Tutto quello che devi sapere sugli Eosinofili

Gli Eosinofili sono fondamentali per il nostro sistema immunitario e svolgono un ruolo cruciale nella difesa dell’organismo contro le infezioni parassitarie e le reazioni allergiche. In questo articolo, esploreremo a fondo le caratteristiche, le funzioni e i ruoli degli eosinofili nel nostro corpo.

Caratteristiche degli Eosinofili

Gli eosinofili sono un tipo di globuli bianchi, noti anche come leucociti, prodotti nel midollo osseo. Essi costituiscono solitamente l’1-4% della popolazione di leucociti nel sangue, ma la loro concentrazione è più elevata in tessuti esposti a fattori ambientali, come le mucose del tratto digerente e delle vie respiratorie, gli epiteli genitourinari e il tessuto connettivo cutaneo.

Il loro nome deriva dal fatto che i granuli citoplasmatici si colorano di rosa-rosso con un colorante chiamato eosina. Questi granuli contengono numerose sostanze chimiche che svolgono un ruolo chiave nelle reazioni di difesa dell’organismo.

Funzioni

Gli eosinofili sono noti per le loro funzioni nella risposta immunitaria, in particolare nelle reazioni allergiche e nella difesa contro i parassiti. Ecco alcune delle loro principali funzioni:

  1. Difesa dalle infezioni parassitarie: Proteggono il corpo dagli attacchi dei parassiti, rilasciando sostanze che possono danneggiarli o ucciderli. Questa difesa è fondamentale contro parassiti come i vermi intestinali e gli artropodi ectoparassiti.
  2. Modulazione delle reazioni di ipersensibilità immediata: Gli eosinofili possono influenzare le reazioni allergiche, contribuendo alla degradazione o all’inattivazione di mediatori come l’istamina e i leucotrieni, che possono causare vasocostrizione e broncocostrizione.
  3. Difesa dalle infezioni batteriche: Anche se meno efficienti dei neutrofili nell’uccidere i batteri intracellulari, gli eosinofili possono essere coinvolti nella risposta contro alcune infezioni batteriche.

Produzione e Ciclo Vitale degli Eosinofili

Gli eosinofili vengono prodotti nel midollo osseo e maturano per 8-10 giorni prima di entrare nel circolo sanguigno. Una volta nel sangue, migrano nei tessuti, dove rimangono per alcuni giorni senza rientrare nel circolo. Rispetto ad altri globuli bianchi, gli eosinofili hanno una vita più lunga.

La loro moltiplicazione nel midollo osseo è stimolata dai linfociti T helper, ma può essere inibita dalla somministrazione di cortisonici e ACTH.

Valori Normali degli Eosinofili

In condizioni normali, costituiscono l’1-4% delle cellule nucleate nel sangue periferico. Il loro numero può variare in base a diversi fattori, tra cui l’età, l’ora del giorno, l’esercizio fisico e l’esposizione agli allergeni.

Un aumento significativo nel sangue periferico è noto come eosinofilia e può verificarsi in molte condizioni, come allergie, infestazioni parassitarie, malattie autoimmuni e alcune forme di tumori. Al contrario, una diminuzione degli eosinofili è chiamata eosinopenia e può essere causata da infezioni batteriche, stress grave o prolungato, infezioni del torrente ematico e trattamento con corticosteroidi.

Gli eosinofili svolgono un ruolo fondamentale nel mantenimento della nostra salute, contribuendo alla difesa dell’organismo contro parassiti e reazioni allergiche. Monitorare i livelli di eosinofili nel sangue può essere importante per identificare e gestire diverse condizioni mediche.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e faccio parte di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Il portale di Microbiologia Italia è utile per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza.

Lascia un commento