Microbiota Intestinale e la Fobia Sociale: Connessione Inaspettata

La sola idea di stare in un contesto sociale vi fa venire i crampi alla pancia? La paura degli altri potrebbe in effetti avere un’origine… viscerale. Alcuni microrganismi del microbiota intestinale, nella vasta popolazione che abita il nostro intestino sembrerebbero infatti giocare un ruolo nel disturbo d’ansia sociale o fobia sociale, il terrore di avere a che fare con altre persone nei luoghi e nelle attività quotidiane. Lo dimostra una ricerca pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences.

Il Ruolo del Microbiota Intestinale

Un filone ormai nutrito di studi suggerisce che la composizione del microbiota intestinale possa in alcuni aspetti condizionare la sfera emotiva e i comportamenti umani. Secondo queste ricerche, sempre più condivise, tipologie e concentrazioni di batteri intestinali potrebbero contribuire alle alterazioni all’origine di alcuni disturbi mentali e malattie neurodegenerative. Chi soffre di fobia sociale vive reazioni emotive molto intense quando si trova costretto a mangiare o parlare in pubblico, a partecipare a feste o discussioni, o ad affrontare altre situazioni in cui ci si espone a un potenziale – e temuto – giudizio degli altri.

Nuovi Inquilini nell’Intestino

Alcuni scienziati dell’University College Cork, in Irlanda, e dell’Ospedale Universitario di Francoforte hanno ipotizzato che il microbiota possa contribuire anche a quest’ultimo disturbo e per verificare la loro idea, hanno sottoposto alcuni topi a trapianti di materia fecale di donatori affetti da disturbo di ansia sociale. Dopo aver neutralizzato il microbiota intestinale originario degli animali con alcuni farmaci, hanno diviso i topi in due gruppi. Alcuni animali hanno ricevuto trapianti fecali di individui con fobia sociale, altri di persone senza questa condizione.

I Risultati dell’Esperimento

A questo punto, gli animali sono stati sottoposti a situazioni sociali più o meno familiari, in cui dovevano interagire con topi mai visti o con altri che conoscevano bene. I topi reduci da trapianto di batteri di persone con fobia sociale hanno in effetti mostrato i sintomi di ansia tipici delle situazioni “collettive”, a differenza dei topi del gruppo di controllo. Nessuna diversità di comportamento è stata invece notata quando gli animali hanno interagito con topi a loro familiari.

Il Microbiota e la Fobia Sociale

Analizzando più nel dettaglio il microbiota, il team ha notato differenze sostanziali nella popolazione di batteri dei due gruppi. In particolare, i topi reduci dal trapianto di feci di individui con fobia sociale mostravano concentrazioni più basse di tre tipi di batteri. Differenze sono state osservate anche nella quantità di ossitocina e altri neurotrasmettitori prodotti dai roditori, così come nei livelli generali di infiammazione, che è parsa favorita nei topi resi – attraverso il trapianto – timorosi degli altri.

In conclusione, questa ricerca suggerisce una possibile connessione tra il microbiota intestinale e la fobia sociale. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questa relazione. I risultati finora ottenuti aprono nuove prospettive nell’ambito della comprensione e del trattamento dei disturbi d’ansia sociale. Sembra che la nostra pancia possa influenzare non solo il nostro sistema digestivo, ma anche il nostro benessere mentale.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Rispondi