Perché quando c’è troppo caldo non riusciamo a dormire?

In questo articolo scopriremo le motivazioni per le quali quando fa troppo caldo di notte non riusciamo facilmente a dormire.

Quando c’è troppo caldo non riusciamo a dormire: scopriamolo in questo articolo

Il sonno è un elemento essenziale per il benessere fisico e mentale dell’essere umano. Durante il riposo notturno, il corpo svolge diverse funzioni fondamentali, tra cui il recupero energetico, la riparazione dei tessuti e il consolidamento della memoria. Tuttavia, quando le temperature esterne diventano eccessivamente elevate, molte persone sperimentano difficoltà nel dormire e, di conseguenza, possono affrontare problemi di salute e prestazioni cognitive ridotte durante il giorno. In questo articolo, esploreremo le ragioni scientifiche dietro questo fenomeno e forniremo suggerimenti per migliorare il sonno durante le ondate di calore.

Le fasi del sonno

Prima di entrare nel motivo per cui il caldo ci disturba durante il sonno, è essenziale comprendere le fasi del sonno. Il sonno è diviso in cicli di sonno REM (Rapid Eye Movement) e sonno non REM, o sonno a onde lente. Durante la fase REM, il cervello è altamente attivo, e la maggior parte dei sogni si verifica in questa fase. D’altro canto, durante il sonno non REM, il corpo si rilassa e si riposa, suddiviso ulteriormente in quattro stadi, dal più leggero al più profondo.

L’importanza della termoregolazione

La termoregolazione è un meccanismo fisiologico cruciale per il sonno sano. Il nostro corpo mantiene una temperatura interna costante, necessaria per il funzionamento ottimale degli organi e dei processi metabolici. Durante la notte, il corpo tende a abbassare leggermente la sua temperatura corporea, raggiungendo il punto più basso durante il sonno non REM profondo.

Il ruolo della temperatura ambientale

La temperatura ambientale ha un impatto significativo sulla qualità del sonno. Quando ci troviamo in un ambiente caldo, il nostro corpo si sforza di dissipare il calore per mantenere la temperatura corporea ideale per il sonno. Il nostro organismo disperde calore principalmente attraverso la pelle e la respirazione. Durante il sonno REM, il flusso sanguigno nella pelle aumenta, aiutando a disperdere il calore in eccesso.

Tuttavia, quando l’ambiente circostante è troppo caldo, il processo di dissipazione del calore diventa meno efficiente, e il nostro corpo può avere difficoltà a raggiungere la temperatura ottimale per il sonno non REM profondo. Questo può provocare un sonno interrotto e superficiale, con una maggiore frequenza di risvegli notturni.

Effetti del caldo sul nostro corpo durante il sonno

L’aumento della temperatura corporea durante il sonno può anche influenzare il ritmo circadiano, un ciclo biologico di circa 24 ore che regola il nostro orologio biologico interno. Il nostro corpo segue il ritmo circadiano per regolare le funzioni fisiologiche e comportamentali, incluso il sonno. Quando l’ambiente è troppo caldo, il nostro ritmo circadiano può subire delle alterazioni, causando un ritardo nel sonno o una diminuzione della quantità totale di sonno.

Oltre all’effetto sul ritmo circadiano, il caldo eccessivo può provocare sudorazione e disidratazione, il che aumenta il rischio di disidratazione notturna. La disidratazione può causare fastidi durante il sonno e portare a risvegli più frequenti.

Suggerimenti per migliorare il sonno durante il caldo

Fortunatamente, ci sono diverse strategie che possiamo adottare per migliorare il sonno durante le giornate calde:

  1. Mantenere una temperatura confortevole nella camera da letto: Utilizzare ventilatori o condizionatori d’aria per raffreddare l’ambiente e favorire una buona termoregolazione corporea.
  2. Indossare abiti leggeri per dormire: Scegliere indumenti in tessuti traspiranti per ridurre la sudorazione e il disagio durante la notte.
  3. Bere acqua durante il giorno: Assicurarsi di essere ben idratati durante le giornate calde, ma evitare di bere troppo vicino all’ora di dormire per ridurre i risvegli notturni.
  4. Prendere una doccia fresca prima di coricarsi: Una doccia fresca può aiutare a ridurre la temperatura corporea prima di andare a letto.
  5. Utilizzare lenzuola fresche: Optare per lenzuola in tessuti leggeri e traspiranti, come il cotone, per aiutare a mantenere la pelle asciutta e fresca.
  6. Evitare attività fisiche intense prima di dormire: L’esercizio può aumentare la temperatura corporea, quindi è meglio evitare attività fisiche intense poco prima di coricarsi.
  7. Creare un ambiente tranquillo e buio: Un ambiente tranquillo e buio favorisce un sonno più profondo e riposante.
  8. Limitare l’uso di dispositivi elettronici: La luce blu emessa dai dispositivi elettronici può interferire con la produzione di melatonina, l’ormone del sonno. Evitare l’uso di dispositivi elettronici almeno un’ora prima di andare a letto.

Troppo caldo e non riusciamo a dormire? Conclusione

Il caldo eccessivo può influenzare negativamente la qualità del sonno, ma comprenderne le cause e adottare alcune strategie può aiutare a migliorare il riposo notturno durante le ondate di calore. La termoregolazione è un processo essenziale per il sonno sano, quindi creare un ambiente fresco e confortevole nella camera da letto è fondamentale. Ricordarsi di rimanere idratati e di adottare una routine pre-sleep rilassante può contribuire a mitigare gli effetti negativi del caldo sul sonno.

Sia che tu stia affrontando una stagione calda o che desideri migliorare il tuo sonno in generale, seguire questi suggerimenti può fare una differenza significativa nella tua qualità del riposo notturno.

Fonte:

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e faccio parte di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Il portale di Microbiologia Italia è utile per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza.

Lascia un commento