Orticaria Acquagenica: Malattia che ti rende allergico all’acqua

L’orticaria acquagenica è una condizione medica straordinariamente rara che affligge solo un numero esiguo di individui in tutto il mondo, stimato intorno alle 250 persone. In questo articolo, esploreremo questa malattia insolita, comprese le sue cause, i sintomi, le opzioni di trattamento e le sfide che i pazienti affrontano nella gestione di questa condizione.

Orticaria Acquagenica

Cos’è l’Orticaria Acquagenica?

L’orticaria acquagenica è una forma particolare di orticaria, una reazione allergica che colpisce la pelle. Questa condizione si sviluppa quando la pelle entra in contatto con l’acqua, non solo quando viene toccata ma anche quando viene bevuta o quando l’organismo la produce, ad esempio sotto forma di sudore o lacrime. Mentre la maggior parte delle forme di orticaria è associata all’ingestione di cibi specifici o all’esposizione a sostanze allergeniche, l’orticaria acquagenica è scatenata dall’acqua stessa.

La National Library of Medicine degli Stati Uniti ha condotto diversi studi su questa patologia, dimostrando che il contatto con l’acqua in individui predisposti può causare vari sintomi. Nei casi più lievi, si manifesta un semplice prurito, noto come “prurito acquagenico”. Nei casi più acuti, si può sviluppare una forma grave di orticaria, con la comparsa di vesciche, bolle piene d’acqua e persino escoriazioni simili a tagli. Ciò che rende l’orticaria acquagenica particolarmente insolita è che le reazioni cutanee si verificano solo a contatto con l’acqua e non a seguito dell’ingestione di cibi o bevande.

La Storia di Tessa Hansen-Smith

Tessa Hansen-Smith è una giovane californiana di 25 anni originaria di Fresno. La sua storia ha attirato l’attenzione dei media perché è una delle poche persone al mondo ad essere affetta da questa rarissima condizione medica. Tessa ha vissuto con l’orticaria acquagenica fin dall’età di 8 anni. Questo significa che non è in grado di idratarsi in modo convenzionale. Nel suo caso, il semplice contatto con l’acqua provoca una sensazione di bruciore interno. Tessa ha condiviso la sua esperienza con ABC30, una emittente televisiva americana, raccontando di come persino il semplice atto di bere acqua o consumare cibi contenenti una quantità significativa di acqua le causasse disagio.

La madre di Tessa, Karen Hansen-Smith, è un medico generico e ha iniziato ad approfondire i disturbi di sua figlia quando era ancora una bambina. Oltre ai problemi di alimentazione, che Tessa ha imparato a gestire bevendo principalmente latte, ha raccontato dei momenti terrificanti che viveva sotto la doccia. Se rimaneva sotto il getto d’acqua per soli 5 minuti, iniziava ad iperventilare, sviluppava lividi sulla pelle e talvolta il cuoio capelluto arrivava a sanguinare. Tessa aveva addirittura rischiato di perdere i sensi. Questa condizione l’aveva costretta a limitare le attività che la facevano sudare o sporcare e a utilizzare il deodorante solo quando strettamente necessario.

Una Malattia Complessa

L’orticaria acquagenica è una condizione estremamente complessa e presenta molte incognite. È stata scoperta solo relativamente di recente, il primo caso fu segnalato da Walter B. Shelley nel 1964. Di conseguenza, la patologia è ancora poco compresa e presenta numerosi aspetti sconosciuti. Ciò che è noto è che quando il corpo è fortemente infiammato, si può verificare una reazione immunitaria sistemica anche dopo l’assunzione di alimenti. Tuttavia, con una terapia mirata studiata appositamente per ogni paziente, è possibile gestire questa condizione e gestire anche l’alimentazione in modo adeguato.

L’alimentazione svolge un ruolo cruciale nella vita dei pazienti con orticaria acquagenica. Poiché l’acqua è un nutriente vitale, è fondamentale garantire un’adeguata idratazione corporea. Inoltre, fornire al corpo tutti i nutrienti essenziali, comprese vitamine e minerali, è cruciale per la gestione della condizione. È importante anche limitare gli alimenti o le combinazioni di alimenti che possono aumentare l’infiammazione. Le persone con orticaria acquagenica sono spesso più sensibili e possono sperimentare fastidi aggiuntivi dopo l’assunzione di cibi specifici.

Come Mantenere l’Idratazione

Mantenere una corretta idratazione è fondamentale per i pazienti con orticaria acquagenica. Tuttavia, l’acqua stessa può essere problematica per loro. Pertanto, è necessario esplorare alternative all’acqua per soddisfare i bisogni idrici dell’organismo.

  1. Latte: Il latte vaccino, il latte di asina o di capra sono opzioni valide poiché contengono circa l’80% di acqua. Tuttavia, è importante prestare attenzione al latte vaccino, poiché un eccessivo consumo di lattosio può danneggiare l’intestino. È consigliabile alternare tra i diversi tipi di latte e non superare i 500 ml al giorno.
  2. Bevande a Base di Cocco e Avena: Queste bevande contengono anch’esse circa l’80% di acqua ed è possibile considerarle come opzioni di idratazione.
  3. Bevande a Base di Frutta Secca: Le bevande a base di frutta secca, tuttavia, richiedono attenzione poiché la frutta secca può contenere elevate quantità di nichel, che potrebbero peggiorare i sintomi in alcune persone sensibili.
  4. Alimenti Ricchi di Acqua a Basso Contenuto di Fibre: Verdure come carote, zucchine e bietine possono essere incluse nella dieta a pranzo poiché contengono molta acqua ma poche fibre.
  5. Alimenti Che Mantengono un pH Costante: Alcuni alimenti, come limoni, uva spina, mango, cocco, sedano, carote, cetrioli, pane non lievitato, insalate crude, formaggi freschi e yogurt, possono aiutare a mantenere un pH del sangue costante e migliorare i sintomi.

È importante notare che l’auto-trattamento o il fai-da-te non sono raccomandati per i pazienti con orticaria acquagenica. La consulenza di uno specialista è essenziale per garantire che le scelte alimentari siano adeguate e sicure.

Conclusioni sull’Orticaria Acquagenica

L’orticaria acquagenica è una condizione medica straordinariamente rara ma estremamente complessa. Tessa Hansen-Smith, una giovane californiana, è una delle poche persone al mondo a vivere con questa malattia. La gestione dell’orticaria acquagenica richiede una comprensione approfondita della condizione e un’attenzione costante all’alimentazione per garantire un’adeguata idratazione e una riduzione dei sintomi.

Sebbene sia una patologia estremamente rara, l’orticaria acquagenica mette in evidenza l’importanza di una dieta bilanciata e di una consulenza medica appropriata per le persone affette da condizioni mediche insolite. La ricerca continua è fondamentale per comprendere meglio questa condizione e sviluppare trattamenti più efficaci per coloro che ne sono colpiti.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e sono il creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Il portale di Microbiologia Italia è utile anche per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a temi che trattano salute, benessere, nutrizione e medicina.

Lascia un commento