Il Radicchio Rosso di Treviso: Una Delizia Culinaria con Personalità

Il radicchio rosso di Treviso è una delle gemme della cucina italiana. Con il suo distintivo colore rosso, la consistenza croccante e il sapore leggermente amarognolo, questo ortaggio dona un tocco di gusto e personalità a una varietà di piatti. In questo articolo, esploreremo le due tipologie principali di radicchio rosso di Treviso, precoce e tardivo, e scopriremo perché è così rinomato in Italia. Scoprirete anche come utilizzarlo in cucina per arricchire i vostri pasti con un tocco di raffinatezza.

Radicchio Rosso di Treviso Precoce: Un’Opzione Economica

La varietà precoce del radicchio rosso di Treviso è disponibile dalle fine settembre alla primavera inoltrata. Si distingue per le sue nervature più grandi e un cespo più voluminoso e ben serrato all’estremità. La sua produzione è notevolmente più semplice e veloce rispetto alla variante tardiva e non richiede la forzatura dei cespi. Sebbene il suo sapore sia meno intenso e aromatico rispetto alla versione tardiva, il radicchio rosso di Treviso precoce è perfetto per aggiungere un tocco amarognolo alle insalate miste e ai piatti rustici.

Radicchio Rosso di Treviso Tardivo: Un Lavoro di Precisione

La varietà tardiva del radicchio rosso è nota per la sua costola dorsale completamente bianca, le foglie color rosso vinoso, il cespo non perfettamente compatto e una radice a fittone non superiore ai 6 centimetri. Questi cespi vengono raccolti all’inizio di novembre e poi disposti in mazzi, allineati in particolari tunnel per proteggerli da piogge e gelate. La fase cruciale di questo processo è la forzatura e l’imbiancamento, in cui il radicchio viene immerso con la radice in vasche piene di acqua di risorgiva, al riparo dalla luce per 15-20 giorni. Questa procedura permette lo sviluppo di nuove foglie tenere e gradevolmente amare, che rappresentano la vera prelibatezza di quest’ortaggio. Una volta liberato dalle foglie più esterne, il cuore del radicchio è ideale per essere gustato crudo, condito con sale e olio, oppure alla griglia. Inoltre, è un ingrediente eccezionale per risotti, pastasciutte e torte salate.

Conclusioni

In conclusione, il radicchio rosso di Treviso è un tesoro culinario italiano. Con le sue due varietà, precoce e tardiva, offre un’ampia gamma di opportunità culinarie per arricchire i vostri piatti con un tocco di amaro raffinato. La produzione di questa verdura è un processo complesso e tradizionale che contribuisce alla sua rinomata qualità e sapore. Quindi, la prossima volta che cercate un modo per elevare il vostro piatto, considerate di aggiungere il radicchio rosso di Treviso e godetevi un’esperienza culinaria indimenticabile.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento