Cosa sono i PFAS e come influenzano la nostra salute

Gli acidi perfluoroalchilici, noti come PFAS (dall’inglese Per- and Polyfluoroalkyl Substances), sono una classe di sostanze chimiche artificiali che hanno suscitato preoccupazione per la loro presenza diffusa nell’ambiente e il loro impatto sulla salute umana. In questo articolo, esploreremo cosa sono i PFAS, come vengono utilizzati, come possono influenzare la nostra salute e le misure che possono essere adottate per mitigarne gli effetti negativi.

Cosa sono i PFAS
Figura 1 – Un’analisi approfondita sui PFAS: comprendi come queste sostanze chimiche possono danneggiare il nostro corpo

Introduzione

I PFAS sono composti chimici che si caratterizzano per la presenza di atomi di carbonio completamente fluorurati. Questa caratteristica conferisce loro proprietà uniche, come la resistenza al calore, all’acqua e all’olio, che li rendono utili in una vasta gamma di applicazioni industriali e di consumo. Vengono spesso impiegati nella produzione di rivestimenti resistenti alle macchie per tessuti e tappeti, nelle schiume antincendio, negli imballaggi alimentari, nei prodotti per la cura personale e in molti altri manufatti.

Cosa sono i PFAS e come vengono utilizzati

I PFAS sono composti chimici sintetici che appartengono alla famiglia degli alchilfluoruri. Questi composti sono costituiti da una catena di carbonio completamente fluorurata, con uno o più atomi di idrogeno sostituiti da atomi di fluoro. La presenza dei legami carbonio-fluoro conferisce loro una notevole stabilità chimica e resistenza agli agenti esterni.

A causa delle loro proprietà uniche, i PFAS sono stati ampiamente utilizzati in molte industrie. Ad esempio, l’acido perfluorottanico (PFOA) è stato utilizzato nella produzione di prodotti antiaderenti come le padelle antiaderenti. L’acido perfluorottano solfonico (PFOS), invece, è stato usato nelle schiume antincendio a base di fluoropolimeri. Questi sono solo alcuni esempi di PFAS che sono stati impiegati in varie applicazioni industriali.

Come i PFAS influenzano la nostra salute

La preoccupazione principale riguardo ai PFAS riguarda la loro persistenza nell’ambiente e la loro capacità di bioaccumularsi negli organismi viventi. Queste sostanze chimiche non si degradano facilmente e possono persistere nell’ambiente per lungo tempo. Inoltre, possono essere trasportate attraverso l’aria, l’acqua e il suolo e possono raggiungere e contaminare le risorse idriche e gli alimenti.

Una volta assorbiti nel nostro organismo, i PFAS possono accumularsi nei tessuti e negli organi nel corso del tempo. Alcuni studi hanno evidenziato che i PFAS possono essere associati a una serie di problemi di salute, tra cui disturbi del sistema immunitario, alterazioni ormonali, danni al fegato e al sistema nervoso, riduzione della fertilità e potenziali effetti cancerogeni.

Misure per mitigare gli effetti dei PFAS

Data la preoccupazione crescente per i potenziali effetti negativi dei PFAS sulla salute umana, sono state adottate diverse misure per ridurne l’esposizione e mitigarne gli effetti. A livello normativo, alcune nazioni hanno vietato l’uso di determinati PFAS in determinate applicazioni, mentre altre stanno valutando ulteriori restrizioni.

Inoltre, è importante adottare pratiche di gestione responsabili per evitare l’uso e lo smaltimento incontrollato dei PFAS. Ciò include la promozione di alternative sicure e sostenibili, nonché la corretta gestione dei rifiuti contenenti PFAS. Inoltre, le autorità di regolamentazione e le agenzie ambientali stanno lavorando per monitorare e valutare l’entità dell’inquinamento da PFAS e sviluppare metodi di trattamento adeguati.

Conclusione

I PFAS rappresentano una classe di sostanze chimiche artificiali che possono avere un impatto significativo sulla nostra salute e sull’ambiente. La loro presenza diffusa e la loro persistenza rendono necessarie azioni concrete per limitare l’esposizione e mitigare gli effetti negativi. È fondamentale promuovere una gestione responsabile delle sostanze chimiche, investire nella ricerca e nello sviluppo di alternative sicure e sostenibili, nonché adottare normative rigorose per proteggere la salute pubblica e l’ambiente.

Fonti

  • Un batterio può ridurre la quantità di PFAS nell’ambiente. Link
  • gency for Toxic Substances and Disease Registry (ATSDR). Link
  • Environmental Protection Agency (EPA). Link
Foto dell'autore

Nazzareno Silvestri

Sono Nazzareno, scrivo da Messina. Il mio amore per la divulgazione scientifica nasce tanti anni fa, e si concretizza nel pieno delle sue energie oggi, per Microbiologia Italia. Ho diverse passioni: dalla scienza al fitness. Spero che il mio contributo possa essere significativo per ogni lettore e lettrice, tra una pausa e l'altra.

Lascia un commento