Arteriopatia Periferica nei Diabetici: Sintomi, Diagnosi, Trattamento

L’arteriopatia periferica è una patologia del sistema cardiovascolare che coinvolge l’occlusione parziale o completa dei vasi sanguigni periferici degli arti superiori e inferiori. Questa condizione è spesso associata all’aterosclerosi, una condizione in cui le arterie perdono elasticità a causa dell’accumulo di calcio, colesterolo, cellule infiammatorie e materiale fibrotico. Tuttavia, un importante fattore di rischio per l’arteriopatia periferica è anche il diabete mellito.

I pazienti diabetici hanno il doppio delle probabilità di sviluppare l’arteriopatia periferica rispetto alla popolazione generale. Questa malattia può portare a ulcere del piede diabetico, una delle complicanze più comuni e debilitanti del diabete mellito, con gravi conseguenze per la salute dei pazienti.

Arteriopatia Periferica

Che cos’è il piede diabetico?

Secondo l’OMS, il piede diabetico è una condizione caratterizzata da infezione, ulcerazione e/o distruzione dei tessuti profondi del piede, associata a anomalie neurologiche e vasculopatia periferica degli arti inferiori. Questo significa che il piede diabetico è una complicanza cronica del diabete mellito che coinvolge gli arti inferiori. Due principali complicanze, la neuropatia diabetica (danno ai nervi periferici che può causare perdita di sensibilità ai piedi) e l’arteriopatia periferica (diminuzione del flusso di sangue e ossigeno alle arterie degli arti inferiori), sono spesso coinvolte e colpiscono circa il 50% dei pazienti con lesioni agli arti inferiori.

La neuropatia diabetica può mascherare i sintomi dell’arteriopatia periferica, come il dolore muscolare durante l’attività fisica, noto come claudicatio intermittens, aumentando il rischio che lesioni o ulcere passino inosservate fino a diventare gravi.

Perché i pazienti diabetici sono a rischio?

Il diabete mellito è un fattore di rischio principale per le patologie cardiovascolari poiché provoca alterazioni nel metabolismo, compresi i lipidi e le proteine, che possono portare a una condizione chiamata dislipidemia diabetica. Questo può causare danni alla parete arteriosa e l’accumulo di colesterolo e calcio, contribuendo all’arteriopatia periferica. Inoltre, la prevalenza del diabete nella popolazione generale è in aumento, il che aumenta ulteriormente la prevalenza dell’arteriopatia.

Caratteristiche dell’arteriopatia periferica nei pazienti diabetici

L’arteriopatia periferica può essere asintomatica o manifestarsi con sintomi come il dolore alle gambe durante la marcia (claudicatio intermittens). La gravità viene misurata in base alla distanza percorsa prima che insorga il dolore e quanto tempo ci vuole per il recupero. Nei casi gravi, il paziente può sperimentare dolore a riposo, che può portare a lesioni trofiche che, se infette, possono evolvere in gangrena del piede.

Come viene diagnosticata l’arteriopatia periferica?

La diagnosi dell’arteriopatia periferica si basa su un buon esame clinico e su esami strumentali. Durante l’esame clinico, è importante valutare la presenza di polsi periferici, la presenza di soffi arteriosi, il dolore durante l’attività fisica o a riposo e la presenza di lesioni trofiche.

I principali esami strumentali includono l’ecocolorDoppler, un esame non invasivo che può rilevare calcificazioni, stenosi e occlusioni arteriose. Inoltre, l’angio-TC può essere utilizzato per visualizzare le arterie in modo più dettagliato e viene eseguito con l’uso di mezzo di contrasto.

Trattamento dell’arteriopatia periferica nei pazienti diabetici

Il trattamento dell’arteriopatia periferica dipende dalla fase in cui viene diagnosticata la malattia. Nei casi asintomatici o con claudicatio intermittens lieve, la terapia medica e il controllo dei fattori di rischio, come l’ipertensione e il controllo glicemico, possono essere efficaci.

Nei casi più gravi, con dolore a riposo o lesioni trofiche, possono essere necessari interventi chirurgici. Questi possono includere interventi chirurgici aperti, come la creazione di bypass, o procedure endovascolari meno invasive che non richiedono tagli chirurgici.

La scelta del trattamento dipende dalle condizioni generali del paziente e dalla gravità della malattia. Il coinvolgimento di uno specialista vascolare è essenziale per la gestione ottimale dell’arteriopatia periferica nei pazienti diabetici.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Rispondi