Oestrus ovis: la mosca che infesta l’uomo

Se vi dicessimo che esistono delle mosche che, per crescere e maturare, hanno bisogno di svilupparsi all’interno degli animali, uomo compreso, ci credereste?
Ebbene sì, stiamo parlando delle cosiddette miasi (dal greco μυῖα, mosca appunto).

Oestrus ovis e la miasi che infesta anche l’uomo

È credenza comune che questo tipo di patologia sia diffusa solo nelle aree tropicali, ma in realtà è presente anche nelle aree del mediterraneo. Infatti, Oestrus ovis, conosciuta comunemente come mosca delle pecore, è un Dittero le cui larve possono causare miasi che interessano principalmente le cavità sinusali di piccoli ruminanti.

Sebbene le larve di questa mosca siano specificatamente note per infestare pecore e capre, sono stati documentati, nel corso degli anni, diversi casi di infestazione accidentale di O.ovis nell’uomo in tutto il mondo. La miasi colpisce diverse zone del corpo quali faringe e seni nasali, le orecchie, lo stomaco e gli occhi. Questo ultimo caso, noto come oftalmomiasi, è tra i siti più comuni di infestazione umana.

Oestrus ovis, agente eziologico della miasi
Figura 1 – Oestrus ovis, agente eziologico della miasi che infesta animali ed anche l’uomo – fonte

La mosca infatti è attratta dalla pupilla che, essendo nera, ricorda all’insetto una fessura, e quindi un luogo sicuro dove depositare le sue larve. In genere l’infestazione negli animali nelle aree mediterranee è più diffusa nei mesi caldi, da maggio a ottobre; pertanto le infestazioni da miasi umana diventano più frequenti in questi mesi.

Se è intuitivo pensare che i soggetti maggiormente colpiti da questa miasi sono agricoltori e pastori in contatto col bestiame, in realtà, studi effettuati dal Dipartimento di Medicina Veterinaria di Sassari, hanno portato alla luce casi anche in aree urbane e in turisti di ritorno da Sardegna, Corsica e Sicilia. Tutti i soggetti infestati non avevano avuto nessun contatto con animali e manifestavano rossore alla congiuntiva, profusa lacrimazione e la sensazione di un corpo estraneo che si muoveva all’interno dell’occhio. I casi son stati trattati attraverso rimozione delle larve e somministrazione di antibiotico topico.

Quali possono essere le ragioni dietro all’aumento di casi nell’uomo?

  • Il riscaldamento globale: se l’area del mediterraneo risulta un’area geografica ideale per lo sviluppo di O.ovis, il riscaldamento globale contribuisce alla creazione di habitat sempre più adatti al suo sviluppo e alla sua sopravvivenza.
  • Il cosiddetto “fenomeno di zooprofilassi”: quando non ci sono ospiti alternativi all’uomo, aumenta il rischio di infezione.
  • Il movimento degli animali nelle aree periurbane: questo fenomeno, infatti, può favorire l’infestazione di ospiti umani in contesti urbani e periurbani.
  • l’uso dei prodotti cosmetici: le mosche femmine adulte di O. ovis hanno piccole antenne ben sviluppate che sono attivate da determinati composti come dimetil-disolfuro (DMDS), acido pentanoico, acido butanoico e acido esanoico. Di conseguenza è probabile che siano attratte da creme e prodotti per il make-up.
  • l’utilizzo di letame o fertilizzanti nei prati e nei parchi vicini alle piscine ad uso ricreativo: questo potrebbe attirare i ditteri, aumentando il contatto con gli esseri umani che diventano vittime accidentali in assenza di ospiti permissivi.

Fonti:

  • Tamponi, C., Pasini, C., Ahmed, F., Dessì, G., Contu, E., Porcu, F. & Varcasia, A. (2022). External ophthalmomyiasis by Oestrus ovis in tourists visiting Italy. Report of three cases and a literature review. Travel Medicine and Infectious Disease, 102279.
  • Brini, C., Nguon, B., Miglietta, E., Sala, L., Acutis, P. L., Riina, M. V. & Varcasia, A. (2019). Rhinomyiasis by Oestrus ovis in a tourist returning from Corsica. Parasitology Research, 118(12), 3217-3221.
Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Hai suggerimenti che possano aumentare la qualità dei nostri contenuti sul sito di Microbiologia Italia o vuoi fornirci dei feedback per fare sempre meglio? Contattaci. Diffondi la scienza con noi e seguici su FacebookInstagramLinkedIn, TikTok, Twitter, Telegram e Pinterest. Ti piacciono i nostri articoli? Aiutaci con una Donazione o iscriviti alla nostra Newsletter ufficiale e potrai ricevere gratuitamente i fantastici articoli che giornalmente verranno pubblicati sul sito.

Rispondi