Birre Buone? Questione di Lieviti!

Quando si tratta di birra, il sapore, l’aroma e la complessità dipendono da una vasta gamma di fattori, ma uno dei più influenti è il tipo di lievito utilizzato nella fermentazione. I lieviti sono microrganismi responsabili della fermentazione dei zuccheri presenti nel mosto, trasformandoli in alcol etilico e anidride carbonica. Questo processo produce la birra che amiamo e, sorprendentemente, i lieviti possono avere un impatto significativo sul profilo di gusto di una birra. In questo articolo, esploreremo il ruolo dei lieviti nella produzione di questa bevanda molto apprezzata e come ne influenzano il suo sapore.

Birre e lieviti
Figura 1 – Da cosa dipende la qualità della Birra che beviamo?

Birre e lieviti, quali tipi ci sono

Esistono due tipi principali di lieviti utilizzati nella produzione di birra: il lievito ale e il lievito lager. Ogni tipo ha un insieme unico di caratteristiche che contribuisce alle differenze tra le birre.

Lievito Ale:

  • Fermentazione ad alta temperatura: I lieviti ale lavorano meglio a temperature più calde, generalmente tra i 15°C e i 24°C.
  • Sapore fruttato e complesso: La fermentazione ad alta temperatura produce esteri e fenoli che contribuiscono a un profilo di sapore più fruttato e speziato.
  • Rapida fermentazione: I lieviti ale tendono a lavorare più velocemente dei loro cugini lager, il che può accelerare il processo di produzione di birra.

Lievito Lager:

  • Fermentazione a bassa temperatura: I lieviti lager richiedono temperature più fredde, tipicamente tra i 7°C e i 13°C.
  • Sapore pulito e morbido: La fermentazione a basse temperature produce meno composti aromatici, risultando in una birra con un sapore più pulito e meno complesso.
  • Lunga maturazione: Le birre di tipo lager richiedono generalmente un periodo di maturazione più lungo rispetto alle birre di tipo ale.

Come i Lieviti Influenzano il Gusto

Oltre al tipo di lievito, ci sono altre variabili che possono influenzare il gusto della birra:

  1. Stile della Birra: Diversi stili di birra richiedono lieviti specifici per ottenere il profilo di gusto desiderato. Ad esempio, le birre belghe sono spesso associate a lieviti che producono sapori fruttati e speziati.
  2. Lunghezza della Fermentazione: Il tempo che il mosto trascorre con il lievito può influenzare notevolmente il sapore. Una fermentazione più lunga può permettere ai lieviti di produrre una gamma più ampia di composti aromatici.
  3. Temperatura di Fermentazione: Come accennato prima, la temperatura di fermentazione è cruciale. Temperature più alte possono portare a sapori più audaci, mentre temperature più basse tendono a produrre birre più pulite.
  4. Stress del Lievito: Condizioni di stress, come alte concentrazioni di alcol o zucchero nel mosto, possono influenzare negativamente il sapore della birra.
  5. Lieviti Selvatici o Miste: Alcune birre, come le lambic belghe, sono prodotte con lieviti selvatici o miste, che possono conferire profili di gusto unici e complessi.

Conclusioni

La scelta del lievito è un passo critico nella produzione di birra, e i birrifici artigianali di tutto il mondo sperimentano con diverse combinazioni per creare birre uniche e sorprendenti. La prossima volta che assaporerai una birra, prenditi un momento per riflettere sul ruolo dei lieviti nella creazione di quel delizioso sorso. Non importa se preferisci una birra ale fruttata o una lager pulita, i lieviti sono il segreto dietro la magia di questa bevanda millenaria.

Fonti

Foto dell'autore

Nazzareno Silvestri

Sono Nazzareno, scrivo da Messina. Il mio amore per la divulgazione scientifica nasce tanti anni fa, e si concretizza nel pieno delle sue energie oggi, per Microbiologia Italia. Ho diverse passioni: dalla scienza al fitness. Spero che il mio contributo possa essere significativo per ogni lettore e lettrice, tra una pausa e l'altra.

Lascia un commento