terrestre dell’atmosfera di Venere, in grado di produrre questa molecola.

La dottoressa Greaves, responsabile della scoperta e della pubblicazione, afferma che :
“è molto difficile spiegare la presenza della molecola fosfina senza considerare la vita, quindi in nessun altro modo naturale.”

Inoltre, c’è da aggiungere che la quantità di fosfina in atmosfera, è estremamente elevata, e questo potrebbe essere spiegato esclusivamente dalla presenza di un habitat in cui forme di vita estremofile si sono adattate a vivere.

estremofili
Figura 4 – Schema esemplificativo della condizione estremofila.

E quindi, c’è vita su Venere?

Per definizione, i batteri estremofili, sono microrganismi adattati a vivere in condizioni estreme.
Anche per questi microrganismi però, le condizioni ambientali dell’atmosfera di Venere risulterebbero proibitive, per questo si pensa che per sopravvivere all’elevata acidità, pressione e temperatura delle nubi di Venere, queste forme di vita microscopiche siano del tutto sconosciute all’uomo e quindi per definizione aliene.
Tutto ciò è ovviamente ancora da dimostrare, e solo il tempo e l’innovazione nel campo della ricerca spaziale, ci daranno le risposte giuste.

In conclusione, se dovesse essere verificata la presenza di queste piccole forme di vita, si potrà affermare che esiste effettivamente una forma di vita aliena, il primo batterio alieno.

Video 1 – Il MIT spiega la sua scoperta (video in inglese)

Fonti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: