Febbri estive: La minaccia delle malattie trasmesse dalle zanzare

Con l’arrivo dell’estate, si apre anche la stagione delle febbri estive. Le temperature elevate, unite alle precipitazioni delle settimane precedenti, creano l’ambiente ideale per lo sviluppo di insetti e artropodi vettori di malattie pericolose per la salute umana. In questo articolo, esploreremo il rischio delle malattie trasmesse dalle zanzare e la necessità di adottare misure preventive per proteggersi.

Malattie trasmesse dalle zanzare
Figura 1 – Allerta febbri estive trasmesse dalle zanzare

L’allerta Dengue

Tra le malattie più preoccupanti vi è la Dengue, una malattia virale diffusa dalle zanzare del genere Aedes. Paesi come Brasile e Argentina hanno recentemente affrontato un’epidemia senza precedenti, con un aumento significativo dei casi e delle morti causate dalla malattia. Il clima caldo e umido favorisce la proliferazione delle zanzare vettori, aumentando la probabilità di trasmissione della Dengue.

L’espansione globale delle malattie infettive

Oltre alle malattie locali, c’è anche una preoccupante tendenza all’espansione globale delle malattie infettive. In un mondo sempre più interconnesso, in cui viaggiatori, animali e vettori infettivi si spostano rapidamente da una parte all’altra del globo, patologie che un tempo erano limitate a determinate regioni si diffondono in modo più ampio. Questo fenomeno mette anche l’Europa e l’Italia a rischio di epidemie di malattie tropicali.

Le malattie trasmesse dalle zanzare in Italia

Anche l’Italia non è immune al rischio delle malattie trasmesse dalle zanzare. Con il cambiamento climatico e l’aumento delle temperature, alcune malattie che un tempo erano considerate esotiche si sono stabilite in alcune regioni del nostro paese. Tra queste malattie rientrano la Chikungunya, la Dengue, il Zika, la West Nile, l’Usutu e l’Encefalite da zecca. È fondamentale sorvegliare attentamente queste malattie e adottare misure preventive per prevenirne la diffusione.

La trasmissione e i sintomi della Dengue

La Dengue viene trasmessa all’uomo attraverso il morso di zanzare infette. Non vi è contagio diretto tra persone, ma le zanzare svolgono un ruolo fondamentale nel ciclo di trasmissione del virus. I sintomi della Dengue includono febbre, mal di testa intenso, dolori muscolari e articolari, nausea, vomito, irritazioni cutanee e, in alcuni casi, emorragie che possono portare a complicanze gravi e persino fatali.

La lotta contro le zanzare vettori

Per contrastare efficacemente la diffusione delle malattie trasmesse dalle zanzare, è necessario adottare misure preventive a livello individuale e collettivo. Alcuni consigli utili includono:

  • Eliminare gli accumuli di acqua stagnante vicino alle abitazioni, come secchi, taniche, piatti dei vasi delle piante, che possono diventare punti di riproduzione per le zanzare.
  • Utilizzare zanzariere alle finestre e alle porte per impedire l’accesso delle zanzare negli ambienti interni.
  • Indossare abbigliamento protettivo, come pantaloni lunghi e magliette a maniche lunghe, specialmente durante le ore del giorno in cui le zanzare sono più attive.
  • Utilizzare repellenti per insetti sulla pelle esposta.

Conclusione

La minaccia delle malattie trasmesse dalle zanzare è reale e richiede un’azione proattiva per proteggere la propria salute e quella delle comunità. È importante essere consapevoli dei rischi e adottare misure preventive adeguate. Soprattutto durante la stagione estiva, quando le zanzare sono più presenti, è fondamentale prendere precauzioni e seguire le indicazioni delle autorità sanitarie per evitare la diffusione di malattie potenzialmente pericolose.

Fonti

  • Regione Veneto – Direttiva per le campagne di disinfestazione. Link
  • Combattere la malaria partendo dalle zanzare. Link
Foto dell'autore

Nazzareno Silvestri

Sono Nazzareno, scrivo da Messina. Il mio amore per la divulgazione scientifica nasce tanti anni fa, e si concretizza nel pieno delle sue energie oggi, per Microbiologia Italia. Ho diverse passioni: dalla scienza al fitness. Spero che il mio contributo possa essere significativo per ogni lettore e lettrice, tra una pausa e l'altra.

Rispondi