Il pesce luna ed i suoi parassiti

Il pesce luna, nome scientifico Mola mola, è il più grande pesce osseo al mondo, anche se spesso può essere confuso per un pesce cartilagineo, soprattutto a causa della morfologia della sua pinna caudale molto carnosa. Gli esemplari di dimensioni maggiori possono raggiungere i 4 metri di lunghezza e pesare fino a 2200kg. Una delle particolarità di questo animale è che quando la pinna anale e quella dorsale sono distese, il pesce luna ha una lunghezza ed una larghezza comparabili. Mola mola può essere avvistato anche nei nostri mari, come dimostra un video diventato virale questa estate. In alcune regioni del Sud Italia, soprattutto la Sicilia, esistono addirittura numerose ricette tradizionali a base di pesce luna.

Esemplare di pesce luna
Figura 1 – Esemplare di pesce luna

Il parassitismo in Mola mola

Come la maggior parte degli animali, il pesce luna deve sopravvivere a numerosi pericoli in natura, come la predazione, soprattutto da parte di leoni marini, orche e squali, ed il parassitismo. Quest ultimo, in particolare, ha reso questa specie famosa in tutto il mondo. Mola mola è infatti un pesce da record non soltanto per le sue dimensioni, ma anche per l’incredibile numero di parassiti che lo infestano. Esistono più di 50 specie di parassiti che possono essere trovate sul pesce luna, talvolta anche contemporaneamente. Osservarli e studiarli è importante per due motivi sia per gli scienziati che per i sub.

Se si vuole osservare uno di questi pesci durante un’immersione, infatti, ci basterà cercare dei pesci pulitori come Lambroides dimdiatus o alcune specie di pesce farfalla (Chaetodontidae), i quali hanno spesso dei colori molto accesi e sono perciò più facili da vedere rispetto al pesce luna. Questi hanno una particolare funzione ecologica e formano delle vere e proprie stazioni di pulizia lungo i reef, dove ripuliscono numerose specie dai parassiti, e dove è spesso e volentieri facile incontrare Mola mola.

Pesce luna che viene pulito da pesci farfalla in una stazione di pulizia
Figura 2 – Pesce luna che viene pulito da pesci farfalla

Il parassitismo del pesce luna però può fornirci molte risposte anche su un piano scientifico. Molti parassiti infestano questo animale quando sono ancora nello stadio larvale. Questo significa che per concludere il loro ciclo vitale, dovranno spostarsi in un ulteriore ospite. Studiare i parassiti di Mola mola può dunque fornirci informazioni cruciali su quale sia il suo ruolo ecologico, quali siano le sue prede ed i suoi predatori. In alcuni esemplari sono ad esempio state ritrovate larve di una specie di tenia degli squali; indicando che il pesce luna viene probabilmente predato dagli squali, permettendo così al parassita di passare alla fase adulta.

Ciclo vitale della tenia degli squali
Figura 3 – Ciclo vitale della tenia degli squali

Platelminti

Gran parte dei parassiti del pesce luna appartengono al phylum dei platelminti, ovvero i vermi piatti. All’interno di Mola mola si possono individuare 7 specie di cestodi, classe alla quale appartengono anche le tenie, 8 specie di monogenei e ben 16 specie di digenei.

Crostacei

Anche i crostacei sono dei frequenti visitatori del corpo di Mola mola e infettano soprattutto la sua pelle, le branchie, la bocca e l’opercolo, un particolare organo che ricopre le branchie. Tra i crostacei più frequentemente riscontrati nel pesce luna vi sono sicuramente i copepodi, dei quali ne sono state individuate 14 specie, ma non fanno eccezione neanche isopodi, cirripedi e argulidi, anche conosciuti come “pidocchi dei pesci”.

Altri parassiti

Altri parassiti che si possono ritrovare nel pesce luna includono alcune specie di nematodi e protozoi. In totale le specie parassitiche che possono infettare questo animale sono più di 50, e spesso molte di queste si possono trovare contemporaneamente sullo stesso individuo.

Un particolare metodo di pulizia

I pesci luna sono animali straordinari, non soltanto per le loro dimensioni, ma anche per alcuni particolari comportamenti che esibiscono. Il più noto è il cosiddetto “basking”, che potrebbe essere tradotto con “crogiolarsi al sole”. Il pesce luna può infatti essere visto “disteso” sulla superficie dell’acqua, come se stesse prendendo il sole. La natura di questo comportamento non è ancora del tutto chiara, ma secondo una delle ipotesi più accreditate sarebbe direttamente correlato con la grande presenza di parassiti sul loro corpo. Alcuni esemplari di albatro di Laysan (Phoebastria immutabilis) sono stati osservati mentre si avvicinavano ad alcuni pesci luna sulla superficie dell’acqua. Questi uccelli si nutrono infatti di alcune delle specie parassitarie che infettano il pesce luna, e si pensa che Mola mola esibisca questo particolare comportamento proprio per permettere agli uccelli di “ripulirli” dai parassiti in una sorta di relazione simbiotica.

Pesce luna che fa "basking"
Figura 4 – Pesce luna che fa “basking”

Perché il pesce luna ha così tanti parassiti?

Il grande mistero rimane però come mai il pesce luna presenti così tanti parassiti. L’ipotesi più accreditata è che parassiti arrivino a Mola mola tramite la sua dieta, che sembra essere composta perlopiù di zooplancton. Questa ipotesi è supportata dalla presenza di platelminti e nematodi in grandi quantità, le cui larve sono parte proprio del plankton di cui sembra nutrirsi il pesce luna.

Fonti:

Fonti immagini:

Foto dell'autore

Adele Battini

Sono un neolaureato di Scienze Biologiche presso l’Università Degli Studi di Milano-Bicocca. Mi occupo principalmente di conservazione ed ecologia marina, con un particolare interesse per gli invertebrati e gli ecosistemi marini tropicali.

Rispondi