Settimana Mondiale dell’Allattamento al Seno: L’importanza

Settimana Mondiale allattamento al Seno: dal 1 al 7 agosto

Dal 1 al 7 agosto, ricorre la Settimana Mondiale dell’Allattamento al Seno, un periodo dedicato alla sensibilizzazione sull’importanza dell’allattamento e sul significativo impatto che ha sulla salute e lo sviluppo dei bambini. In questa occasione, vogliamo fornire informazioni utili e consigli degli esperti riguardo a questa pratica così fondamentale.

Come Funziona l’Allattamento

L’allattamento al seno è un processo naturale, in cui madre e bambino sono “programmati” per riuscire a portarlo avanti con successo. Alcuni aspetti dell’allattamento sono del tutto istintivi: se si lascia un neonato sul ventre materno, si potrà osservare come lentamente riesca a spingersi verso il seno e inizi a succhiare. Altri aspetti sono invece appresi e culturali: le mamme possono trarre insegnamenti dalle osservazioni di altre donne che allattano o dalle proprie esperienze passate.

Tuttavia, non tutte le mamme hanno avuto queste opportunità di apprendimento e possono aver bisogno di aiuto e sostegno, soprattutto nei primi tempi dopo il parto. In questo senso, è estremamente utile il contatto con i professionisti sanitari dei servizi territoriali, come i consulenti familiari, le ostetriche e i pediatri di famiglia, oltre che con altre coppie che allattano i propri bambini.

La Posizione del Bambino durante l’Allattamento

Allattare non è difficile, ma nei primi giorni la mamma può avere bisogno di sapere cosa fare o di farsi aiutare. È essenziale trovare una posizione comoda e corretta per il bambino durante l’allattamento. Questo garantirà che il bambino possa poppare bene e ricevere abbastanza latte, riducendo al contempo il rischio di dolore ai capezzoli per la mamma.

Il bambino può essere tenuto in molti modi durante l’allattamento, ma alcuni punti chiave da considerare sono:

  • Il volto del bambino deve essere di fronte al seno, con testa, spalle e corpo allineati.
  • Il naso o il labbro superiore del bambino deve essere di fronte al capezzolo.
  • Il bambino deve poter raggiungere facilmente il seno senza bisogno di allungarsi o girarsi.
  • È utile avvicinare il piccolo verso il seno e non il contrario.

Per quanto riguarda la posizione della mamma, durante l’allattamento da seduta, è bene che la schiena sia diritta e ben sostenuta, con i piedi ben appoggiati e cuscini a supporto della schiena e delle braccia o per mantenere il bambino all’altezza del seno. In alternativa, si può allattare da sdraiate dopo un taglio cesareo, nei primi giorni successivi al parto o quando si è particolarmente stanche.

Come capire se il bambino è attaccato correttamente? In generale, la bocca del bambino dovrebbe essere bene aperta e “riempita” dal seno, il mento deve sfiorare il seno, il labbro inferiore deve essere rovesciato verso l’esterno, e la lingua deve essere appoggiata al seno. Inoltre, l’areola, la parte scura intorno al capezzolo, dovrebbe essere meglio visibile sopra il labbro superiore piuttosto che sotto quello inferiore. Infine, il bambino dovrebbe alternare suzioni brevi a movimenti lunghi e profondi, intervallati da pause.

Consigli Utili per un Allattamento Sereno

Secondo quanto suggerisce il Ministero della Salute, conoscere e mettere in pratica alcune semplici regole aiuta a offrire maggiori vantaggi al bambino e a risparmiare molti disagi alla mamma. Ecco alcuni utili consigli per un allattamento sereno:

  1. Allattamento a Richiesta: Non seguire orari rigidi, ma lasciare che il bambino poppi quando ne ha bisogno. Nei primi mesi, i bambini possono poppare da 8 a 14 volte al giorno, ma ogni bambino è unico, e quindi le esigenze possono variare.
  2. Favorire il Latte Grassato: È bene lasciare che il bambino poppi da un lato finché ne ha voglia, in modo da ricevere anche la parte più grassa del latte, che è quella presente alla fine della poppata. Solo se avverte ancora fame, gli si offrirà l’altra mammella.
  3. Esclusività del Latte Materno: Non è necessario somministrare al bambino altri alimenti oltre al latte materno nei primi sei mesi compiuti. In questa fase della vita, il latte materno soddisfa tutte le esigenze nutrizionali del bambino, inclusa la sete.

Cosa Evitare durante l’Allattamento

Ci sono alcune pratiche da evitare durante l’allattamento per garantire una buona esperienza sia per la mamma che per il bambino:

  • Tettarelle Artificiali, Biberon e Ciucci: L’uso di tettarelle e biberon, soprattutto nei primi mesi di vita, può interferire con l’allattamento al seno. È meglio evitare di introdurli finché l’allattamento è stabilito.
  • Eccessiva Pulizia del Seno: Non è necessario lavare il seno prima e dopo ogni poppata. Il seno è provvisto di ghiandole che garantiscono una disinfezione naturale dell’areola. La normale igiene della mamma è più che sufficiente.
  • Fumo e Alcol: È fondamentale evitare il fumo e l’assunzione di alcol durante l’allattamento, poiché possono avere effetti nocivi sulla salute del bambino.
  • Mettere a Dormire il Bambino nel Lettone: È sconsigliato mettere a dormire il bambino direttamente nel lettone dei genitori dopo la poppata, poiché aumenta il rischio di SIDS (Sindrome della morte improvvisa infantile). È meglio optare per soluzioni più sicure, come il letto “a sidecar”.

Conclusione sulla Settimana Mondiale allattamento al Seno

L’allattamento al seno è un’esperienza preziosa che offre innumerevoli benefici per la salute del bambino e la connessione tra madre e figlio. Seguire alcuni consigli semplici e informarsi adeguatamente può rendere questa esperienza più piacevole e soddisfacente per entrambi.

Fonti:

  1. Ministero della Salute: www.salute.gov.it
  2. L’allattamento al seno: il dono nutriente per i neonati
  3. Allattamento materno: l’arma in più per proteggere i neonati
Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento