Lo sapevi che il rischio di Infarto può dipendere dal microbiota?

In questo articolo parleremo di un’importante scoperta: il rischio di infarto del miocardio può dipendere dal microbiota.

Il Cuore e il Microbiota: Uno Studio Svedese Rivela che il rischio di Infarto può dipendere dal microbiota

La salute del cuore, in particolare il rischio di infarto, potrebbe essere profondamente influenzata da un aspetto sorprendente e inaspettato: la composizione del microbiota. Uno studio condotto in Svezia e pubblicato su Circulation ha gettato luce su una possibile connessione tra il microbiota e le malattie cardiovascolari.

Batteri e Placche Aterosclerotiche: Un Legame Inatteso

Le placche aterosclerotiche, risultato dell’accumulo di depositi di grasso e colesterolo, rappresentano una delle principali cause di infarto. Le malattie cardiovascolari occupano il primo posto tra le cause di morte, rendendo la loro comprensione e prevenzione di fondamentale importanza. Secondo lo studio, alcune specie di streptococchi, noti per essere spesso associati a polmoniti e infezioni della gola, e altre specie presenti nel cavo orale potrebbero essere legate all’aumento delle placche aterosclerotiche nelle arterie del cuore.

Il Ruolo del Microbiota nel Cuore e Nelle Arterie

La professoressa Tove Fall, esperta di Epidemiologia Molecolare presso l’Università di Uppsala, ha coordinato lo studio insieme ai ricercatori della Lund University. Essi hanno esaminato i batteri presenti nell’intestino, nella bocca e nella gola di quasi novemila partecipanti di età compresa tra 50 e 65 anni. Questi partecipanti facevano parte dello Swedish CArdioPulmonary bioImage Study (SCAPIS) e non presentavano malattie aterosclerotiche note in precedenza.

Microbiota e Calcificazione dell’Arteria Coronarica

I risultati dello studio hanno mostrato una correlazione interessante tra la calcificazione dell’arteria coronarica e 64 specie batteriche. Tra queste, spiccavano Streptococcus e Oscillobacter, frequentemente presenti nella bocca. Il professor Luca Masucci, esperto di Microbiologia, ha commentato che i metaboliti microbici possono influenzare il metabolismo dell’ospite, incluso quello lipidico. La composizione del microbiota intestinale è stata associata a disturbi metabolici come obesità e diabete di tipo 2.

Il Possibile Ruolo Infiammatorio dei Batteri

Il passaggio di batteri vivi o delle loro componenti strutturali, come le endotossine, nel flusso sanguigno potrebbe contribuire al basso grado di infiammazione dell’organismo, favorendo il processo di aterosclerosi. La scoperta di DNA batterico all’interno delle placche aterosclerotiche ha sollevato la possibilità che i batteri possano infettare direttamente queste placche e accelerare la progressione dell’aterosclerosi.

Un Microbiota Sano per un Cuore Sano

In sostanza, il microbiota, un organo vitale che pesa circa 1,5 kg, potrebbe avere un ruolo cruciale nella nostra salute cardiaca. Mantenerlo in buona salute potrebbe riflettersi positivamente sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari. Gli esperti consigliano un’alimentazione bilanciata, caratterizzata da pietanze poco elaborate a base di cibi integrali, legumi, verdura, frutta colorata e di stagione, frutta secca e uova. Limitare il consumo di cibi di origine animale, soprattutto quelli processati e ricchi di zuccheri e additivi, potrebbe favorire la crescita di batteri “amici” che promuovono la salute.

Conclusioni e Prospettive Future

I risultati di questo studio svedese hanno aperto nuove strade nella comprensione delle relazioni complesse tra il microbiota, la salute del cuore e le malattie cardiovascolari. Mentre i legami sono stati rivelati, molti aspetti richiedono ulteriori approfondimenti. La diversità del microbiota in diverse popolazioni umane, influenzata da fattori come alimentazione, ambiente e abitudini, richiederà studi più approfonditi per delineare con precisione le correlazioni tra batteri e malattie intestinali e sistemiche.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento