Speranza per l’anoressia e l’obesità: gli AgRP per nuove terapie

Gli AgRP per nuove terapie contro anoressia e obesità

In questo articolo tratteremo lo studio nei neuroni AgRP per combattere malattie come l’anoressia e l’obesità.

La fame è una sensazione fisiologica che tutti abbiamo sperimentato almeno una volta nella vita. Ma cosa succede nel nostro corpo quando sentiamo quella fame così intensa da sembrare quasi rabbia? La risposta a questa domanda si nasconde nel complesso funzionamento del cervello e, in particolare, in un gruppo di neuroni chiamati AgRP (AgnRP).

Gli AgRP sono situati nell’ipotalamo, una regione del cervello coinvolta nella regolazione di numerosi processi fisiologici, inclusa l’omeostasi energetica e la regolazione dell’appetito. Negli ultimi anni, gli scienziati hanno dedicato numerosi studi per comprendere come l’attivazione o l’inibizione dei neuroni AgRP possa influenzare la nostra alimentazione. L’obiettivo è anche aiutare a combattere disturbi alimentari come l’obesità e l’anoressia.

AgRP anoressia obesità
Figura 1 – Rivoluzionari approcci terapeutici basati sullo studio dei neuroni AgRP per combattere malattie come anoressia e obesità

I neuroni AgRP e la regolazione dell’appetito

I neuroni AgRP sono strettamente collegati alle riserve di sangue del cervello e hanno accesso agli ormoni prodotti dallo stomaco e dal tessuto adiposo che segnalano i livelli di energia nel nostro corpo. Quando questi livelli sono bassi, gli AgRP si attivano, inviando un segnale al cervello che indica la necessità di assumere cibo. Al contrario, quando i livelli di energia sono alti, gli AgRP si silenziano, segnalando sazietà.

Esperimenti sui topi e la scoperta delle calorie come fattore di attivazione

Numerosi esperimenti condotti su topi hanno fornito importanti informazioni sul ruolo dei neuroni AgRP nella regolazione dell’appetito. Uno studio del 2015 ha dimostrato che i neuroni AgRP si attivano più frequentemente quando i topi non assumono cibo a sufficienza, anche solo se vedono o annusano qualche cibo appetitoso. Tuttavia, un’altra ricerca ha dimostrato che ciò che attiva più efficacemente gli AgRP sono le calorie o, meglio ancora, la loro assenza, che raggiungono l’intestino.

Per confermare questa scoperta, gli scienziati hanno somministrato ai topi un dolcificante artificiale privo di calorie. L’attività dei neuroni AgRP è diminuita immediatamente dopo l’ingestione, ma solo temporaneamente. Quando i topi si sono resi conto che lo snack era privo di nutrienti, i neuroni AgRP sono tornati ad attivarsi, segnalando il bisogno di assumere cibo calorico.

Gli AgRP e la loro relazione con altri regolatori dell’appetito

Nonostante gli AgRP siano fondamentali nella regolazione dell’appetito, non sono gli unici regolatori di questa complessa funzione fisiologica. Esistono altri due sistemi neurali che influenzano la fame: la fame “rabbiosa” scatenata dall’attivazione degli AgRP e la fame positiva, indipendente dalle riserve energetiche del corpo, che può farci desiderare di mangiare anche quando non ne abbiamo bisogno. Inoltre, i segnali di sazietà o nausea giocano un ruolo chiave nel fermare l’assunzione di cibo quando non siamo più affamati.

L’anoressia nervosa come modello di studio

L’anoressia nervosa è un disturbo alimentare caratterizzato da una grave restrizione dell’assunzione di cibo, che può portare a un peso corporeo pericolosamente basso. Per capire perché i neuroni AgRP funzionino in modo anomalo nelle persone affette da anoressia, gli scienziati hanno utilizzato un modello murino della malattia chiamato ABA (activity-based anorexia), che riproduce sintomi simili a quelli dell’anoressia nervosa umana.

I topi affetti da ABA, a differenza di quelli che seguivano una dieta restrittiva ma non avevano accesso alla ruota per correre, presentavano un’attivazione alterata dei neuroni AgRP e una ridotta assunzione di cibo. Per risolvere questo problema, gli scienziati hanno modificato i topi in modo che i neuroni AgRP si attivassero quando veniva loro somministrata una particolare sostanza chimica. Come risultato, i topi affetti da ABA hanno aumentato la loro assunzione di cibo e guadagnato peso.

Conclusioni e prospettive future sui neuroni AgRP per combattere anoressia e obesità

Lo studio dei neuroni AgRP e del loro ruolo nella regolazione dell’appetito rappresenta una sfida affascinante per la comunità scientifica. Comprendere come questi neuroni interagiscono con altri regolatori dell’appetito e cosa causa il loro malfunzionamento in disturbi alimentari come l’anoressia e l’obesità è essenziale per sviluppare nuove terapie efficaci.

Gli AgRP offrono un nuovo bersaglio terapeutico per affrontare disturbi alimentari complessi, aprendo la strada a trattamenti mirati e personalizzati. Speriamo che ulteriori ricerche e studi futuri ci permettano di sviluppare nuove terapie innovative e aiutino a combattere con successo queste patologie che affliggono milioni di persone in tutto il mondo.

Fonti

  • Dietrich, M. O., & Horvath, T. L. (2013). “Feeding signals and brain circuitry.” European Journal of Neuroscience, 39(6), 984-997. Link
Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento