Tina Turner: La sua straordinaria battaglia contro la malattia

Nel corso degli anni, Tina Turner, icona del rock, ha affrontato una serie di battaglie legate a diverse malattie, tra cui un tumore e un ictus. Purtroppo, la sua battaglia è terminata a 83 anni, dopo un periodo di malattia che l’ha vista affrontare diverse patologie. Nonostante le avversità, Tina Turner ha sempre mantenuto una visione positiva e ha affrontato la malattia con coraggio. In questo articolo, esploreremo il percorso di Tina Turner nella sua lotta contro la malattia, concentrandoci su come abbia affrontato un ictus e un trapianto di rene, donato dal suo marito.

Tina Turner battaglia contro la malattia
Figura 1 – Tina Turner e la sua battaglia contro la malattia

La diagnosi di ipertensione e l’ictus

La regina del rock ha iniziato ad affrontare problemi di salute già nel 1978, quando le è stata diagnosticata l’ipertensione. Tuttavia, Tina Turner non ha mai affrontato adeguatamente questa condizione e non ha cercato un controllo attivo della pressione arteriosa. In un’intervista rilasciata alla European Health Kidney Alliance, Tina ha ammesso di non aver mai ricevuto una spiegazione approfondita sull’ipertensione e sui suoi effetti sul corpo. Questa mancanza di consapevolezza ha avuto conseguenze gravi.

A causa dell’ipertensione non trattata, l’artista è stata colpita da un ictus nel 2013, solo tre settimane dopo aver sposato il suo secondo marito, Erwin Bach. In un momento così drammatico, Tina si è resa conto di non riuscire a stare in piedi da sola e ha provato un profondo senso di impotenza. Ha descritto questa esperienza nel suo libro di memorie del 2018, intitolato “My Love Story”. Nonostante la paura di rimanere paralizzata, Tina ha dimostrato grande forza interiore nel suo percorso di recupero.

Cos’è l’Ipertensione

L’ipertensione, comunemente nota come alta pressione sanguigna, è una condizione in cui la forza del flusso sanguigno sulle pareti delle arterie è costantemente elevata. È una condizione comune che colpisce molte persone in tutto il mondo e se non viene gestita adeguatamente, può aumentare il rischio di gravi problemi di salute, come malattie cardiovascolari e ictus.

  1. Ereditarietà: L’ipertensione può essere ereditata geneticamente. Se uno o entrambi i genitori hanno ipertensione, si ha maggiori probabilità di svilupparla.
  2. Stile di vita: Uno stile di vita poco salutare, caratterizzato da una dieta ricca di sodio, grassi saturi e zuccheri, il consumo eccessivo di alcol, la mancanza di attività fisica e l’obesità, può contribuire allo sviluppo dell’ipertensione.
  3. Età: Il rischio di ipertensione aumenta con l’avanzare dell’età. Ciò è dovuto a cambiamenti fisiologici nelle arterie e nel sistema cardiovascolare nel corso degli anni.
  4. Fattori di stress: Lo stress cronico può contribuire all’aumento della pressione sanguigna. Lo stress emotivo, il lavoro eccessivo e lo stile di vita frenetico possono influire negativamente sulla salute cardiovascolare.
  5. Malattie croniche: Alcune malattie croniche, come il diabete, le malattie renali e l’apnea del sonno, possono aumentare il rischio di sviluppare ipertensione.

La scoperta del tumore all’intestino

Nonostante il suo impegno e il sostegno del marito, la salute di Tina Turner ha subito un altro duro colpo nel 2016, quando le è stato diagnosticato un cancro all’intestino. Dopo aver sperimentato gli effetti collaterali del trattamento convenzionale, Tina ha deciso di provare rimedi omeopatici. Purtroppo, questa scelta ha aggravato le sue condizioni e ha portato a un’insufficienza renale totale. Tina ha ammesso di aver negato la gravità dell’ipertensione per troppo tempo, mettendo a repentaglio la salute dei suoi reni.

Tumore all’intestino


Il tumore all’intestino, noto anche come tumore del colon o tumore del retto, è una forma di cancro che si sviluppa nel tratto gastrointestinale. L’intestino è costituito dal colon e dal retto, che sono parti del sistema digerente responsabili dell’assorbimento dei nutrienti e dell’eliminazione dei rifiuti dal corpo. Il tumore all’intestino si origina quando le cellule presenti nel rivestimento interno dell’intestino iniziano a crescere in modo anomalo e incontrollato. Queste cellule mutate possono formare un tumore benigno (polipo) che, nel corso del tempo, può evolvere in un tumore maligno o canceroso.

Figura 2 – Tumore del colon retto, forma di cancro che si sviluppa nel tratto gastrointestinale

Il trapianto di rene donato dal marito

Per sopravvivere, Tina ha dovuto sottoporsi a dialisi. Durante i nove mesi successivi, la sua vita è stata completamente dedicata a questo trattamento. Durante questo periodo, ha preso piena consapevolezza dell’importanza di una corretta informazione sulla salute. Ad esempio, ha scoperto che l’insufficienza renale cronica è spesso definita un “killer silenzioso”, poiché i sintomi non diventano evidenti fino a quando l’80% del tessuto renale è compromesso. Tina ha anche riconosciuto che l’ipertensione è una delle cause più comuni di insufficienza renale.

Il marito di Tina, Erwin Bach, ha dimostrato il suo amore e il suo sostegno donandole un rene nell’aprile 2017. Nonostante il trapianto di successo, Tina ha continuato a sperimentare sintomi lievi, come nausea e vertigini. Ha descritto questo periodo di alti e bassi nel suo percorso di guarigione, riconoscendo l’importanza di seguire attentamente le indicazioni dei medici.

Conclusione

La storia di Tina Turner è un esempio di coraggio e determinazione nel affrontare la sua battaglia contro la malattia. Nonostante le avversità, ha mantenuto una visione positiva della vita e ha affrontato le sfide con forza e resilienza. Il suo percorso, caratterizzato da un ictus e da un trapianto di rene, donato dal marito, è un testamento del potere dell’amore e del sostegno nella lotta contro la malattia.

Fonti

  • National Institutes of Health (NIH). Link
  • World Health Organization (WHO). Link
  • Globuli bianchi immaturi responsabili del danno da ictus. Link
Foto dell'autore

Nazzareno Silvestri

Sono Nazzareno, scrivo da Messina. Il mio amore per la divulgazione scientifica nasce tanti anni fa, e si concretizza nel pieno delle sue energie oggi, per Microbiologia Italia. Ho diverse passioni: dalla scienza al fitness. Spero che il mio contributo possa essere significativo per ogni lettore e lettrice, tra una pausa e l'altra.

1 commento su “Tina Turner: La sua straordinaria battaglia contro la malattia”

Rispondi