Gli impatti del volo spaziale sulla struttura del Cervello umano

Introduzione: il volo spaziale può influire sul cervello?

Il volo spaziale è un’impresa avvincente e affascinante che ha catturato l’immaginazione umana per decenni. Tuttavia, per gli astronauti che si avventurano nello spazio, ci sono importanti considerazioni da tenere in mente riguardo alla loro salute e al benessere fisico. Uno degli aspetti cruciali da comprendere è l’effetto della microgravità sul corpo umano, in particolare sul cervello. Uno studio recente intitolato “Impatti dell’esperienza del volo spaziale sulla struttura del cervello umano”, condotto dall’Università della Florida e pubblicato su Scientific Reports, ha gettato luce su questa affascinante tematica.

volo spaziale e cervello
Figura 1 – Il volo spaziale è un’impresa avvincente e affascinante che ha catturato l’immaginazione umana per decenni: quali gli impatti sul cervello?

La microgravità e i cambiamenti strutturali del cervello

I ricercatori dell’Università della Florida hanno analizzato le scansioni cerebrali di 30 astronauti che sono tornati da missioni spaziali di varie durate. È emerso che la permanenza nello spazio influisce sulla struttura del cervello umano in modi interessanti e significativi. Durante l’esposizione prolungata alla microgravità, i ventricoli cerebrali, quattro cavità comunicanti responsabili della produzione e del trasporto del liquido cerebrospinale all’interno dell’encefalo e del midollo spinale, tendono ad aumentare di volume. La professoressa Rachael Seidler, esperta di fisiologia applicata presso l’Università della Florida e autrice dello studio, ha spiegato: “Abbiamo scoperto che più tempo le persone trascorrono nello spazio, più grandi diventano i loro ventricoli”.

Effetti sulla vista e sul liquido cerebrospinale

Oltre ai cambiamenti nei ventricoli cerebrali, il volo spaziale di lunga durata può anche influire sulla vista degli astronauti. Già nel 2005, l’astronauta della NASA John Phillips aveva riscontrato problemi agli occhi dopo una missione spaziale di sei mesi. Dopo una serie di test, i ricercatori avevano scoperto che la quantità di liquido cerebrospinale nel cervello può subire alterazioni a seguito di un volo spaziale prolungato, influenzando la vista per oltre un anno dopo il ritorno sulla Terra.

Altri effetti del volo spaziale sul corpo Umano

Oltre agli impatti sul cervello, la permanenza nello spazio può causare una serie di altri cambiamenti nel corpo umano. Uno di questi è la perdita di densità ossea, che può portare a fragilità e aumentare il rischio di fratture. L’atrofia muscolare è un altro effetto comune, poiché l’assenza di gravità limita l’uso dei muscoli, portando a una loro riduzione di dimensioni e forza. Inoltre, il cuore, la colonna vertebrale e le cellule stesse possono subire danni a causa dell’esposizione prolungata alla microgravità.

Prospettive future e considerazioni

Nonostante i progressi significativi nel comprendere gli effetti del volo spaziale sul corpo umano, molti interrogativi rimangono ancora aperti. La professoressa Seidler afferma: “Non sappiamo ancora con certezza quali siano le conseguenze a lungo termine di questa espansione dei ventricoli cerebrali sulla salute e sul comportamento dei viaggiatori spaziali”. Tuttavia, è incoraggiante notare che i cambiamenti non sembrano aumentare in modo esponenziale, anche considerando che in futuro vi saranno missioni spaziali di durata ancora più prolungata.

Con l’obiettivo di stabilire una presenza umana sostenibile sulla Luna e di esplorare il pianeta Marte, la NASA e altre agenzie spaziali stanno affrontando la sfida di comprendere i rischi associati all’esposizione prolungata allo spazio. L’importante studio condotto dall’Università della Florida stabilisce un punto cruciale: gli astronauti necessitano di un periodo di almeno tre anni di recupero sulla Terra prima di affrontare nuovamente lo spazio. Consentire al cervello di riprendersi da queste esperienze estreme sembra essere una buona pratica per preservare la salute e il benessere dei viaggiatori spaziali.

In conclusione, l’esplorazione spaziale è una delle frontiere più affascinanti che l’umanità si appresta a conquistare. Tuttavia, come abbiamo visto, vi sono importanti considerazioni da tenere in mente per garantire la salute degli astronauti che si avventureranno nello spazio. L’indagine condotta dall’Università della Florida offre una preziosa panoramica sugli effetti del volo spaziale sulla struttura del cervello umano. Continuare a studiare questi impatti e adattare le future missioni spaziali in modo da mitigare i rischi sarà fondamentale per rendere l’esplorazione dello spazio una realtà sicura e sostenibile per l’umanità.

Bibliografia

  1. Smith, J. D., Seidler, R. D., Clark, T. K., & Williams, D. (2023). Impatti dell’esperienza del volo spaziale sulla struttura del cervello umano. Scientific Reports, 13(1), 1-9.
  2. Nature
Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento