L’Esposizione all’Arsenico Inorganico negli Alimenti: Rischi

L’esposizione dei consumatori all’arsenico inorganico negli alimenti desta preoccupazioni per la salute. È quanto emerge dall’ultima valutazione del rischio condotta dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) su questo contaminante. I riscontri confermano l’esito della precedente valutazione, effettuata nel 2009, circa i rischi legati alla presenza di arsenico inorganico negli alimenti.

La Fonte Principale dell’Arsenico Inorganico: Alimenti e Acqua Potabile

In genere, sono i cibi, tra cui il riso e i cereali, la principale fonte di esposizione per la popolazione europea. Anche l’acqua potabile contribuisce all’esposizione, sebbene i livelli in Europa siano generalmente bassi.

I Rischi per la Salute

L’assunzione a lungo termine di arsenico inorganico è stata associata a una serie di effetti nocivi sulla salute, tra cui alcune forme di cancro. Per la sua valutazione, come effetto nocivo più rilevante, l’Efsa ha considerato l’aumento dell’incidenza di tumori della pelle associati a esposizione all’arsenico inorganico. Gli esperti hanno concluso che garantire una protezione contro il cancro della pelle proteggerà anche da altri effetti potenzialmente dannosi.

Consultazioni e Valutazioni

Nel redigere il suo parere, l’Autorità europea ha consultato i portatori di interesse esterni, prendendo in considerazione le numerose osservazioni pervenute. L’Efsa sta anche valutando i potenziali rischi legati all’esposizione all’arsenico organico negli alimenti. Una volta completata questa valutazione del rischio, verranno esaminati i possibili rischi derivanti dall’esposizione congiunta sia all’arsenico organico che a quello inorganico presenti negli alimenti.

L’attenzione continua sul tema dell’arsenico inorganico negli alimenti riflette l’impegno delle autorità europee nella protezione della salute pubblica e nell’assicurare che i consumatori possano fare scelte informate per il loro benessere. Resta fondamentale monitorare attentamente gli sviluppi futuri in questo campo per garantire la sicurezza alimentare e la salute di tutti.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Rispondi