Un inno ai batteri dell’oceano che ci permettono di respirare!

Chi parla per i microbi dell’oceano? La Dr.ssa Elisha Wood-Charlson lo fa.

L’importanza dei microbi dell’oceano è abbastanza semplice. Se ti piace respirare, mangiare frutti di mare, o l’idea di una bella spiaggia di sabbia bianca, allora la comprensione dei processi microbici negli oceani diventa importante“, ha detto in un’intervista per Microbes & Climate Change Issue.

Secondo la dottoressa Wood-Charlson essi rappresentano oltre il 90% della biomassa degli oceani e quindi guidano i cicli biogeochimici globali. Producono abbastanza ossigeno per riempire i polmoni per ogni respiro che fai ogni secondo. Prochlorococci da solo produce un quinto dell’ossigeno nella nostra atmosfera. I piccoli cianobatteri marini, inoltre, convertono l’anidride carbonica in carbonio commestibile, che viene consumato da SAR11, il più abbondante organismo cellulare dell’oceano.

La dottoressa Wood-Charlson e il team di SCOPE stanno lavorando per approfondire la nostra comprensione dei microbi dell’oceano modellando questi processi microbici. Esaminare queste piccole interazioni microbiche aiuterà a rispondere a grandi domande sul ciclo del carbonio e altri processi microbici critici.

Dato il ruolo importante dei microbi dell’oceano, si potrebbe immaginare che gli scienziati del clima stanno mirando a loro per comprendere il cambiamento climatico. Tuttavia, secondo la dottoressa Wood-Charlson, i processi microbici dell’oceano “non sono ben rappresentati nei modelli climatici attuali “. Inoltre, in un suo articolo ha detto: “Alla luce del cambiamento globale in corso e della centralità dei microbi nei cicli biogeochimici globali, le loro risposte e le loro attività specifiche nel contesto della modellazione del cambiamento climatico non possono più essere ignorate“.

In previsione della Giornata Mondiale degli Oceani, l’ASM sta festeggiando i microbi dell’oceano e gli scienziati come la Dr.ssa Wood-Charlson che non solo approfondiscono la nostra comprensione di questi potenti  organismi, ma fanno anche in modo che possano continuare a fare il loro importantissimo lavoro.

 

Salvatore Gemmellaro

 

Fonte: American Society For Microbiology

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: