Albert Hofmann

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Biografia

Albert Hofmann nacque l’11 gennaio 1906 a Baden, Svizzera.

Nel 1929 conseguì la laurea in chimica presso l’Università di Zurigo. Nello stesso anno iniziò a lavorare nel laboratorio di ricerca chimico- farmaceutica della Sandoz Company a Basilea come collaboratore del professor Arthur Stoll, fondatore e direttore del dipartimento farmaceutico.

Negli anni ’30 – ‘40 continuò lo studio degli alcaloidi dell’Ergot iniziato da Stoll anni prima. Nel 1938 scoprì la dietilamide dell’acido lisergico (LSD-25). Medici e farmacologi non trovarono interessante il composto, e interruppero le ricerche.

Foto di Albert Hofmann
Figura 1 – Foto di Albert Hofmann

Nel 1943 riprese le ricerche su LSD-25. Il 16 aprile, durante il processo di purificazione e cristallizzazione, Hofmann toccò accidentalmente il composto ed entrò in uno stato irrequietezza e immaginazione. Iniziò quindi una serie di esperimenti su di sé con soluzioni acquose di LSD-25.

Nel 1949 Sandoz mise sul mercato LSD-25 con il nome Delysid come farmaco psicoterapeutico. La casa farmaceutica cessò la sua vendita nel 1966 per via del suo cattivo utilizzo, e l’anno dopo LSD-25 venne messo al bando.

Nel 1979 Hofmann pubblicò il libro “LSD – My problem child”, per raccontare l’esperienza della scoperta di LSD-25 e le problematiche legate a questa sostanza.  

Copertina del libro "LSD - My problem child" (1993).
Figura 2 – Copertina del libro “LSD – My problem child” (1993)

Morì il 29 aprile 2008 a Burg im Leimental, in Svizzera, all’età di 102 anni.

Focus: Scoperta e auto-esperimenti con LSD-25

Gli studi degli alcaloidi contenuti nello sclerozio di Ergot permisero a Hofmann di estrarre in forma pura molte sostanze. La venticinquesima fu la dietilamide dell’acido lisergico (LSD-25), estratta per ottenere un composto che agisse sui sistemi circolatorio e respiratorio. Gli animali su cui venne sperimentato mostravano irrequietezza durante la narcosi. Gli scarsi risultati ottenuti dalla sperimentazione lo costrinsero ad abbandonare le ricerche su questo composto. Hofmann, convinto delle proprietà di LSD-25, nel 1943 riprese a studiarlo.

Il primo contatto di Hofmann con LSD-25 fu del tutto accidentale: un po’ di prodotto gli finì su una mano, provocandogli allucinazioni e cambio d’umore. Questa prima esperienza diede il via ad esperimenti in cui Hofmann provava dosi diverse di LSD su sé stesso e con collaboratori. Il primo (19 aprile 1943), eseguito con 0,25 mg di prodotto diluiti in acqua assunti per via orale, provocò vertigini, ansia, paralisi, visioni e desiderio di ridere.

Inoltre, in un supplemento del 21 aprile Hofmann narra che percorse la strada dal laboratorio a casa in bicicletta scortato dall’assistente. Ebbe disturbi al campo visivo (vedeva come in uno specchio curvo), incapacità di parlare correttamente e di reggersi in piedi, sensazione di non essere in grado di spostarsi, vertigini, smarrimento, senso di svenimento; mobili e persone avevano assunto forme minacciose in continuo movimento, e percepiva un senso di alterazione demoniaca di sé stesso.

Rappresentazione di Hofmann durante l'esperimento in bicicletta.
Figura 3 – Rappresentazione di Hofmann durante l’esperimento in bicicletta

La mattina seguente gli effetti provocati de LSD-25 erano mutati in una sensazione di benessere ed elevata sensibilità dei sensi che persistette per tutto il giorno. Inoltre, Hofmann ricordava perfettamente l’esperienza vissuta. Questo esperimento dimostrava che la dietilamide dell’acido lisergico aveva proprietà straordinarie e si comportava come sostanza psicoattiva.

Dietilamide dell’acido lisergico

La dietilamide dell’acido lisergico (LSD-25) è un alcaloide che stimola il sistema nervoso simpatico, e comporta la dilatazione delle pupille, aumento della temperatura corporea e del livello di zuccheri nel sangue. Viene facilmente assorbito attraverso il tratto gastrointestinale e distribuito in tutto l’organismo. La sua massima concentrazione negli organi viene raggiunta in 10 o 15 minuti dopo l’assunzione, ad eccezione dell’intestino tenue, in cui il livello massimo viene raggiunto entro 2 ore. L’organo in cui si nota una minor concentrazione di LSD-25 è il cervello; infatti, si presenta solo nei centri che svolgono una funzione di regolazione delle emozioni.

L’eliminazione di LSD dall’organismo avviene per l’80% attraverso l’intestino, fegato e bile; l’1–10 % è LSD inalterato, mentre la restante parte viene trasformata in vari prodotti. Ma gli effetti psichici di LSD-25 persistono anche dopo la sua eliminazione dall’organismo. Questo indica che la sostanza è l’innesco per meccanismi biochimici, psichici e neurofisiologici che provocano la condizione di “ebrezza”.

Gli effetti psichedelici dovuti a LSD-25 possono essere influenzati dallo stato d’animo di chi ne fa uso. Le sensazioni di onnipotenza o invulnerabilità dovute al composto hanno portato ad alcuni gravi incidenti, in cui le persone in ebrezza sono passate davanti ad auto in corsa o sono saltate dalla finestra convinte di essere immuni al pericolo o di poter volare.

LSD divenne diffusissimo come la marijuana tra gli hippy, che la consideravano utile per vivere in sintonia e pacifica convivenza tra le persone. LSD divenne musa ispiratrice di molti artisti. Nell’arte psichedelica i pittori creavano le opere sotto l’influenza di LSD. Leggende della musica scrivevano le proprie canzoni inserendo in codice gli allucinogeni: si sospetta che la canzone “Lucy in the Sky with Diamonds” dei The Beatles fosse un chiaro incitamento all’uso di LSD per via delle iniziali nel titolo.

Contributo scientifico

Durante il dottorato Albert Hofmann perseguì il proprio interesse per la chimica delle piante e degli animali, studiando il succo gastrointestinale della lumaca della vigna e realizzando in soli tre mesi di ricerche il degrado della chitina.

Hofmann dedicò i primi anni nei laboratori Sandoz allo studio della Scilla marittima mediterranea (Drimia maritima L.), una pianta bulbosa spontanea che cresce nelle vicinanze del mare, di cui lo scienziato chiarì la struttura chimica dei glicosidi.

Il maggior contributo di Hofmann alla ricerca scientifica riguarda senza alcun dubbio gli studi degli alcaloidi contenuti negli sclerozi di Claviceps purpurea (Ergot). Combinando l’acido lisergico dell’Ergot con le ammine ottenne numerosi composti con proprietà terapeutiche. Per esempio, Sandoz mise sul mercato l’ergometrina con il nome Methergine come farmaco uterotonico ed emostatico utilizzato in ostetricia.

In seguito agli studi degli effetti di LSD-25, Sandoz lo mise sul mercato come farmaco psicoterapeutico con il nome Delysid (1949); il cattivo utilizzo del prodotto portarono la stessa azienda a ritirarlo dal mercato nel 1966.

Riconoscimenti

Il 19 aprile viene festeggiato il Bicycle Day, anniversario dell’esperimento di Hofmann in bicicletta sotto l’effetto di LSD, ricordato con una riunione di ciclisti per commemorare questo giorno in alcune grandi città, come San Francisco, Los Angeles, New York.

Nel 2007 Hofmann venne dichiarato il primo tra i cento geni viventi dagli esperti di Creators Synectics.

È stato membro del Nobel Committee, della World Academy of Science e della American Pharmaceutical Association.

Fonti

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Lascia un commento