Streptococcus salivarius

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Caratteristiche

Streptococcus salivarius è una specie di batteri gram positivi appartenente alla famiglia Streptococcaceae. Parliamo di microorganismi anaerobi facoltativi.

S. salivarius colonizza la cavità orale e il tratto respiratorio superiore poche ore dopo la nascita rendendo, in molte circostanze, innocue le future esposizioni a tali batteri. Facciamo riferimento a patogeni opportunisti che, raramente, giungono a livello del circolo sanguigno dove, in persone affette da neutropenia, sono implicati nell’insorgenza di sepsi.

Filogenesi

DominioProcaryota
RegnoBacteria
PhylumFirmicutes
ClasseCocci
OrdineLactobacillales
FamigliaStreptococcaceae
GenereStreptococcus
SpecieStreptococcus salivarius

Morfologia delle colonie

S. salivarius è un microorganismo coccale che si presenta in coppia o in catene

Streptococcus salivarius al microscopio ottico
Figura 1 – S. salivarius al microscopio ottico

Questi batteri producono piccole colonie su agar sangue (di circa 0.5 – 1.0 mm), con un caratteristico alone verde stretto che indica emolisi determinata dalla distruzione incompleta dei globuli rossi.

Streptococcus salivarius su agar sangue
Figura 2 – S. salivarius su agar sangue

Patogenesi

S. salivarius non è dotato di un elevato potenziale virulento, di fatti la sua presenza nelle emocolture è indice di contaminazione.

Il suo ruolo di microorganismo patogeno viene stabilito nei soggetti immunodepressi, specie nelle persone con cancro e negli individui con cirrosi dove, in particolare, può causare batteriemia e cellulite. Inoltre sono noti casi isolati di meningite, endoftalmite, polmonite, endocardite ed osteite.

Metodi di identificazione

 S. salivarius cresce in maniera ottimale a  37 ° C in CO2 per 16 – 24 ore, quindi prospera nella mucosa umana.

Questi batteri non hanno antigeni delle pareti per i gruppi B o D, non crescono nel brodo di cloruro di sodio al 6,5% e non sono solubili nella bile o sensibili all’optochinone.

streptococcus salivarius su blood agar
Figura 3 – S. salivarius su blood agar

Terapia

La terapia prevede l’utilizzo di penicillina o eritromicina (per le persone allergiche alla penicillina), poichĂ© questo microorganismo è sensibile a tali farmaci. 

Ad oggi non ci sono vaccini per questo batterio. Per le persone ad aumentato rischio di infezione, viene eseguita la somministrazione mensile di penicillina benzatina o l’uso quotidiano di penicillina orale.

S. salivarius Ă¨ sensibile a molti disinfettanti quali: l’ipoclorito di sodio all’1%, l’etanolo al 70%,  la formaldeide, la glutaraldeide, lo iodio ed al calore umido (121 ° C per almeno 15 minuti) e secco (160-170 ° C per almeno 1 ora).

Fonti

Giovanna Spinosa

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Lascia un commento