L’osteoporosi e il ruolo dei probiotici nella salute delle ossa

L’osteoporosi è una condizione patologica che indebolisce le ossa, rendendole fragili e più suscettibili a fratture anche con minimi traumi. I trattamenti attuali per l’osteoporosi puntano a migliorare la qualità e la resistenza delle ossa, sia promuovendo la formazione del tessuto osseo attraverso farmaci anabolizzanti, sia riducendo il riassorbimento osseo con agenti anti-riassorbimento. Tuttavia, tali trattamenti possono comportare effetti collaterali significativi. Le ricerche recenti sul microbiota intestinale stanno rivelando nuovi collegamenti tra l’omeostasi del metabolismo osseo e la flora intestinale. Uno studio pubblicato sul British Journal of Nutrition ha esplorato l’effetto dei probiotici sulla salute delle ossa.

Osteoporosi postmenopausale

L’osteoporosi postmenopausale è la forma più diffusa di osteoporosi, risultante dalla diminuzione degli estrogeni dopo la menopausa. Circa il 50% delle donne in postmenopausa sviluppa osteoporosi. Il tessuto osseo è costantemente soggetto a cicli di modellamento e rimodellamento, mantenendo un equilibrio tra la formazione ossea, operata dagli osteoblasti, e il riassorbimento osseo, eseguito dagli osteoclasti. Dopo la menopausa, la carenza di estrogeni disturba questo equilibrio, favorendo il riassorbimento osseo a discapito della formazione ossea.

Trattamenti farmacologici per l’osteoporosi

Per gestire l’osteoporosi, esistono farmaci anti-riassorbimento come:

  • Estrogeni
  • Bifosfonati (es. alendronato)
  • Modulatori selettivi dei recettori degli estrogeni (es. raloxifene)
  • Anticorpi monoclonali umani contro RANKL (es. denosumab)
  • Ranelato di stronzio (SR)

Nonostante la loro efficacia, questi farmaci possono provocare effetti collaterali rilevanti.

Microbioma e salute delle ossa

È stato dimostrato che batteri probiotici come Lactobacillus e Bifidobacterium favoriscono l’assorbimento di minerali essenziali come calcio (Ca), magnesio (Mg) e fosforo (P), incrementando la densità minerale ossea (BMD). Il microbioma intestinale contribuisce anche alla sintesi delle vitamine B e K e al metabolismo degli acidi biliari, elementi cruciali per la salute delle ossa e l’assorbimento del calcio.

Potenziale dei probiotici

Alcuni studi suggeriscono che la manipolazione del microbioma tramite probiotici potrebbe migliorare la salute ossea, prevenendo o curando l’osteoporosi. I probiotici influenzano il microbiota intestinale e hanno dimostrato di inibire il riassorbimento osseo e promuovere la formazione ossea.

Utilizzo dei probiotici nel trattamento dell’osteoporosi

I probiotici operano modulando il microbiota intestinale e mostrando effetti inibitori sul riassorbimento osseo osteoclastico e promuovendo la formazione ossea osteoblastica. La regolazione dell’omeostasi ossea tramite probiotici avviene grazie alle loro capacità immunomodulanti, mediate dalla produzione di acidi grassi a catena corta (SCFA) o dalla gestione diretta della permeabilità intestinale.

Gli SCFA stimolano l’espansione delle cellule T regolatorie, che, insieme alle cellule T CD8, modulano la produzione di Wnt10b, una proteina che agisce sulle cellule stromali e sugli osteoblasti per promuovere la formazione ossea. Inoltre, i probiotici mantengono l’integrità delle cellule epiteliali intestinali, fondamentale per separare i batteri commensali dalle cellule immunitarie della mucosa.

Integrità delle cellule epiteliali intestinali e osteoporosi

Nell’osteoporosi, l’integrità delle cellule epiteliali intestinali è spesso compromessa, portando all’espansione delle cellule Th17 che producono citochine infiammatorie, stimolando l’osteoclastogenesi e portando alla perdita ossea. I probiotici migliorano la funzione della barriera epiteliale, limitando l’espansione delle cellule Th17 e prevenendo l’infiammazione osteoclastogenica e la perdita ossea.

Effetti dei probiotici sulla densità minerale ossea

Studi hanno mostrato che i probiotici aumentano significativamente la densità minerale ossea in animali ovariectomizzati, con il maggior effetto osservato nella densità minerale totale del femore. L’analisi degli effetti combinati ha rivelato che il trattamento probiotico aumenta significativamente il volume osseo rispetto al controllo in tutti i siti scheletrici studiati, con risultati particolarmente significativi nella tibia e nella vertebra.

Effetti dei probiotici su formazione e riassorbimento osseo

Per valutare l’effetto dei probiotici sulla formazione ossea, sono stati analizzati i livelli sierici di marcatori come osteocalcina, calcio e fosfatasi alcalina (ALP). L’osteocalcina è una proteina prodotta dagli osteoblasti durante la formazione ossea, il calcio è un componente essenziale della mineralizzazione ossea e l’ALP è un enzima cruciale per la mineralizzazione ossea. I risultati hanno mostrato che il trattamento probiotico tende ad aumentare tutti e tre i marcatori sierici di formazione ossea.

Per valutare l’effetto dei probiotici sul riassorbimento osseo, sono stati analizzati i telopeptidi C-terminali del collagene di tipo I e II (CTX), frammenti peptidici prodotti durante il riassorbimento osseo. I risultati indicano che il trattamento probiotico ha avuto un effetto soppressivo sul riassorbimento osseo.

Conclusioni

I risultati dello studio suggeriscono che i probiotici hanno il potenziale per migliorare la salute delle ossa nelle donne in postmenopausa. L’integrazione probiotica potrebbe rappresentare una strategia semplice e sicura per prevenire o ritardare l’insorgenza dell’osteoporosi. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per confermare questi risultati e per identificare i ceppi specifici di probiotici e i meccanismi coinvolti negli effetti osservati.

FAQ:

Come funzionano i probiotici nella prevenzione dell’osteoporosi?
I probiotici influenzano il microbiota intestinale, favorendo l’assorbimento di minerali essenziali e modulando la risposta immunitaria, contribuendo così alla salute ossea.

Quali probiotici sono più efficaci per la salute delle ossa?
I ceppi di Lactobacillus e Bifidobacterium sono stati studiati per il loro ruolo positivo nella densità minerale ossea.

Quali sono i principali benefici dei probiotici per le donne in postmenopausa?
I probiotici possono aiutare a mantenere la densità ossea, prevenire l’infiammazione osteoclastogenica e migliorare l’integrità della barriera intestinale.

I probiotici hanno effetti collaterali?
In genere, i probiotici sono considerati sicuri, ma è sempre consigliabile consultare un medico prima di iniziare qualsiasi nuova integrazione.

Leggi anche:

  1. Il nostro blog
  2. Il Metabolismo Osseo
  3. La Salute delle Ossa nelle Donne: Fatti e Suggerimenti
  4. Osteoporosi e allenamento: La guida completa per proteggere le tue ossa
  5. Stress e Rischio di Osteoporosi: Fattori da Considerare

Consigli per gli Acquisti:

  1. Integratori consigliati
  2. Libri per la tua salute
  3. I nostri Libri
Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e faccio parte di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Il portale di Microbiologia Italia è utile per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza.

1 commento su “L’osteoporosi e il ruolo dei probiotici nella salute delle ossa”

Lascia un commento