L’Attività Fisica nella Prevenzione del Declino Cognitivo

L’importanza dell’attività fisica per la salute fisica è nota da tempo immemorabile. Tuttavia, negli ultimi anni, numerosi studi hanno evidenziato come l’attività fisica porti benefici al corpo. Inoltre gioca un ruolo cruciale anche nella preservazione delle funzioni cognitive. In questo articolo, esploreremo un nuovo studio che mette in luce il legame tra attività fisica e miglioramento della memoria spaziale. Inoltre serve a discutere la complessa questione della neurogenesi nell’età adulta. In questo articolo informativo di Microbiologia Italia parleremo della correlazione tra attività fisica e declino cognitivo.

Attività Fisica Declino Cognitivo
L’Attività Fisica nella Prevenzione del Declino Cognitivo

L’Esperimento: Come l’Attività Fisica Incide sulla Memoria Spaziale

Un recente studio condotto da un gruppo di neuroscienziati argentini ha fornito nuove prospettive sul legame tra attività fisica e funzioni cognitive. L’esperimento coinvolgeva 98 volontari, di età compresa tra 18 e 40 anni, che sono stati sottoposti a un’esperienza immersiva in una “grotta visiva”. Qui, i partecipanti hanno osservato attentamente un paesaggio desertico proiettato sulle pareti e sul pavimento, cercando di memorizzare la posizione di una serie di bandiere.

Dopo questa fase di osservazione, i volontari sono stati divisi in due gruppi. Un gruppo che ha svolto 25 minuti di esercizio su una cyclette e l’altro che ha guardato un video di una corsa ciclistica. Ventiquattro ore dopo, entrambi i gruppi sono stati riportati nella grotta per individuare le bandierine. I risultati sono stati sorprendenti: sia i partecipanti abitualmente sedentari che gli atleti che avevano svolto l’esercizio fisico sono stati in grado di individuare correttamente le bandiere, mentre il gruppo che aveva guardato il video ha mostrato una performance inferiore.

Questo studio suggerisce che anche un breve periodo di attività fisica può migliorare la memoria spaziale, un aspetto critico della funzione cognitiva spesso compromesso con l’invecchiamento e in condizioni patologiche come il morbo di Alzheimer.

La Neurogenesi: Un Nuovo Orizzonte nella Scienza Cerebrale

Un aspetto affascinante emerso da questa ricerca è il ruolo dell’attività fisica nella neurogenesi, ovvero la formazione di nuovi neuroni nell’ippocampo, una regione chiave per la memoria e l’apprendimento. Sebbene la neurogenesi nell’età adulta sia stata oggetto di dibattito e ricerca, sempre più evidenze indicano che il cervello umano possa produrre nuovi neuroni anche in età adulta.

In passato, gran parte delle ricerche sulla neurogenesi sono state condotte su animali modello, come i topi. Tuttavia, gli studi sull’uomo presentano sfide etiche nel monitorare direttamente la formazione di nuovi neuroni. Pertanto, gli scienziati si affidano all’osservazione del comportamento della memoria per comprendere questo fenomeno.

L’attività fisica sembra giocare un ruolo chiave nel facilitare la neurogenesi, attraverso il rilascio di fattori neurotrofici come il Bdnf (Brain-derived neurotrophic factor), una proteina che favorisce la formazione di nuovi neuroni e sinapsi, oltre a esercitare un effetto protettivo sul cervello. Attività come nuoto, corsa e ciclismo sembrano essere particolarmente efficaci nel promuovere la neurogenesi e contrastare l’invecchiamento cerebrale, rispetto a esercizi anaerobici come il sollevamento pesi.

Attività Fisica e Declino Cognitivo: Conclusioni

In sintesi, questo studio fornisce ulteriori evidenze sull’importanza dell’attività fisica nella preservazione delle funzioni cognitive, in particolare della memoria spaziale. Inoltre, apre nuove prospettive sulla neurogenesi nell’età adulta e sull’effetto dell’esercizio fisico sulla formazione di nuovi neuroni nel cervello umano.

Mantenere uno stile di vita attivo potrebbe non solo migliorare la nostra forma fisica, ma anche preservare la nostra salute mentale e cognitiva nel lungo termine. Resta ancora molto da scoprire su questi meccanismi complessi, ma una cosa è certa: muoversi è fondamentale per il benessere del corpo e della mente.

Leggi anche:

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e sono il creatore di Microbiologia Italia. Mi sono laureato a Messina in Biologia con il massimo dei voti ed attualmente lavoro come microbiologo in un laboratorio scientifico. Amo scrivere articoli inerenti alla salute, medicina, scienza, nutrizione e tanto altro.

2 commenti su “L’Attività Fisica nella Prevenzione del Declino Cognitivo”

Lascia un commento

MICROBIOLOGIAITALIA.IT

Marchio®: 302022000135597

CENTORRINO S.R.L.S.

Bernalda, via Montegrappa 34

Partita IVA 01431780772