Quando è il momento di cambiare il tuo cuscino?

L’importanza di cambiare il cuscino con regolarità

Un cuscino confortevole e di sostegno è essenziale per garantire un riposo notturno adeguato. Tuttavia, molti spesso ignorano l’importanza di sostituire il cuscino con regolarità. Secondo la Fondazione del Sonno, il cuscino dovrebbe essere cambiato ogni due anni per ottenere il massimo beneficio dal riposo. In questo articolo, analizzeremo i segnali che indicano la necessità di un nuovo cuscino e forniremo alcuni suggerimenti per prolungarne la durata di due anni.

Cambiare i cuscini e disturbi del sonno

Un cuscino schiacciato può causare tensione muscolare e dolore. Nel tempo, i cuscini perdono la loro forma, specialmente se non vengono lavati regolarmente. Quando diventano piatti, offrono meno supporto per il collo, causando dolore nella zona cervicale, alle spalle e nella parte superiore della schiena. Inoltre, dormire su un cuscino troppo sottile può causare difficoltà respiratorie. Ciò può portare a congestione, specialmente quando si è sdraiati. Ciò richiede uno sforzo maggiore per respirare, impedendo il sonno ristoratore e causando frequenti risvegli notturni. Inoltre, aumenta la possibilità di russare.

Un rimedio semplice può essere quello di girare il cuscino ogni notte in modo da non dormire sempre sullo stesso lato. In questo modo, il cuscino rimarrà più soffice per un periodo più lungo e fornirà un supporto migliore.

Il cambio del cuscino e i batteri

La pelle e i capelli rilasciano costantemente oli che finiscono inevitabilmente sul cuscino e vengono assorbiti da esso. I cuscini raccolgono non solo queste cellule morte e gli oli della pelle, ma anche tutti i prodotti utilizzati per la loro cura, come creme e sieri. Inoltre, la saliva e il sudore possono essere assorbiti dal cuscino. La combinazione di oli, cellule morte della pelle, saliva e sudore crea un ambiente favorevole alla crescita dei batteri, che può causare problemi come pori ostruiti, brufoli e persino cisti.

Per mantenere la salute della pelle durante il sonno, è consigliabile utilizzare tessuti per le federe naturali e traspiranti, come il cotone o il lino, soprattutto se si ha la pelle sensibile o soggetta all’acne, in quanto riducono la sudorazione notturna. Anche se lavare i cuscini con acqua calda può ridurre la crescita batterica e mantenere la pelle pulita, i cuscini devono essere sostituiti dopo circa due anni per garantire il massimo beneficio per la pelle e la salute in generale.

Quando arriva il momento di cambiare il cuscino del letto?

Capire quando sostituire il cuscino del letto è essenziale per garantire un riposo adeguato. Ci sono diversi segnali che indicano la necessità di sostituire il cuscino. Se risulta grumoso e la sua superficie non mantiene la forma, con avvallamenti evidenti, allora è giunto il momento di sostituirlo. Inoltre, se si deve prendere un secondo cuscino o fare uso delle mani per sostenerlo durante il sonno, significa che il cuscino non sta più offrendo il sostegno adeguato. Altri segnali di sostituzione includono colorazioni giallastre o macchie sul cuscino. Inoltre, se il cuscino non passa il “test di piegatura”, ovvero, una volta lavato e asciugato, non ritorna alla sua posizione originale, allora è probabile che sia danneggiato e necessiti di essere sostituito.

Come far durare il cuscino di più ed evitare di cambiarlo subito?

Per far durare il cuscino più a lungo, la pulizia è essenziale. È consigliabile lavare i cuscini scoperti con acqua a una temperatura di almeno 50°C una volta al mese per controllare l’accumulo di olio, batteri ed allergeni. Tuttavia, il lavaggio frequente può degradare rapidamente il materiale del cuscino e deformarlo. Pertanto, ecco alcuni suggerimenti per allungare il tempo tra i lavaggi e far durare il cuscino più a lungo. L’uso di una federa con cerniera resistente alle allergie o di plastica ridurrà la necessità di lavare l’intero cuscino. Si consiglia di cambiare la federa almeno una volta a settimana.

In questo modo, si può ridurre il numero di lavaggi effettivi del cuscino a ogni tre o quattro mesi. Quando si lava il cuscino, è preferibile utilizzare un detersivo ipoallergenico e evitare l’ammorbidente, che può essere irritante per la pelle sensibile. Inoltre, prima di andare a letto, è consigliabile fare una pulizia accurata del viso, un leggero scrub e raccogliere i capelli, poiché lo sporco e l’olio possono accelerare la rottura dell’imbottitura del cuscino.

Come scegliere il cuscino giusto per te

Per scegliere il cuscino giusto, è possibile optare per alcuni tipi di cuscini che mantengono la forma meglio di altri, come il memory foam, e che possono essere sagomati in modo da sostenere meglio il collo.

Piegare il cuscino: è sbagliato?

A volte, le persone cercano di dare più altezza ad un vecchio cuscino piatto piegandolo o arrotolandolo. Tuttavia, questa pratica può impedire una corretta respirazione durante il sonno, costringendo a tenere la bocca aperta e provocando secchezza alla gola. Inoltre, può aumentare il rischio di sviluppare carie, malattie gengivali e gengiviti. La saliva ha il compito di neutralizzare l’acido in bocca e proteggere i denti dalle carie e le gengive dalle malattie parodontali.

Fonti

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e faccio parte di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Il portale di Microbiologia Italia è utile per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza.