Pomodoro: Storia, Origini e il Curioso Nome “Pomo d’Oro”

Il pomodoro, indiscusso protagonista della cucina italiana, è un frutto versatile che trova impiego sia crudo che cotto in una vasta gamma di piatti. Esistono numerose varietà di pomodori, dal piccolo e succoso ciliegino al rinomato San Marzano, lungo e saporito. Questo frutto è un pilastro della nostra gastronomia, utilizzato in preparazioni come la Caprese o la deliziosa passata di pomodori. Ma da dove proviene e quale è l’origine del suo nome affascinante? Scopriamo insieme la storia di questo ingrediente così amato.

Pomodoro nome

Dalle Americhe all’Europa

L’epopea del pomodoro inizia nelle Americhe, dove questa pianta è originaria del Sud America. Furono i Maya a coltivarlo e a perfezionarne le caratteristiche. Grazie a loro, il pomodoro assunse la forma che conosciamo oggi, da piccolo frutto ciliegino a una varietà più grande e succosa. Gli Aztechi proseguirono queste coltivazioni e introdussero il pomodoro in Messico.

Verso la metà del XVI secolo, Hernán Cortés, il celebre conquistatore spagnolo, fece la conoscenza del pomodoro durante le sue spedizioni. Se ne innamorò e decise di portarlo in Europa. La Spagna fu il primo paese europeo a entrare in contatto con questo frutto, ma fu l’Italia a seguirne le orme. Nel 1548, Cosimo dè Medici ricevette in dono una cesta di questi frutti, e da quel momento il pomodoro iniziò a diffondersi in tutto il paese.

L’Intrigante Origine del Nome “Pomodoro”

La storia del nome “pomodoro” è altrettanto affascinante. Mentre in molte lingue europee il frutto è chiamato in modo simile al termine “tomato,” derivante dal termine azteco “xitomate” o “tomate,” l’Italia ha scelto un percorso linguistico differente.

Nel 1500, il medico e botanico italiano Pietro Mattioli scrisse l’opera “Herbarius,” dove per la prima volta compare il nome “pomodoro.” Questo termine ha radici nel latino, precisamente in “pomus aureus,” che significava “mela d’oro.” Ma considerando attentamente la forma di un pomodoro, cosa sembra se non una mela rossa? È così che, nel nostro paese, questo frutto ha mantenuto il nome legato al latino, la nostra lingua madre, anziché adottare la nomenclatura azteca.

Conclusioni

Il pomodoro, con la sua storia che attraversa continenti e culture, rappresenta una parte fondamentale della cucina italiana. Le sue origini nelle Americhe e la sua diffusione in Europa sono un racconto avvincente di come il mondo culinario si sia arricchito di un ingrediente tanto apprezzato. E il curioso nome “pomo d’oro” continua a collegarci alle radici latine della nostra lingua, offrendo un’interessante prospettiva su come la storia e la lingua si intreccino nella gastronomia.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento