WL Nutrient Agar

Il WL (Wallerstein Laboratory) Nutrient Agar è un terreno solido per l’analisi quali-quantitativa della popolazione microbiologica, in particolare lieviti, durante le fasi di produzione di prodotti alcolici fermentati come vino e birra. In caso di necessità, questo terreno può essere reso selettivo per i batteri con l’aggiunta di cicloesimide; infatti, il terreno è notevolmente ricco di macro e micronutrienti, che lo rendono adatto anche ai batteri, specie microbica maggiormente esigente in termini nutrizionali rispetto ai lieviti, i quali però hanno ugualmente bisogno di una importante fonte di azoto per la divisione cellulare e i processi di sintesi di peptidi.

COMPONENTEQUANTITA’ (g/L)
Estratto di lievito4.0
Triptone5.0
Destrosio50.0
Potassio fosfato diidrogeno0.55
Cloruro di potassio0.425
Cloruro di calcio0.125
Solfato di magnesio0.125
Cloruro di ferro0.0025
Solfato di manganese0.0025
Verde di bromocresolo0.022
Agar15.0
pH 5.5 ± 0.2 
Tabella 1 – Composizione del terreno

Preparazione

Sospendere 75g di polvere WL Nutrient Agar in 1L di acqua distillata. Portare a ebollizione per sciogliere completamente (si consiglia di impiegare piastre riscaldanti con agitatore magnetico, per garantire la completa solubilizzazione in breve tempo). Sterilizzare in autoclave a 121°C per 15 minuti. Come chiarisce l’azienda produttrice Oxoid, il pH può essere regolato a 6,5 ​​mediante l’aggiunta di una soluzione di bicarbonato di sodio all’1%, anche se i lieviti sono organismi che preferiscono ambienti piuttosto acidi: in tal caso, l’aggiunta di acidi può essere personalizzata in virtù dell’analisi da effettuare (aggiunta di soluzione di acidi del vino se lieviti enologici, come tartarico, malico e citrico), poiché conteggi realistici per lieviti di birra si ottengono con il terreno a pH 5,5. Una volta sterilizzato il terreno WL, si può optare per la distribuzione in piastra o per la realizzazione di becchi di clarino per la crescita in purezza di singoli ceppi.

Descrizione del terreno e utilizzi

WL Nutrient Agar è particolarmente adatto per la crescita dei lieviti per impiego enologico o brassicolo e, in particolare, per la differenziazione dei lieviti selvatici dai lieviti di birra tecnologicamente appropriati al mosto realizzato o per differenziare lieviti non-Saccharomyces presenti nei mosti d’uva. Come precedentemente detto, i lieviti per birrificazione prediligono pH sufficientemente acidi, mentre portando il valore di a 6,5 facilitiamo il conteggio dei lieviti di panificazione. La cicloesimide viene solitamente aggiunta al terreno per una concentrazione finale di 4 mg/litro per sopprimere la crescita del lievito e rendere quindi il terreno selettivo per i contaminanti batterici delle colture di lievito o anche dei mosti. Per effettuare un’ispezione quantitativa (conta microbica) con WL Nutrient Agar, il tempo (solitamente dai 2 ai 14 giorni) e la temperatura di incubazione, nonché la presenza/assenza di aerobiosi, devono essere regolati in base alle matrici analizzate e agli organismi da ricercare: ad esempio, temperature di 25°C sono utili alla ricerca di lievito di birra, a differenza dei 30°C per i lieviti da panificazione.

Aspetto

Il terreno disidratato si presenta come polvere bianca o paglierina, mentre il gel risultante è di colore blu (Figura 2). Il colore vira verso il verde in piastra per il conseguente abbassamento del pH.

terreno WL Nutrient Agar con crescita
Figura 1 – aspetto del terreno con crescita di lieviti
Differenze WL Nutrient agar con e senza crescita
Figura 2 – differenze tra il terreno senza (azzurro) e con crescita di lieviti

Fonti

  • Oxoid.com
  • Green S. R. and Gray P. P. (1950) Wallerstein Lab. Comm. 13. 357
  • Hall Jean F. (1971) J. Inst. Brewing 77. 513-516

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: