Una nuova arma contro i batteri: gli UVC

135039263-b2510307-9ece-423b-83fc-a62e8bc744baUno studio della Columbia University Medical Center, pubblicato su PLoS One, mette in evidenza che una particolare lunghezza d’onda, gli UVC (far-UVC, 207 nanometri) hanno la stessa efficacia battericida ma non sono dannosi per l’uomo. Non hanno infatti un potere penetrante sufficiente ad oltrepassare il primo strato epiteliale, costituito principalmente da cellule morte, ed arrivare alle cellule più profonde, vive. I batteri per loro sfortuna, sono sensibili a agli effetti deleteri degli UVC e quindi, sottoponendoli a questa radiazione, sono soggetti alla morte cellulare. Questi risultati sono stati ottenuti dopo numerosi esperimenti condotti su cavie ed adesso il passo successivo sarebbe quello di tentare l’approccio ospedaliero, ma tra la teoria e la pratica passerà sicuramente un pò di tempo. Studi approfonditi sono in ogni caso necessari poiché il trattamento di cateteri e strumentazioni mediche con gli UVC potrebbe garantire una sterilizzazione molto efficace che avrebbe sicuramente effetti positivi sulle continue infezioni ospedaliere da parte di batteri ormai multi-resistenti.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Rispondi