Evviva la Batteriocina

Prevenire alcune infezioni delle alte vie respiratorie, come l’otite e relative ricorrenze in età pediatrica con la batterioterapia. È questa la scommessa di un’equipe di ricercatori del laboratorio di Microbiologia Molecolare e Antibiotico resistenza (M.M.A.R.) dell’Università di Catania che sta sperimentano un nuovo studio di profilassi.

La batterioterapia si basa sull’uso di microrganismi buoni, e dunque non patogeni. Questi ultimi sono in grado di produrre una sostanza naturale che si chiama batteriocina, a sua volta in grado di eliminare due patogeni molto importanti, e cioè lo Streptococcus pneumoniae e Streptococcus pyogenes. Il microrganismo buono usato in questo caso, lo Streptococcus salivarius, potrebbe essere in grado di colonizzare le alte vie respiratorie crescendo al posto dei microrganismi patogeni.

I finanziamenti per lo studio arrivano da fondi pubblici e privati. La ricerca è condotta in collaborazione con l’Ospedale di Acireale e con una cattedra di Pediatria dell’Università di Milano.

La responsabile del progetto di ricerca è la docente Stefania Stefani del M.M.AR., che racconta i vari step della ricerca insieme alle ricercatrici Maria Santagati e Marina Scillato.

Si ringrazia Zammùtv per la gentile concessione del materiale

Informazioni su Francesco Centorrino 69 Articoli
Laureato in biologia ed appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza.

Commenta per primo

Rispondi