15 Fattori Ambientali per la Demenza a Esordio Giovanile

La demenza a esordio giovanile (YOD) è una condizione debilitante che colpisce persone di età inferiore ai 65 anni. Sebbene si pensi comunemente che la genetica sia la principale causa di questa condizione, uno studio recente pubblicato su Jama Neurology ha identificato 15 fattori ambientali e stili di vita che possono avere un impatto diretto sull’esordio dei sintomi della demenza a esordio giovanile (YOD). Questa scoperta apre la strada a una nuova comprensione della malattia e offre la possibilità di adottare misure preventive.

Cosa è la Demenza a Esordio Giovanile

La demenza a esordio giovanile è una forma di demenza che colpisce persone più giovani, rappresentando circa il 10% dei casi di demenza. A differenza della demenza tipica, i sintomi iniziali della YOD spesso non includono la perdita di memoria, ma possono coinvolgere problemi di movimento, coordinazione o equilibrio. Questa condizione può avere un impatto significativo sulla vita delle persone colpite, poiché spesso hanno ancora lavoro, famiglia e impegni attivi.

Fattori Ambientali e Stili di Vita Associati alla YOD

Il team di ricerca ha analizzato i dati di 356.052 individui nel Regno Unito di età inferiore ai 65 anni per identificare i fattori che aumentano il rischio di YOD. Ecco una lista dei 15 fattori che sono emersi come significativamente associati alla condizione:

  1. Basso stato socio-economico: Individui con uno stato socio-economico inferiore hanno un rischio maggiore di sviluppare YOD.
  2. Isolamento sociale: La mancanza di connessioni sociali può aumentare il rischio di YOD.
  3. Disturbi dell’udito: Problemi di udito sono stati collegati a un rischio più elevato di demenza giovanile.
  4. Ictus: Avere avuto un ictus in passato è un fattore di rischio significativo.
  5. Diabete: L’insorgenza del diabete è stata associata alla YOD.
  6. Malattie cardiache: Le malattie cardiache aumentano il rischio di YOD.
  7. Depressione: La depressione è un fattore di rischio importante.
  8. Carenza di vitamina D: La mancanza di vitamina D può essere un fattore contribuente.
  9. Alti livelli di proteina C-reattiva: Questa proteina, prodotta dal fegato in risposta all’infiammazione, è stata collegata alla YOD.
  10. Presenza di due varianti del gene ApoE4 ε4: Questo scenario genetico è stato precedentemente associato all’Alzheimer ed è ora collegato anche alla YOD.
  11. Abuso di alcol: L’abuso di alcol può aumentare il rischio, ma il consumo moderato sembra avere un effetto protettivo.
  12. Disturbi derivanti dall’uso di alcol: Problemi causati dall’abuso di alcol sono un fattore di rischio.
  13. Bassi livelli di istruzione: L’istruzione limitata è associata a un rischio maggiore di YOD.
  14. Maggiore fragilità: Una maggiore fragilità, misurata con la forza di presa della mano, è stata collegata alla condizione.
  15. Ipotensione ortostatica: Un calo eccessivo della pressione arteriosa quando ci si alza può essere un fattore di rischio.

Implicazioni e Prevenzione

Sebbene questa ricerca non dimostri che questi fattori siano la causa diretta della YOD, fornisce un quadro più completo della malattia. La conoscenza di questi fattori offre la possibilità di sviluppare migliori trattamenti e misure preventive. Molti di questi fattori sono modificabili, il che significa che è possibile adottare misure preventive per ridurre il rischio di YOD.

Inoltre, è importante notare che questi fattori di rischio non si applicano solo alla YOD, ma anche alla demenza in generale. Mantenere una buona salute fisica e mentale, evitare l’abuso di alcol e adottare uno stile di vita sano possono contribuire a ridurre il rischio di sviluppare una forma di demenza.

Conclusioni sui 15 Fattori per l’insorgenza della Demenza a Esordio Giovanile

La ricerca sulla demenza a esordio giovanile sta aprendo nuove prospettive nella comprensione di questa condizione debilitante. Identificare i fattori ambientali e i comportamenti di stile di vita associati alla YOD offre l’opportunità di prendere misure preventive e migliorare la qualità della vita delle persone colpite. La lotta contro la demenza non riguarda solo la genetica, ma anche le scelte di vita e l’ambiente in cui viviamo.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Rispondi