Costumi da bagno: l’importanza di un lavaggio accurato per l’igiene personale

Al termine di una piacevole giornata al mare o in piscina si possono seguire alcuni piccoli accorgimenti per prevenire qualsiasi infezione. Gli ambienti acquatici, infatti, possono causare diversi problemi quando non vengono adottate le dovute precauzioni igieniche con gli indumenti estivi per eccellenza. I costumi da bagno richiedono delle cure particolari perché tendono ad accumulare agenti chimici e batteri durante la nuotata. Per eliminare i residui e i microrganismi nocivi per la salute si devono lavare regolarmente i capi maggiormente esposti a questi rischi. Non a caso, negli indumenti sporchi, utilizzati in spiaggia o in piscina, possono annidarsi numerosi germi e secrezioni. Molte persone sottovalutano questo problema, ma in questo articolo valuteremo le procedure indispensabili per il lavaggio dei costumi da bagno.

Indicazioni per un’estate all’insegna della salute e della prevenzione

L’esposizione prolungata ai microrganismi annidati nei costumi da bagno è la fonte di diverse infezioni. Questo processo viene alimentato dalla trascuratezza e dalla mancata pulizia degli indumenti estivi dopo una nuotata al mare o in piscina. A tal proposito, ecco un breve elenco dei principali sintomi di una micosi:

  • Arrossamento
  • Bruciore
  • Esfoliazioni epidermiche
  • Prurito
  • Vesciche

Per scongiurare ogni rischio si devono sciacquare immediatamente i capi che sono stati utilizzati in un determinato ambiente acquatico. Con una doccia e un’adeguata asciugatura del costume, infatti, vengono eliminati i principali responsabili delle infezioni micotiche. Questa prassi, svolta con accuratezza e regolarità, tutela l’organismo dagli eventuali pericoli che si possono riscontrare durante la stagione estiva. È indispensabile comprendere come lavare i costumi da bagno dopo una giornata trascorsa al mare o in piscina per una corretta prevenzione. La procedura più appropriata per l’igiene personale prevede un lavaggio a mano con un sapone delicato al termine di ogni singolo utilizzo. Dopo qualche giorno si devono lavare anche in lavatrice con le seguenti impostazioni:

  • Ciclo per capi delicati
  • Velocità compresa tra i 500 e i 700 giri al minuto
  • Temperatura tra i 30 e i 35 gradi
  • Impiego di una retina apposita per questo genere di indumenti

Prendersi cura dei costumi da bagno è un’attività indispensabile per le persone che trascorrono gran parte della stagione estiva in spiaggia o in piscina. Questi capi estivi, inoltre, subiscono anche le conseguenze dell’esposizione prolungata al sale o al cloro. I cicli di lavaggio sono essenziali per l’igiene personale e coinvolgono anche i modelli appena acquistati perché ogni articolo appena immesso sul mercato può contenere qualche residuo chimico utilizzato in fase di produzione.

Conservare adeguatamente i costumi da bagno al termine dell’estate

Con la conclusione delle vacanze si possono riporre nell’armadio gli indumenti utilizzati nei mesi estivi. I costumi da bagno richiedono un lavaggio accurato e un’adeguata piegatura prima della definitiva ricollocazione in un apposito sacchetto di stoffa. Queste semplici attenzioni prolungano la vita dei capi e garantiscono un livello di protezione superiore in attesa della prossima villeggiatura. Il nuoto è un’attività salutare che apporta numerosi benefici quando viene svolta in tutta sicurezza e gli indumenti utilizzati per questa disciplina meritano le dovute considerazioni. Lavare e conservare adeguatamente il costume da bagno è un’abitudine molto importante per un turista o un nuotatore incallito. Queste accortezze, infatti, tutelano gli appassionati che vogliono dedicarsi al nuoto senza timori ed eccessive preoccupazioni.

Foto dell'autore

Redazione

Siamo la redazione di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Abbiamo creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza.

Lascia un commento