Identificato il primo caso lombardo di Dengue

In questo articolo parleremo del primo caso lombardo di Dengue, la malattia virale della zanzare tigre che sta diventando un problema globale.

Una minaccia inaspettata: il primo caso di Dengue in Lombardia

La recente scoperta del primo caso di Dengue in Lombardia ha sollevato l’allarme tra la popolazione. La malattia, trasmessa dalla zanzara Aedes, comunemente nota come zanzara tigre, è stata identificata in un uomo ultra 70enne della provincia di Lodi. Attualmente ricoverato in buone condizioni presso l’ospedale di Crema, questa scoperta è stata resa nota dalla direzione welfare di Regione Lombardia. Si è subito attivata una serie di azioni di disinfestazione straordinaria nelle vicinanze dei luoghi frequentati dal paziente, in collaborazione con i dipartimenti di prevenzione delle Ats Milano e Valpadana. Non è la prima volta che l’Italia si trova di fronte a un caso simile: qualche giorno fa, un possibile caso di Dengue era stato segnalato a Monza.

I sintomi, la diagnosi e l’allarme lanciato dalle autorità

Le Ats (Aziende territoriali per la salute) stanno attualmente predisponendo una nota di allerta da distribuire ai medici di base e agli ospedali con pronto soccorso dell’Asst Lodi-Crema, al fine di riconoscere tempestivamente i sintomi della Dengue e attivare i necessari percorsi diagnostici. La scoperta è stata segnalata al Ministero della Salute e all’Istituto Superiore di Sanità, evidenziando l’importanza di una risposta rapida e coordinata.

La direzione welfare sottolinea l’importanza per i cittadini di adottare misure di protezione contro le zanzare, specialmente per le persone più anziane o a rischio. L’uso di repellenti anti zanzare all’aperto e di insetticidi (insieme a zanzariere) negli ambienti chiusi è caldamente raccomandato.

Consigli per la prevenzione: come limitare la diffusione delle zanzare

La prevenzione è fondamentale per contenere la diffusione della Dengue. Ecco alcuni suggerimenti pratici:

  • Coprire i contenitori per la raccolta di acqua piovana utilizzata per l’irrigazione, come secchi, cisterne, annaffiatoi e bacinelle.
  • Effettuare la pulizia di tombini e pozzetti almeno due volte all’anno.
  • Applicare zanzariere a maglia fine sopra i tombini per evitare la deposizione delle uova.
  • Trattare tombini e zone di scolo con prodotti larvicidi ogni 15 giorni durante la stagione umida.
  • Verificare la pulizia delle grondaie e trattare i vasi di fiori secchi con prodotti larvicidi.
  • Evitare il ristagno d’acqua nei sottovasi e lavare con cura gli abbeveratoi degli animali.

Che cos’è la Dengue: sintomi, trasmissione e impatto globale

La Dengue è una malattia causata da un virus del genere flavivirus, trasmessa principalmente dalle zanzare del genere Aedes. I sintomi principali includono febbre elevata, cefalea, eruzione cutanea e forte dolore alle gambe. In alcuni casi, possono manifestarsi anche sintomi respiratori come la tosse. Endemica nelle regioni a clima tropicale, la Dengue è responsabile di un impatto significativo sulla salute globale.

Ogni anno, si registrano circa 20.000 morti e tra 50-100 milioni di casi di Dengue in tutto il mondo. La trasmissione avviene attraverso le punture delle zanzare Aedes infette, e il virus può circolare nel sangue delle persone infette da 2 a 7 giorni. Il periodo di incubazione della malattia può durare fino a 15 giorni, mentre la fase febbrile si protrae dai 2 ai 4 giorni. Mentre i casi lievi possono guarire in pochi giorni, quelli più gravi richiedono alcune settimane di trattamento.

Trattamento e precauzioni

Non esiste una cura specifica per la Dengue. Il trattamento si concentra sulla gestione dei sintomi. È possibile utilizzare il paracetamolo per alleviare la febbre e i sintomi di dolore. È importante sottolineare che i Fans (farmaci anti-infiammatori non steroidei) non dovrebbero essere utilizzati, poiché possono aumentare il rischio di complicazioni.

La scoperta del primo caso di Dengue in Lombardia ci ricorda quanto sia cruciale adottare misure preventive, sia a livello individuale che collettivo, per contenere la diffusione delle zanzare e prevenire la trasmissione della malattia. La collaborazione tra autorità sanitarie, istituzioni e cittadini è fondamentale per affrontare questa sfida globale.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento