Criogenesi: la tecnologia che può offrire una possibilità per il futuro

La criogenesi è veramente la tecnologia del futuro? La pratica di congelare e conservare i tessuti vivi o interi organismi a temperature estremamente basse, ha suscitato interesse ed emozioni contrastanti tra la comunità scientifica e il pubblico in generale. Sebbene la criogenesi sia stata oggetto di numerose discussioni e speculazioni per decenni, la sua effettiva attuazione rimane ancora al di fuori della portata della tecnologia attuale. In questo articolo, esploreremo le basi scientifiche della criogenesi, i suoi potenziali vantaggi e svantaggi e lo stato attuale della ricerca in questo campo.

criogenesi tecnologia del futuro
Figura 1 – Criogenesi presente o futuro?

Criogenesi tecnologia del presente o del futuro?

La criogenesi si basa sulla premessa che le cellule, i tessuti e gli organismi possono essere conservati a temperature estremamente basse (-196°C) senza subire danni irreversibili. Questo si deve al fatto che, a temperature così basse, tutte le attività biologiche, incluso il metabolismo, rallentano drasticamente, prevenendo la decomposizione e la morte cellulare.

Questa tecnica ha trovato applicazione in numerose aree, come la conservazione di cellule e tessuti per scopi medici e di ricerca. La conservazione di alimenti e la preservazione di spermatozoi e ovociti per la fecondazione assistita.

Tuttavia, il campo della criogenesi ha suscitato interesse soprattutto per la possibilità di utilizzarla per conservare interi organismi, in particolare esseri umani, in modo da poterli riportare in vita in un futuro lontano. Quando la tecnologia sarà avanzata abbastanza da curare le malattie che li hanno uccisi o riparare i danni subiti. Questa idea, comunemente nota come criopreservazione umana, è stata spesso presentata nei media come una sorta di elisir di vita eterna, che consentirebbe alle persone di sconfiggere la morte e vivere per sempre.

Quali limiti ha la criogenesi oggi?

La criopreservazione umana rimane ancora una tecnologia altamente sperimentale, con molte sfide scientifiche e tecniche da affrontare. Uno dei principali problemi è rappresentato dalle lesioni cellulari che possono verificarsi durante il processo di congelamento e di riscaldamento successivo, che possono causare la morte cellulare e danni irreparabili al DNA. Per ovviare a questo problema, sono stati sviluppati una serie di metodi per la criopreservazione, tra cui la vitrificazione. Si tratta di una tecnica che utilizza sostanze chimiche per prevenire la formazione di cristalli di ghiaccio all’interno delle cellule.

La criogenesi è eticamente corretta?

Inoltre, la criopreservazione umana solleva una serie di questioni etiche e legali, tra cui il diritto alla vita e alla morte, la proprietà dei corpi e la possibilità di creare un divario tra le classi sociali, con solo i più ricchi in grado di permettersi di conservarsi criogenicamente.

Infine, è importante notare che la criogenesi non è una soluzione definitiva per la morte e non dovrebbe essere vista come tale. La morte è un processo naturale della vita e la criopreservazione non può garantire la vita eterna. Tuttavia, la criogenesi può offrire una possibilità per la conservazione di tessuti e organi per la ricerca e per il futuro sviluppo di tecnologie mediche. Inoltre è una possibile opzione per coloro che desiderano conservare il loro corpo o parti di esso per ragioni personali o spirituali.

Conclusioni

In conclusione, la criogenesi è una tecnologia che in un futuro promette numerose applicazioni pratiche in diversi campi, come la medicina, la ricerca e la conservazione di alimenti. Tuttavia, l’idea di criopreservare interi organismi, in particolare esseri umani, è ancora oggetto di dibattiti e discussioni. Presenta numerosi ostacoli scientifici, tecnici ed etici che devono essere affrontati. Sebbene la tecnologia sia ancora in fase sperimentale, la ricerca e lo sviluppo nel campo della criogenesi continueranno sicuramente a essere importanti per avanzare la nostra comprensione di come i tessuti e gli organismi possano essere conservati a temperature estremamente basse.

Fonti

Foto dell'autore

Nazzareno Silvestri

Sono Nazzareno, scrivo da Messina. Il mio amore per la divulgazione scientifica nasce tanti anni fa, e si concretizza nel pieno delle sue energie oggi, per Microbiologia Italia. Ho diverse passioni: dalla scienza al fitness. Spero che il mio contributo possa essere significativo per ogni lettore e lettrice, tra una pausa e l'altra.

Rispondi