Jane Hinton

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Biografia

Jane Hinton nacque il 1 Maggio 1919 in Massachusetts. Jane era figlia di William Augustus Hinton, batteriologo, patologo e primo professore afroamericano all’Università di Harvard; e Ada Hawes, insegnante di scuola superiore e assistente sociale. Nel 1939, a soli vent’anni, riuscì a conseguire la laurea presso il Simmons College e operò come tecnico di laboratorio nei laboratori di Harvard. Qui collaborò, insieme a John Howard Müller, allo sviluppo del terreno agar Müller Hinton. La sua esperienza come tecnico di laboratorio proseguì, durante la Seconda Guerra Mondiale, presso un laboratorio dell’ Arizona. Dopo la guerra si iscrisse al corso di medicina veterinaria presso l’Università della Pennsylvania (Figura 1) e conseguì la laurea nel 1949.

Jane Hinton durante i suoi studi di medicina veterinaria presso l'Università della Pennsylvenia.
Figura 1 – Jane Hinton durante i suoi studi di medicina veterinaria presso l’Università della Pennsylvania [Credits: blog.eoscu.com].

Fino al 1955 esercitò la professione di veterinaria in Massachusetts e, in seguito, divenne ispettore del Governo Federale a Framingham, dove collaborò nel combattere la malattia del bestiame fino agli inizi degli anni Ottanta. Per di più, assieme ad Alfreda Johnson Webb, fu la prima veterinaria afroamericana e tra i primi membri afroamericani della Women’s Veterinary Medicine Association. Morì il 9 Aprile 2003.

Focus: sviluppo del terreno agar Müller-Hinton

Jane Hinton, durante il suo lavoro come tecnico di laboratorio presso i laboratori di Harvard, insieme al biochimico, patologo e microbiologo John Howard Müller sviluppò l’agar Müller – Hinton. Inizialmente questo terreno venne sviluppato per isolare i batteri appartenenti al genere Neisseria, agenti eziologici della gonorrea e della meningite meningococcica. Inoltre, Müller e Hinton scoprirono come l’aggiunta di amido, all’interno dell’agar, contribuisse alla crescita batterica e impedisse alle tossine batteriche di interferire con i test di sensibilità agli antibiotici (Figura 2).

Antibiogramma di Klebsiella oxytoca sul terreno Müller-Hinton.
Figura 2Antibiogramma di Klebsiella oxytoca sul terreno Müller-Hinton [Credits: microbiologiemedicale.fr].

Contributo scientifico

Lo sviluppo dell’antibiotico-resistenza, nella prima metà del XX secolo, ha reso necessario l’individuazione di tecniche diagnostiche capaci di individuare quei batteri che presentavano resistenza ad uno specifico farmaco antimicrobico. Il metodo Kirby – Bauer o metodo della diffusione in agar, è tra le tecniche più utilizzate per la rilevazione della sensibilità agli antibiotici. Questa tecnica consiste nell’utilizzo di dischetti, impregnati con quantità di antibiotico note, posti su una piastra contenente un terreno di coltura. Per questo metodo venne proposto proprio il terreno ideato da Müller e Hinton. Il Clinical and Laboratory Standards Institute ha adottato la tecnica Kirby-Bauer utilizzando l’agar Mueller-Hinton come gold standard per i test antibiotici e, oggi, rappresenta il terreno di crescita più utilizzato nella rilevazione della sensibilità agli antibiotici.

Riconoscimenti

Nel 1984, Jane Hinton (Figura 3) fu commemorata, insieme a John Taylor, il primo afroamericano laureato alla scuola di medicina veterinaria dell’Università della Pennsylvania, durante le celebrazione per il centenario della scuola, dalla Minority Veterinary Students Association.

 Jane Hinton
Figura 3 – Jane Hinton [Credits: wikipedia.org]

Ismael Sanchez Polanco

Fonti

Fonti immagini

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Lascia un commento