Franco Berrino: Cibo Spazzatura e Tossico ovunque, cosa fare?

In questo articolo parleremo di come Franco Berrino sia consapevole che siamo circondati da Cibo Spazzatura ovunque.

Negli ultimi tempi, il panorama alimentare sembra essere dominato da una crescente presenza di cibi ultralavorati, o meglio noti come ultraprocessed foods. Questi alimenti, spesso irresistibili e comodamente confezionati, sono diventati una parte significativa della nostra dieta moderna. Tuttavia, dietro la loro convenienza si nasconde un mondo di rischi per la salute che è cruciale comprendere.

Che cosa sono i cibi ultralavorati?

I cibi ultralavorati, o ultraprocessed foods, costituiscono un’ampia gamma di prodotti alimentari che contengono ingredienti estranei alla cucina casalinga tradizionale. Questi alimenti, prodotti principalmente da aziende di largo consumo e presenti nei supermercati, includono una serie di additivi chimici come conservanti, coloranti, aromi artificiali e miglioranti tecnologici. Tuttavia, l’aspetto più preoccupante è la presenza eccessiva di grassi, sale e zucchero.

Dove si trovano?

I cibi ultralavorati sono ormai onnipresenti nelle nostre vite. Li troviamo nei cibi pronti, nelle pietanze in scatola, nelle minestre in sacchetti, nelle creme spalmabili, nei pani confezionati, nei cereali per colazione, nei salumi, nei wurstel, negli hamburger, nelle bevande zuccherate e nelle versioni “zero”, nei biscotti, nei dessert vari, nelle merendine, nei gelati, nelle barrette energetiche e persino nei sostituti del pasto per dimagrire.

I rischi per la salute

Numerosi studi epidemiologici sono giunti a conclusioni allarmanti: più consumiamo cibi ultralavorati, più aumenta il rischio di sovrappeso, ipertensione, diabete, malattie infiammatorie intestinali, demenza e persino una maggiore incidenza di malattie cardiovascolari e tumori. È stato dimostrato che coloro che consumano regolarmente questi alimenti hanno anche una maggiore suscettibilità al Covid-19.

L’aumento dei consumi

In molti paesi, tra cui Nord America e Regno Unito, i cibi ultralavorati costituiscono già oltre il 50% delle calorie consumate. Quando la metà del nostro apporto calorico proviene da tali alimenti, la mortalità aumenta in modo proporzionale. Questi cibi sembrano offrire una soluzione conveniente alle sfide della vita moderna, ma le conseguenze sulla salute sono inconfutabili.

Difficoltà nel cambiare

Resistere all’attrattiva dei cibi ultralavorati può essere una sfida formidabile. Anche quando siamo consapevoli dei rischi, il marketing alimentare riesce spesso a sopraffare la nostra volontà. Molte persone trovano difficile cambiare le proprie abitudini alimentari, anche quando sanno dei pericoli coinvolti. L’incoraggiamento sociale, la comodità e le difficoltà pratiche possono ostacolare i tentativi di adottare una dieta più sana.

Alternative salutari

Nonostante le sfide, esistono alternative salutari. Alcune persone decidono di informarsi, partecipare a corsi di cucina naturale e cercare mercati biologici per ottenere ingredienti freschi e genuini. Molte scoprono la gioia di cucinare in modo tradizionale, apprezzando i sapori autentici e promuovendo la consapevolezza alimentare. Inoltre, gruppi come i Gruppi di Acquisto Solidale offrono opportunità per condividere risorse e sostenersi reciprocamente nel perseguire scelte alimentari migliori.

Franco Berrino e il Cibo Spazzatura

È innegabile che i cibi ultralavorati siano diventati una parte sostanziale della nostra alimentazione moderna. Tuttavia, è fondamentale riconoscere i rischi associati a questi alimenti e cercare alternative più sane e consapevoli. Combattere l’influenza del Big Food e del marketing aggressivo richiede uno sforzo collettivo, ma è un passo cruciale verso una vita più sana e appagante.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento