La Golden Hour Emotiva: Il Pronto Intervento per le Ferite dell’Anima

La vita ci pone di fronte a esperienze dolorose e traumatiche, inevitabili quanto il susseguirsi delle stagioni. Questi eventi, che possono causare sofferenza fisica o emotiva, richiedono un’attenzione immediata. Proprio come si agisce rapidamente dopo un trauma fisico per evitare danni maggiori, è cruciale anche intervenire dopo un trauma emotivo. Questo intervento tempestivo, noto come “Golden Hour emotiva”, è fondamentale per prevenire disturbi psicologici a breve e lungo termine.

La Golden Hour emotiva
Figura 1 – La Golden Hour come guarire la propria anima dopo un trauma

Cos’è la Golden Hour

La Golden Hour, in medicina, si riferisce al periodo critico immediatamente successivo a un trauma fisico, in cui le cure mediche tempestive possono fare la differenza tra la vita e la morte. Analogamente, la Golden Hour emotiva è il lasso di tempo cruciale che segue un trauma emotivo o psicologico. Durante questa fase, l’assistenza da parte di professionisti specializzati, come gli psicologi, è essenziale per prevenire lo sviluppo di disturbi psicologici post-traumatici, sia a breve che a lungo termine.

Qual è il suo scopo

L’obiettivo principale della Golden Hour emotiva è mitigare l’impatto del dolore, della sofferenza o del trauma sull’individuo. È un intervento di pronto soccorso emotivo che mira a fornire sostegno immediato e strumenti per l’elaborazione dell’evento traumatico. L’obiettivo è prevenire il rischio di disturbi post-traumatici da stress (PTSD) e altre complicanze psicologiche.

Cosa Accade Durante la Golden Hour

Durante la Golden Hour emotiva, è essenziale offrire al soggetto protezione, sicurezza, ascolto e conforto. Questo aiuta a limitare lo stress generato dall’evento traumatico e fornisce al soggetto un ambiente di cura e protezione. Gli operatori devono affrontare il soggetto con empatia, serenità, calma e pazienza, contrastando la chiusura e l’atteggiamento difensivo che possono emergere dopo un trauma.

Durante questo periodo critico, non si dovrebbero somministrare farmaci ansiolitici o sostanze rilassanti, né intraprendere un trattamento psicologico completo. L’approccio dovrebbe essere basato sull’ascolto attivo e sul comfort, guidando il soggetto verso una visione e stimoli che non intensifichino il dolore. È fondamentale evitare di giudicare o cercare di attenuare le reazioni emotive del soggetto, che possono includere rabbia, pianto, chiusura emotiva o domande incessanti. Queste reazioni sono normali e devono essere comprese e accettate.

Conclusioni

In conclusione, la Golden Hour emotiva è un concetto fondamentale per la salute mentale. Proprio come intervenire tempestivamente in caso di trauma fisico può salvare vite, agire rapidamente dopo un trauma emotivo può prevenire il deterioramento della salute mentale. È un atto di compassione e supporto che può fare la differenza nella vita di chi ha subito una ferita dell’anima.

Fonti

Foto dell'autore

Nazzareno Silvestri

Sono Nazzareno, scrivo da Messina. Il mio amore per la divulgazione scientifica nasce tanti anni fa, e si concretizza nel pieno delle sue energie oggi, per Microbiologia Italia. Ho diverse passioni: dalla scienza al fitness. Spero che il mio contributo possa essere significativo per ogni lettore e lettrice, tra una pausa e l'altra.

Lascia un commento