Disfagia nell’Anziano: Causa, Sintomi e Terapie

La disfagia è una condizione caratterizzata dalla difficoltà o dall’incapacità di deglutire in modo corretto. Questo problema può colpire anche gli anziani ed è associato a diverse cause e complicazioni. In questo articolo, esploreremo la disfagia nell’anziano, comprese le cause, i sintomi e le terapie disponibili.

Disfagia nell'Anziano
Figura 1 – Disfagia nell’Anziano

Cause della Disfagia nell’Anziano

La disfagia negli anziani può essere causata da diverse condizioni, tra cui:

  1. Invecchiamento: Il processo naturale di invecchiamento può portare a una riduzione della forza e della funzionalità dei muscoli coinvolti nella deglutizione.
  2. Malattie Neurologiche: Malattie come il morbo di Parkinson, l’ictus, la sclerosi multipla e la malattia di Alzheimer possono influenzare il controllo dei muscoli coinvolti nella deglutizione.
  3. Lesioni o Chirurgia: Lesioni alla testa o al collo o interventi chirurgici possono danneggiare le strutture coinvolte nella deglutizione.
  4. Malattie Gastrointestinali: Problemi come il reflusso gastroesofageo o l’ernia iatale possono causare la disfagia.
  5. Cancro: Il cancro del tratto digestivo superiore può ostacolare la deglutizione.
  6. Farmaci: Alcuni farmaci possono causare secchezza delle fauci o effetti collaterali che influenzano la deglutizione.

Sintomi

I sintomi della disfagia possono variare in base alla gravità della condizione, ma possono includere:

  • Difficoltà a inghiottire cibi solidi o liquidi.
  • Sensazione di ostruzione o blocco durante la deglutizione.
  • Tosse o soffocamento durante il pasto.
  • Perdita di peso involontaria dovuta alla difficoltà nel nutrirsi adeguatamente.
  • Reflusso gastroesofageo o rigurgito di cibo.

Terapie e Trattamenti per la Disfagia nell’Anziano

Il trattamento della disfagia nell’anziano dipende dalla causa sottostante e dalla gravità della condizione. Alcune opzioni terapeutiche includono:

  1. Modifiche Dietetiche: Un dietologo può consigliare modifiche alla consistenza dei cibi e dei liquidi per facilitare la deglutizione. Ad esempio, possono essere suggeriti cibi più morbidi o una dieta liquida spessa.
  2. Terapia del Linguaggio: Uno specialista in terapia del linguaggio può aiutare gli anziani a migliorare la coordinazione dei muscoli coinvolti nella deglutizione attraverso esercizi specifici.
  3. Farmaci: In alcuni casi, possono essere prescritti farmaci per ridurre i sintomi correlati alla disfagia, come il reflusso gastroesofageo.
  4. Interventi Medici: In alcune situazioni, possono essere necessari interventi medici o chirurgici per trattare la causa sottostante della disfagia.
  5. Terapie di Riabilitazione: Gli anziani con disfagia correlata a lesioni neurologiche possono beneficiare di programmi di riabilitazione specifici per migliorare la loro capacità di deglutire.
  6. Assistenza Dietetica: Un dietologo può aiutare a pianificare una dieta nutrizionalmente equilibrata che sia adatta alle esigenze dell’anziano con disfagia.
  7. Assistenza Odontoiatrica: Un dentista può valutare lo stato della bocca e dei denti dell’anziano per garantire che non vi siano ostacoli fisici alla deglutizione.

Prevenzione e Gestione della Disfagia nell’Anziano

La prevenzione della disfagia nell’anziano può coinvolgere una serie di misure, come evitare di mangiare troppo velocemente, masticare bene il cibo e bere liquidi durante i pasti. Inoltre, è importante monitorare attentamente gli anziani per rilevare segni precoci di disfagia e cercare assistenza medica quando necessario.

In conclusione, la disfagia nell’anziano è una condizione complessa che richiede una valutazione e un trattamento adeguati. Un team di professionisti sanitari, compresi medici, terapisti del linguaggio e dietologi, può lavorare insieme per sviluppare un piano di gestione appropriato per migliorare la qualità della vita degli anziani affetti da disfagia.

Fonti

Foto dell'autore

Nazzareno Silvestri

Sono Nazzareno, scrivo da Messina. Il mio amore per la divulgazione scientifica nasce tanti anni fa, e si concretizza nel pieno delle sue energie oggi, per Microbiologia Italia. Ho diverse passioni: dalla scienza al fitness. Spero che il mio contributo possa essere significativo per ogni lettore e lettrice, tra una pausa e l'altra.

Rispondi