Il Segreto della Longevità: Cosa Ci Insegnano i Centenari

In questo articolo parleremo del Segreto della Longevità raccontata dai Centenari: qual è l’elisir di lunga vita?

C’è chi fa lunghe passeggiate, magari in riva al mare. Chi incontra gli amici tutti i giorni e passa il tempo in allegria. E non manca poi chi decide di frequentare un corso per imparare una lingua nuova. Queste sono solo alcune delle diverse strade che le persone percorrono per cercare di vivere una vita lunga e sana. Ma, sorprendentemente, anche in Inghilterra e in Galles, così come già accade per esempio in Sardegna, i centenari indicano in poche semplici regole il segreto della loro longevità.

Le Statistiche Parlano

Secondo i dati recenti dell’Office for National Statistics (Ons), sembra che queste regole funzionino davvero: nel 2021, quasi 14mila persone hanno festeggiato il centesimo compleanno; nel 1921 erano appena 110. Un aumento straordinario, che merita di essere esaminato con attenzione.

Attività Fisica: La Chiave per una Vita Lunga

A cominciare dall’attività fisica: dedicare 150 minuti a settimana, che sia una camminata veloce, una salita di scale, una nuotata o un giro in bicicletta, può ridurre il rischio di una serie di malattie, tra cui depressione, demenza, malattie cardiache, ictus, Parkinson e alcuni tipi di cancro. Non è necessario diventare un atleta professionista, ma il movimento costante è cruciale per la salute a lungo termine.

Il Ruolo dell’Ambiente

I dati dell’Ons confermano un aspetto già indagato a proposito dei centenari sardi: le zone costiere, anche in Inghilterra, ospitano la percentuale più alta di centenari. Questo potrebbe essere dovuto al fatto che tali aree favoriscono uno stile di vita all’aperto, più attivo e ricco di relazioni sociali, riducendo così lo stress che si accumula nelle grandi città. Oltre alla genetica, è il contatto con la natura che può incidere davvero sulla longevità. Trascorrere del tempo all’aperto può migliorare l’umore, aumentare l’autostima e, di conseguenza, migliorare la qualità complessiva della vita.

Il Sonno e la Memoria

Un altro aspetto fondamentale è il sonno. Questo è essenziale per preservare la memoria e regolare il metabolismo. Gli adulti dovrebbero cercare di dormire tra le 6 e le 8 ore a notte per sentirsi in forma il giorno dopo. Per i centenari inglesi, addormentarsi durante la notte è importante. Per farlo, riducono i sonnellini diurni, bevono meno caffè e si rilassano leggendo o ascoltando musica.

L’Importanza dell’Alimentazione

Una buona alimentazione è una pietra angolare della longevità. Uno studio pubblicato sull’European Heart Journal calcola che più di 6 milioni di morti in tutto il mondo si potrebbero evitare riducendo l’assunzione di alimenti trasformati o processati. Non solo il diabete, ma anche numerose malattie cardiache potrebbero essere ridotte aumentando il consumo di pesce, frutta e verdura. L’alimentazione corretta ed equilibrata svolge quindi un ruolo cruciale nella ricerca della longevità.

Verso un Futuro di Longevità

Nonostante tutti questi consigli, alcuni esperti e scienziati come Ernst von Schwarz propongono delle scorciatoie. Schwarz, cardiologo e autore di “Secrets of Immortality”, sostiene che la longevità potrebbe essere affidata alla scienza e alle nuove terapie. Secondo lui, potremmo puntare sull’utilizzo delle cellule staminali per riparare i danni dell’invecchiamento e prolungare la vita. Tuttavia, va sottolineato che queste sono al momento solo ipotesi e ricerche in corso.

Conclusione

In conclusione, la longevità non sembra più essere un segreto ben custodito, ma piuttosto una combinazione di stile di vita sano, attività fisica regolare, sonno di qualità e un’alimentazione equilibrata. Anche se la scienza sta cercando di superare i limiti della longevità umana, per ora è fondamentale concentrarsi su queste abitudini per vivere una vita lunga e soddisfacente.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento