Cardiopatie: Le donne muoiono più degli uomini

In questo articolo metteremo in evidenza un dato importante: nelle Cardiopatie le donne muoiono più degli uomini.

Il cuore, incompreso e spesso sottovalutato nelle donne, è oggetto di una chiamata all’azione da parte della Fondazione per il Tuo Cuore – Anmco, che lancia un appello per una “prevenzione di genere.” In Italia, ogni anno, si registrano ben 230.000 decessi cardiovascolari, e sorprendentemente, l’80% di questi decessi potrebbe essere evitato. Questo articolo getta luce sulla situazione e mette in evidenza l’importanza di una prevenzione mirata alle donne.

Cuore, un Killer al Femminile

Le malattie cardiache, a lungo percepite come un problema maschile, stanno emergendo con forza tra la popolazione femminile. Secondo i cardiologi, è giunto il momento di sfatare il mito che queste malattie siano tipiche del sesso maschile. In Italia, sebbene il tasso di ospedalizzazione per patologie cardiovascolari acute sia quasi doppio negli uomini rispetto alle donne, la mortalità nelle donne è maggiore in Europa, sia in termini assoluti che percentuali.

Una Chiamata alla Prevenzione di Genere

In vista della Giornata Mondiale del Cuore, celebrata il 29 settembre, la Fondazione per il Tuo Cuore dell’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri (Anmco) ribadisce che il cuore non fa distinzioni di genere e sottolinea il ruolo cruciale della prevenzione specifica per le donne.

La Fondazione afferma che le malattie cardiovascolari rimangono la principale causa di morte nel mondo, con circa 17 milioni di decessi annuali, di cui 230.000 solo in Italia. L’80% di questi decessi è prevenibile, grazie a fattori modificabili legati a corretti stili di vita e comportamenti.

Il messaggio per il 2023 della Giornata Mondiale del Cuore è chiaro: la prevenzione e l’aderenza alle cure sono fondamentali per vivere bene, anche con una malattia cardiovascolare.

Il Potere della Prevenzione

Domenico Gabrielli, presidente della Fondazione per il Tuo Cuore e direttore di Cardiologia all’Ospedale San Camillo di Roma, sottolinea che la prevenzione è l’arma più efficace contro le malattie cardiovascolari. La Fondazione Anmco, da oltre vent’anni, si impegna attivamente nella ricerca e in iniziative di prevenzione, con l’obiettivo di ridurre queste malattie che colpiscono tanto uomini quanto donne.

I Rischi del “Cuore Rosa”

Le donne affrontano sintomi atipici e spesso tardive diagnosi quando si tratta di problemi cardiaci. Gabrielli spiega che, nonostante le donne sviluppino la malattia cardiaca ischemica in media 10 anni dopo gli uomini, le conseguenze sono spesso più gravi, con una maggiore mortalità e complicanze a tutte le età.

Maggiori Sfide nella Diagnosi e nel Trattamento

Le malattie cardiache femminili presentano sintomi atipici, complicando la diagnosi e il trattamento. Il presidente della Fondazione per il Tuo Cuore evidenzia che il dolore, sintomo principale, è più sfumato e localizzato in sedi atipiche nelle donne, ritardando così diagnosi e trattamento. La maggiore mortalità intraospedaliera è anche legata al ritardo nella ricerca di aiuto e a un maggior numero di complicanze post-infartuali rispetto agli uomini.

Il Ruolo del “Genere” nella Prevenzione

Gabrielli sottolinea l’importanza di comprendere le manifestazioni specifiche delle malattie cardiovascolari nelle donne, al fine di ridurre le disparità di assistenza sanitaria e migliorare la salute generale. La Giornata Mondiale del Cuore è un’opportunità per ricordare a tutti l’importanza della prevenzione e della cura del proprio cuore, indipendentemente dal genere.

Una Svolta nella Prevenzione

Negli ultimi decenni, si è assistito a un significativo calo della mortalità dovuta alle malattie cardiovascolari, grazie a trattamenti farmacologici e al miglioramento del controllo dei fattori di rischio. La consapevolezza dei comportamenti a rischio, come il fumo, l’abuso di alcol, una dieta scorretta e la sedentarietà, sta portando a una migliore gestione della salute cardiaca.

In conclusione, è fondamentale comprendere che il cuore delle donne è altrettanto suscettibile di malattie cardiovascolari quanto quello degli uomini. La prevenzione e la consapevolezza sono le chiavi per una vita sana e la riduzione delle morti dovute a queste patologie. Il messaggio è chiaro: non abbassiamo la guardia, prendiamoci cura del nostro cuore, indipendentemente dal genere.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento