Combattere l’Infiammazione nell’Infezione da HIV: Nuove Speranze

In questo articolo di Microbiologia Italia parleremo nella necessità di Combattere l’Infiammazione nell’Infezione da HIV. Nella Giornata mondiale contro l’AIDS, celebrata il 1 dicembre, un nuovo studio offre speranze per migliorare la qualità di vita delle persone che vivono con l’infezione da HIV. Questo articolo esplorerà il legame tra l’infiammazione cronica nell’organismo dei pazienti con HIV e le comorbidità, come tumori, epatiti croniche, problemi cardiovascolari, disturbi neurocognitivi e osteoporosi. Inoltre, vedremo come i ricercatori stanno cercando di contrastare questa infiammazione per ridurre il rischio di tali patologie concomitanti.

L’Infezione da HIV e le Comorbidità

Con l’avvento dei farmaci antiretrovirali, la gestione dell’infezione da HIV ha compiuto passi da gigante, permettendo la soppressione della replicazione virale. Tuttavia, le comorbidità, patologie concomitanti all’infezione, rappresentano ancora una sfida significativa. Queste patologie, che includono tumori, epatiti croniche, disturbi cardiovascolari, problemi neurocognitivi e osteoporosi, si manifestano approssimativamente 15 anni prima nelle persone con HIV rispetto alla popolazione generale. Ciò indica l’esistenza di un invecchiamento prematuro causato dall’HIV.

Il Ruolo della Proteina gp120 nell’Infiammazione

Uno studio basato sul database canadese CHACS (Canadian HIV and Aging Cohort Study) ha portato alla luce un collegamento tra l’infiammazione nell’organismo dei pazienti con HIV e i livelli di una proteina nel sangue chiamata gp120. Questa proteina è una parte cruciale utilizzata dall’HIV per infettare le cellule.

Gli scienziati hanno condotto analisi su 386 pazienti con HIV, tutti sopra i 40 anni, sottoposti a terapia antiretrovirale con carica virale praticamente indetectable. Sorprendentemente, oltre un terzo di questi pazienti presentava livelli rilevabili di gp120 nel sangue. Questa scoperta ha portato alla conclusione che questa proteina agisce come una tossina e contribuisce all’infiammazione cronica che a sua volta porta alle comorbidità.

Speranze per il Futuro

Un risultato promettente è emerso quando i ricercatori hanno testato il Fostemsavir, un antiretrovirale utilizzato in pazienti con HIV resistenti ai farmaci tradizionali, per contrastare l’attività della proteina gp120 in colture cellulari in vitro. I risultati sono stati incoraggianti, aprendo la strada per uno studio clinico randomizzato e in doppio cieco che si prefigge di rispondere ai massimi standard di accuratezza e imparzialità. Questo studio è previsto per il 2024 e mira a determinare se il Fostemsavir possa effettivamente ridurre l’infiammazione e, di conseguenza, il rischio di comorbidità nelle persone con HIV.

Combattere l’Infiammazione nell’Infezione da HIV: Conclusioni

In conclusione, la ricerca in corso offre una speranza concreta per migliorare la qualità di vita delle persone che vivono con l’infezione da HIV. Il collegamento tra l’infiammazione causata dalla proteina gp120 e le comorbidità è un passo avanti significativo nella comprensione di questa complessa malattia. Restiamo in attesa dei risultati dello studio clinico nel 2024, sperando che porti a nuove terapie in grado di contrastare l’infiammazione cronica e prevenire le patologie concomitanti associate all’HIV.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Rispondi