Alimenti Ultra-Trasformati: Come Riconoscerli Subito

Gli alimenti ultra-trasformati sono sempre più presenti nelle nostre diete quotidiane. Nel Regno Unito, ad esempio, costituiscono ben il 57% della dieta complessiva, una percentuale che può raggiungere addirittura l’80% tra i bambini e le persone economicamente svantaggiate. Questi dati mettono in luce una tendenza preoccupante, considerando che il consumo di alimenti ultra-trasformati è associato a rischi significativi per la salute. In questo articolo, esploreremo come riconoscere questi alimenti e quali alternative più sane possiamo adottare nella nostra alimentazione quotidiana.

Cos’è un Alimento Ultra-Trasformato?

Il termine “alimento ultra-trasformato,” noto anche come Upf (Ultra Processed Food), è stato reso popolare da Chris van Tulleken nel suo libro “Ultra-Processed People.” Questi prodotti vanno oltre la semplice trasformazione e si possono considerare più come sostanze commestibili create dall’industria che come cibo vero e proprio. Sebbene possano sembrare deliziosi, consumarli abitualmente comporta un aumento significativo del rischio di malattie cardiache, infarti, pressione alta e ictus, specialmente in paesi come il Regno Unito, dove il loro consumo è particolarmente elevato.

Come Riconoscere gli Alimenti Ultra-Trasformati

Riconoscere gli alimenti ultra-trasformati è essenziale per fare scelte alimentari più sane. Ecco alcuni segnali da tenere d’occhio:

  • Ingredienti Sconosciuti: Uno dei segnali principali è la presenza di ingredienti poco conosciuti nell’elenco degli ingredienti. Inoltre, attenzione alle indicazioni salutistiche come “ricco di fibre” o “fonte di proteine,” che spesso nascondono prodotti ultra-trasformati. L’uso di ingredienti come l’olio di palma può essere un altro indizio.
  • Proteine e Zuccheri: Gli alimenti ultra-trasformati spesso contengono proteine idrolizzate, proteine isolate della soia, proteine del siero di latte, glutine, caseina, nonché zuccheri come il fruttosio, lo sciroppo di mais, i concentrati di succo di frutta, le maltodestrine e il lattosio.
  • Additivi: Questi prodotti contengono numerosi additivi per migliorare il sapore, la consistenza e l’aspetto. Tra gli additivi comuni ci sono aromi, esaltatori di sapidità, coloranti, emulsionanti, edulcoranti, addensanti e gelificanti.

Un altro strumento utile per identificare gli alimenti ultra-trasformati è l’applicazione Open Food Facts, che classifica i prodotti in base al livello di trasformazione utilizzando un indice chiamato Nova.

Categorie di Alimenti secondo l’Indice Nova

L’indice Nova suddivide gli alimenti in quattro categorie:

  1. Alimenti non trasformati o minimamente trasformati: Qui troviamo frutta e verdura fresche, congelate ed essiccate; latte e yogurt; carne e pesce freschi; cereali e legumi; funghi; uova; farina; frutta secca e semi; erbe e spezie; pasta e cuscus.
  2. Ingredienti culinari trasformati: Questa categoria include burro e oli vegetali, miele, zucchero, sale e aceto.
  3. Alimenti trasformati: Qui rientrano pane, formaggio, cibo in scatola, salumi e pesce affumicato, frutta secca e semi salati o zuccherati.
  4. Alimenti Ultra-Trasformati: La categoria finale comprende bevande gassate, snack confezionati, dolci e cioccolato, gelati, biscotti, torte e pasticcini, salsicce e hamburger, torte e pizze confezionate e crocchette di pollo.

Alternative Salutari agli Alimenti Ultra-Trasformati

È possibile adottare alternative più sane nella nostra alimentazione quotidiana. Ecco alcune suggerimenti:

  • Snack Salutari: Optate per spuntini come arachidi, mele o carote invece di snack ultra-trasformati. Sostituite le barrette con frutta secca.
  • Yogurt Naturale: Preferite lo yogurt naturale ai prodotti aromatizzati che spesso contengono additivi.
  • Bevande Salutari: Evitate le bevande gassate, zuccherate o senza zucchero, e optate per acqua, tè non zuccherato o bevande a base di erbe.
  • Scelte Vegan: Fate attenzione ai sostituti vegani di carne e formaggi, che spesso rientrano nella categoria degli Upf. Tuttavia, il tofu e altre fonti proteiche naturali sono ottime alternative.
  • Fast Food Salutari: Nei fast food, evitate panini, wrap e dolcetti. Invece, scegliete porridge, vaschette di frutta, insalate e zuppe.

Conclusione

Gli alimenti ultra-trasformati possono avere un impatto negativo sulla nostra salute a lungo termine. Riconoscerli e sostituirli con alternative più sane è fondamentale per mantenere uno stile di vita equilibrato. Seguendo questi consigli, è possibile ridurre il consumo di Upf e migliorare la propria salute complessiva.

Foto dell'autore

Redazione

Siamo la redazione di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Abbiamo creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza.

Lascia un commento