Ashdown Agar

Perché si usa?

Il terreno di coltura Ashdown Agar si utilizza per isolare e caratterizzare il batterio Burkholderia pseudomallei. Questo microrganismo è responsabile di un’infezione chiamata melioidosi, che può avvenire per via percutanea, per ingestione o inalazione del patogeno. Si tratta quindi di un terreno selettivo.

Composizione del terreno

La composizione dell’Ashdown Agar è la seguente:

  • Agar 5g
  • Glicerolo 40 ml
  • Gentamicina 4 ml
  • Cristalvioletto 0,1% 5 ml
  • Rosso neutro 1% 5 ml
  • Brodo di soia triptico 10 g
  • Acqua distillata 950 ml

Come funziona?

Il terreno contiene cristalvioletto e gentamicina, che sono gli elementi selettivi in grado di inibire la crescita di molte specie batteriche. Il rosso neutrale viene metabolizzato dal B. pseudomallei  ed è una traccia che permette di distinguerlo da altre specie batteriche. Il glicerolo viene aggiunto per consentire la crescita di alcuni ceppi del batterio.

Preparazione del terreno

  • Mescolare tutti gli ingredienti in una bottiglia.
  • Mettere in autoclave a 121°C per 15 minuti.
  • Portare a 50°C e aggiungere la gentamicina.
  • Dispensare in piastre di Petri sterili.

Risultati della crescita

MicrorganismoAspetto delle colonie
Burkholderia pseudomalleiColonie inizialmente puntiformi e di colore rosa pallido. Superate le 48 h, l’aspetto vira sul viola, con colonie prima piatte poi secche e rugose. Si apprezza oltretutto l’aspetto lucente ad effetto metallizzato.
Burkholderia thailandensisColonie viola di aspetto circolare.

Immagini

Colonie viola di B. pseudomallei su Ashdown Agar
Figura 1 – Colonie viola di B. pseudomallei su Ashdown agar. [Fonte: Shutterstock.com]
Aspetto piatto e nrugoso di B. pseudomallei.
Figura 2 – Primo piano delle colonie di B. pseudomallei. Da notare l’aspetto piatto e rugoso. [Fonte: idmic.net]

Limitazioni all’utilizzo del terreno

Diversi test eseguiti su Ashdown Agar in laboratorio hanno certificato che la gentamicina rallenta la crescita di B. pseudomallei; per cui è necessario prolungare l’incubazione fino a raggiungere le 96 ore.
La conferma della presenza del batterio deve comunque essere certificata attraverso test molecolari, sierologici e biochimici.
Infine, i campioni salivari possono contenere poche tracce del batterio, rendendo difficoltosa la sua rilevazione.

Fonti

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento