Rivoluzione nel sonno degli adolescenti: come combattere la fatica

Difficoltà del sonno degli adolescenti: cause e strategie per migliorare il riposo

Il sonno è un aspetto fondamentale per la salute e il benessere di ogni individuo. Spesso gli adolescenti possono incontrare delle difficoltà nel dormire a sufficienza. Queste difficoltà possono manifestarsi attraverso l’insonnia, il risveglio notturno frequente e la difficoltà nell’alzarsi al mattino. In questo articolo esploreremo le cause del sonno ridotto nell’adolescenza e forniremo alcune strategie utili per migliorare la qualità del riposo.

Cause del sonno ridotto negli adolescenti

Studi epidemiologici condotti su adolescenti hanno evidenziato che circa il 70% di loro riporta una durata di sonno inferiore alle 8 ore. Ciò può influire negativamente sulla loro salute e sul loro funzionamento quotidiano. Questo problema può essere attribuito a diversi fattori, tra cui le variazioni del ritmo sonno/veglia legate ai cambiamenti ormonali durante l’adolescenza e la pressione sociale che impone ritmi di vita sempre più intensi.

Durante l’adolescenza, vi è un ritardo nel rilascio di melatonina, l’ormone che favorisce il sonno. Di conseguenza, gli adolescenti non sono pronti ad addormentarsi presto e tendono ad impegnarsi in attività che possono ostacolare il riposo, come l’utilizzo di dispositivi elettronici come telefoni cellulari o computer. Questi comportamenti possono rendere difficile alzarsi al mattino, portando ad una quantità insufficiente di sonno.

Alcuni fattori ambientali possono anche influenzare negativamente il sonno degli adolescenti. Ad esempio, il consumo di bevande contenenti caffeina, spesso troppo vicino all’ora di coricarsi, o lo svolgimento di attività sportive o sociali che impediscono il rilassamento prima di dormire. Tutti questi elementi contribuiscono ad un sonno ridotto e di qualità inferiore.

Statistiche sull’adolescente e il sonno

Uno studio condotto su 972 adolescenti ha rivelato che il 25% dei soggetti di 16 anni ha frequenti risvegli durante la notte, il 70% dei 17enni ha difficoltà nel svegliarsi al mattino e il 43% dei 18enni ha difficoltà ad addormentarsi. Altri studi hanno evidenziato che gli adolescenti perdono mediamente circa due ore di sonno a notte, accumulando un “debito di sonno” di 10 ore alla fine della settimana.

Inoltre, un recente studio condotto su 462 studenti australiani ha mostrato che l’uso serale di dispositivi tecnologici è maggiore nel fine settimana ed è particolarmente accentuato negli adolescenti con un cronotipo “gufo” (coloro che sono geneticamente predisposti ad andare a letto tardi e svegliarsi tardi). Interessante notare che un tempo di sonno ridotto durante la settimana, ma non nel fine settimana, è correlato ad un maggiore stress psicologico.

Strategie per migliorare il sonno nell’adolescenza

Migliorare la qualità del sonno negli adolescenti richiede l’adozione di alcune strategie chiave. Ecco alcuni suggerimenti pratici:

  1. Ritmi di sonno coerenti: Evitare di pretendere che gli adolescenti vadano a letto alle 21, poiché potrebbero avere difficoltà ad addormentarsi a quell’ora. Tuttavia, è consigliabile convincerli a non utilizzare il cellulare o il computer dopo le 22.30/23 e a lasciare questi dispositivi fuori dalla camera da letto.
  2. Sonnellino di recupero: Fare un breve sonnellino di recupero di circa 20 minuti nel primo pomeriggio durante la settimana può essere più utile che cercare di recuperare le ore di sonno perse nel fine settimana.
  3. Evitare il recupero nel fine settimana: Non permettere che il fine settimana diventi un momento di recupero del sonno per l’adolescente, poiché ciò potrebbe spostare ulteriormente l’orologio biologico e rendere più difficile l’addormentamento anticipato quando inizia la settimana.
  4. Esposizione alla luce al mattino: Aprire le finestre al mattino per far entrare molta luce può aiutare a bloccare il rilascio di melatonina, l’ormone del sonno, e favorire un maggior stato di veglia durante il giorno.

Adottare queste strategie può contribuire a migliorare la qualità del sonno negli adolescenti e favorire il loro benessere generale.

Conclusione sul sonno degli adolescenti

Le difficoltà del sonno sono comuni nell’adolescenza e possono avere un impatto significativo sulla salute e sul funzionamento quotidiano degli adolescenti. I cambiamenti ormonali, i ritmi di vita intensi e l’uso eccessivo di dispositivi elettronici sono solo alcune delle cause di questi disturbi del sonno.

Tuttavia, è possibile adottare alcune strategie pratiche per migliorare il sonno degli adolescenti. Assicurarsi che abbiano orari di sonno coerenti, evitare il recupero nel fine settimana e promuovere un ambiente favorevole al sonno possono fare la differenza.

È importante ricordare che il sonno è essenziale per la salute e il benessere complessivo degli adolescenti. Bisogna investire nel miglioramento della qualità del loro riposo può avere effetti positivi su diverse aree della loro vita.

Fonti:

  1. https://www.corriere.it
  2. https://www.microbiologiaitalia.it/curiosita/fasi-del-sonno/
Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e faccio parte di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Il portale di Microbiologia Italia è utile per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza.

Lascia un commento