Latte in Polvere per Lattanti: il ruolo dell’integrazione con Oligosaccaridi

Introduzione

Il latte materno è considerato il miglior alimento per i neonati, utile a fornire tutti i nutrienti essenziali per la crescita e lo sviluppo sano del neonato. Tuttavia, in alcuni casi, il latte materno non è disponibile o è insufficiente, rendendo necessaria e indispensabile l’introduzione di formule in polvere per lattanti.

Recenti ricerche hanno dimostrato che gli oligosaccaridi naturalmente presenti nel latte materno svolgono un ruolo significativo nella promozione della salute del neonato, nonché nel suo sviluppo. Gli oligosaccaridi sono carboidrati complessi non digeribili e molto importanti per la crescita e l’equilibrio della flora batterica intestinale e del sistema immunitario. Pertanto, l’integrazione di oligosaccaridi nelle formule in polvere per lattanti sta acquisendo, ad oggi, un ruolo centrale nelle produzioni alimentari per neonati.

Figura 1 – L’allattamento è una fase molto importante per lo sviluppo e il benessere del neonato [fondazioneveronesi.it]

Tipi di Oligosaccaridi

Gli oligosaccaridi nel latte materno sono estremamente diversificati, con oltre 200 strutture diverse identificate. I due principali tipi di oligosaccaridi presenti nel latte umano sono gli oligosaccaridi di tipo 2′-fucosilactosamine e di tipo 3-fucosilactosamine. Questi oligosaccaridi sono noti per svolgere un ruolo chiave nella promozione della salute intestinale e nell’interazione con i batteri intestinali.

Nella produzione di latte in polvere per lattanti, quindi, è molto importante la selezione degli specifici oligosaccaridi da integrare, al fine di massimizzare i benefici per la salute. Questa selezione può variare in base all’età del neonato a cui il prodotto sarà indirizzato, nonché al suo stato di salute e ad altre considerazioni nutrizionali.

Ricerche e Studi Clinici

Negli ultimi anni, numerosi studi clinici hanno indagato sugli effetti dell’integrazione di oligosaccaridi nelle formule per lattanti:

  1. Effetti sulla flora intestinale: studi hanno dimostrato come l’integrazione di oligosaccaridi nelle formule per lattanti può favorire la crescita di batteri benefici nell’intestino dei bambini, come quelli appartenenti al genere Bifidobacterium. Questo può contribuire a una flora intestinale più equilibrata e a una migliore digestione;
  2. Riduzione delle infezioni: alcune ricerche suggeriscono che i neonati alimentati con formule per lattanti contenenti oligosaccaridi tendono ad avere un rischio ridotto di infezioni gastrointestinali e respiratorie, grazie al ruolo immunitario degli oligosaccaridi;
  3. Sviluppo cognitivo: alcuni studi hanno suggerito che l’integrazione di oligosaccaridi potrebbe avere un impatto positivo sullo sviluppo cognitivo dei neonati, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche.
Figura 2- Struttura chimica del 2′ – fucosillattosio, principale oligosaccaride del latte materno [wikipedia.org]

Benefici dell’integrazione di Oligosaccaridi

Promozione della Salute Intestinale

Gli oligosaccaridi presenti nel latte materno svolgono un ruolo cruciale nella promozione della salute intestinale del neonato. Questi composti complessi aiutano a stabilire e mantenere una flora batterica intestinale equilibrata, che a sua volta contribuisce a una migliore digestione e assorbimento dei nutrienti. Inoltre, gli oligosaccaridi hanno dimostrato di ridurre il rischio di infezioni intestinali e diarrea nei neonati.

Supporto del Sistema Immunitario

Gli oligosaccaridi possono anche contribuire al rafforzamento del sistema immunitario del neonato. Sono stati associati a una maggiore produzione di anticorpi e a una migliore difesa contro le infezioni. Ciò è particolarmente importante nei primi mesi di vita, quando il sistema immunitario del neonato è ancora in via di sviluppo.

Sfide nella Produzione di Latte in Polvere con Oligosaccaridi

La produzione di latte in polvere per lattanti con integrazione di oligosaccaridi comporta alcune sfide tecniche:

Stabilità degli Oligosaccaridi

Gli oligosaccaridi possono essere sensibili al calore e all’umidità, il che li rende suscettibili a degradarsi durante il processo di liofilizzazione, necessario per la produzione di latte in polvere. Di conseguenza, è necessario sviluppare tecniche di produzione che mantengano la stabilità degli oligosaccaridi durante la lavorazione.

Compatibilità con Altri Ingredienti

Le formule per lattanti contengono una serie di ingredienti, ciascuno dei quali ha esigenze specifiche in termini di processo di produzione. Gli oligosaccaridi devono essere compatibili con gli altri componenti della formula e non devono interferire con la solubilità o la struttura del prodotto finale.

Quantità e Tipo di Oligosaccaridi

La quantità e il tipo di oligosaccaridi da integrare nelle formule per lattanti devono essere attentamente valutati. Non esiste una soluzione unica, in quanto le esigenze nutrizionali possono variare tra i neonati. Pertanto, è necessario determinare il profilo ideale di oligosaccaridi per ottimizzare i benefici per la salute.

Figura 3 – Il latte in polvere per lattanti, con il tempo, sta diventando sempre più importante e centrale nella alimentazione del neonato [uppa.it]

Regolamentazione e Standard di Produzione

La produzione di latte in polvere per lattanti integrato con oligosaccaridi è soggetta a rigorosi standard comunitari, utili a garantirne la sicurezza e la qualità, nonché il rispetto delle normative vigenti. Gli standard di produzione sono vari ma possono essere riassunti in specifici punti chiave:

  • Sicurezza Alimentare: le aziende devono aderire a rigorosi protocolli per garantire la sicurezza alimentare del latte in polvere per lattanti. Tra questi, il controllo delle materie prime, la gestione igienica delle strutture di produzione e l’implementazione di pratiche che prevengano la contaminazione microbiologica;
  • Composizione Nutrizionale: le formule per lattanti devono rispettare specifiche composizioni nutrizionali stabilite dalle autorità competenti. Ciò include la quantità e il tipo di oligosaccaridi integrati, che devono essere in linea con le raccomandazioni scientifiche per garantire benefici nutrizionali ottimali;
  • Produzione e Trasformazione: le pratiche di produzione devono seguire procedure standardizzate, così da garantire una certa “ripetibilità” nella qualità del prodotto;
  • Test di Qualità: sono condotti regolari test di qualità per verificare la conformità del prodotto agli standard stabiliti. Ciò include analisi chimiche e microbiologiche per garantire che il latte in polvere per lattanti sia privo di contaminanti dannosi e che la composizione nutrizionale sia accuratamente bilanciata;
  • Etichettatura e Dichiarazioni Nutrizionali: le informazioni sull’etichetta devono essere conformi alle normative vigenti. Le aziende sono tenute a fornire dettagli precisi sulla composizione del prodotto, inclusi i livelli di oligosaccaridi integrati, così da permettere ai consumatori di effettuare un acquisto consapevole e adeguato alle proprie esigenze;
  • Conformità Normativa: le aziende devono rispettare le normative e le direttive vigenti nel settore alimentare per ottenere l’approvazione regolatoria. Ciò include l’ottenimento di certificazioni e autorizzazioni necessarie per la produzione e la commercializzazione del latte in polvere per lattanti.

Prospettive future e conclusioni

La ricerca sull’integrazione di oligosaccaridi nelle formule per lattanti sta vivendo un costante sviluppo, offrendo promettenti prospettive per il miglioramento della nutrizione neonatale. Gli ultimi risultati evidenziano una serie di benefici per la salute derivanti dall’uso di oligosaccaridi, ma si prevede che future indagini sveleranno ulteriori dettagli sull’ottimizzazione dei tipi e delle quantità di oligosaccaridi da integrare, nonché sulle modalità di produzione più efficaci.

In conclusione, l’integrazione di oligosaccaridi nella produzione di latte in polvere per lattanti rappresenta un notevole progresso nell’offerta di una nutrizione sempre più simile a quella naturale e offerta dal latte materno. Gli oligosaccaridi, con i loro benefici significativi per la salute intestinale e il sistema immunitario dei neonati, contribuiscono a colmare il divario tra le formule per lattanti e il latte materno, nonostante le difficoltà tecniche legate alla produzione di tali formule.

Foto dell'autore

Davide Puntorieri

Dottore in Scienze gastronomiche e oggi studente di scienze e tecnologie alimentari (LM-70) presso l'Università degli studi Mediterranea di Reggio Calabria.

Lascia un commento