Una speciale varietà di mela: l’Annurca campana

Il famoso detto del “una mela al giorno toglie il medico di torno” lo conosciamo tutti. Ogni specie di mela, però, ha delle particolari caratteristiche in termine di produzione di metaboliti secondari e tra queste emerge la Mela Annurca campana. Questa varietà appartiene alla specie Malus pumila e rappresenta il 5% della produzione italiana di mele, designata come prodotto a Indicazione Geografica Protetta (IGP) dal Consiglio d’Europa (Regolamento (CE) n. 417/2006 della Commissione).

Figura 1 - la mela Annurca campana
Figura 1 – La mela Annurca campana [Fonte: flickr.com]

Un breve riassunto delle proprietà della mela

Perché la mela, ad oggi, è un frutto al quale si dedica ancora così tanta attenzione? Perché questa specie frutticola ha delle importanti proprietà antiossidanti, dovute ad un alto contenuto di composti fenolici che essa presenta. C’è da tener presente che la quantità di queste sostanze è da attribuire alla specie di mela, alla parte tissutale del frutto che si considera e anche al livello di maturazione del frutto. Il contenuto di metaboliti riscontrati nella buccia non sarà uguale a quello della polpa. Inoltre, la stessa quantità non sarà uguale in una mela matura piuttosto che in una immatura.

I composti fenolici maggiormente riscontrati sono quercitina, epicatechine e procianidine B e, a dispetto di ciò che si è detto poc’anzi, gli studiosi hanno fatto una media del quantitativo di queste nelle diverse varietà. Le analisi confermano che la quercitina è presente con una media di 13,2 mg/100g, la procianidina B con del 9,35 mg/100 g e le epicatechine con una del 8,65 mg/100 g.

Figura 2 - procianidina B
Figura 2 – procianidina B [Fonte: wikipedia.org]

Gli studi confermano anche che la buccia presenta un contenuto di tali metaboliti superiore dalle due alle sei volte a quello riscontrato nella polpa. Questo può essere spiegato sottolineando che i fenoli vengono prodotti soprattutto come forma di difesa dell’organo vegetale nei confronti di attacchi da parte dei patogeni. La buccia, in questo caso, sarà la prima forma di difesa che la mela possiede. 

Le qualità della mela Annurca

In generale, i composti fenolici prodotti e rilasciati dalla mela contribuiscono in maniera fondamentale alla cura e la difesa della salute umana. Essi esplicano un’importante funzione antiossidante, tale da poter essere usati per prevenire malattie cardiovascolari e tumorali.

Ma, in termini pratici, qual è il contributo dell’Annurca campana?

Riduzione del colesterolo

L’estratto polifenolico della mela Annurca è ricco soprattutto in procianidina B1, B2 e B5. Queste svolgono una funzione di rilevante importanza nell’influenzare il metabolismo del colesterolo. Infatti, pare che siano in grado di potenziare l’espressione dell’apolipoproteina A1. Quest’ultima è il principale costituente proteico del colesterolo ad alta densità (HDL). Inoltre, esse favoriscono l’attività di legame con il recettore per il colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL), inibendo la sua formazione. La base di questi meccanismi molecolari è stata investigata grazie a tecniche quale la spettroscopia NMRNuclear magnetic resonance. Questa ha rivelato la possibilità di legame tra questi composti grazie al fatto che le loro conformazioni siano capaci di incastrarsi.

Riduzione della perdita dei capelli

Recentemente, gli studi dei gruppi di ricerca del dipartimento di Farmacia dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” hanno dimostrato che un integratore alimentare a base di mela Annurca (AMS) promuove efficacemente la crescita ed il trofismo dei capelli, aumentandone allo stesso tempo la densità, il peso e soprattutto il contenuto di cheratina.

Figura 3 - perdita di capelli
Figura 3 – perdita di capelli [Fonte: halodoc.com]

L’assunzione orale di questo estratto per due mesi sembra produrre effetti significativi a livello dei follicoli piliferi. Il principio attivo alla base di questa formulazione è composto da tutta una serie di bioflavonoidi, ma soprattutto da procianidina B2. Quest’ultima ha dimostrato di essere in grado di modulare i TGF β, una classe di citochine la cui via di segnalazione svolge ruoli critici nella regolazione di diverse attività cellulari; tra queste, la crescita, la differenziazione e lo sviluppo cellulare.

Quindi adesso la domanda è: siamo più convinti di dover mangiare la famosa mela al giorno dopo questo articolo?

Fonti

Piccolo, M.; Ferraro, M.G.; Maione, F.; Maisto, M.; Stornaiuolo, M.; Tenore, G.C.; Santamaria, R.; Irace, C.; Novellino, E. Induction of Hair Keratins Expression by an Annurca Apple-Based Nutraceutical Formulation in Human Follicular Cells. Nutrients 201911, 3041. https://doi.org/10.3390/nu11123041

Yao, L.H., Jiang, Y.M., Shi, J. et al. Flavonoids in Food and Their Health Benefits. Plant Foods Hum Nutr 59, 113–122 (2004). https://doi.org/10.1007/s11130-004-0049-7

Tenore, G.C., Carotenuto, A., Caruso, D., Buonomo, G., D’avino, M., Brancaccio, D., Ciampaglia, R., Maisto, M., Schisano, C., & Novellino, E. (2018). A nutraceutical formulation based on Annurca apple polyphenolic extract is effective on intestinal cholesterol absorption: A randomised, placebo-controlled, crossover study. PharmaNutrition. https://doi.org/10.1016/j.phanu.2018.05.001

Tenore GC, D’Avino M, Caruso D, Buonomo G, Acampora C, Caruso G, Simone C, Ciampaglia R, Novellino E. Effect of Annurca Apple Polyphenols on Intermittent Claudication in Patients With Peripheral Artery Disease. Am J Cardiol. 2019 Mar 1;123(5):847-853. doi: 10.1016/j.amjcard.2018.11.034.

Crediti delle immagini

https://en.wikipedia.org/wiki/Procyanidin_B2#/media/File:Structure_of_Procyanidin_B2.png

https://www.halodoc.com/artikel/hati-hati-7-hal-ini-bisa-sebabkan-kebotakan

Immagine in evidenza: flickr.com

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: