Trattamento Rivoluzionario per Tumori delle Vie Aeree: Hannah Recupera la Voce

Per la maggior parte dei suoi 15 anni, Hannah Leon non poteva parlare, poteva solo sussurrare, a causa di una grave forma di papillomatosi respiratoria ricorrente (RRP), una condizione che porta alla formazione di tumori benigni sulle sue corde vocali e sulle vie aeree.

Hannah sorridenteOra, invece, può parlare con i suoi amici, parlare davvero, perché tutti i tumori sono scomparsi, grazie a un trattamento sperimentale ricevuto al Center for Pediatric Airway Disorders del Children’s Hospital of Philadelphia (CHOP).

È un risultato che il suo medico, l’otorinolaringoiatra Karen Zur, MD, ha definito “davvero, davvero fantastico”. Ha curato Hannah fin da quando aveva 3 anni, e per la maggior parte di quegli anni, Zur era frustrata perché non riusciva a fare di più.

Crescita implacabile dei papillomi La RRP di Hannah era così aggressiva che i piccoli tumori simili a verruche (noti come papillomi) crescevano rapidamente e continuavano a ostruire le sue vie aeree. A 1 anno e mezzo, ha subito una tracheostomia, un foro praticato nella sua gola per aprire un passaggio all’aria per i suoi polmoni, bypassando le aree di occlusione. Il tubo tracheostomico e i tumori hanno anche limitato il suo linguaggio, proprio mentre la bambina stava trovando la sua voce.

“Quando aveva 2 anni, una logopedista le ha dato attrezzature adattive, un computer con schermo touch per creare parole”, ricorda la madre di Hannah, Glamiris Cabrera. “A lei non piaceva e non lo usava. Sussurrava invece. Sono una donna di fede. Ho sentito allora che un giorno avrebbe parlato. Ed eccoci qui, 13 anni dopo”.

Quegli anni intermedi sono stati difficili. Zur doveva rimuovere chirurgicamente i tumori nella trachea di Hannah e sulle sue corde vocali frequentemente. Con il passare del tempo, aveva bisogno della procedura di “debridement” ogni settimana o due. Hannah e Cabrera facevano il viaggio di 2 ore e mezzo da Edgewater, New Jersey, al CHOP per l’intervento, che richiedeva l’anestesia generale.

Hannah tumori
Figura 1 – Hannah e la sua storia

Tuttavia, la RRP di Hannah era implacabile.

La maggior parte dei farmaci inefficace contro la RRP Per facilitare le cose quando Hannah ha iniziato la scuola, Cabrera andava nella sua classe durante uno dei primi giorni dell’anno per parlare con la classe.

“Spiegavo cosa stava succedendo con il tubo tracheostomico e mostravo loro il macchinario portatile per l’aspirazione e il misuratore di ossigeno”, dice. “Hannah diceva loro fin dall’inizio: ‘Niente tocco! Così respiro’. È sempre stata socievole. Nonostante le molte assenze dalla scuola, a volte per un mese intero, tra malattie e appuntamenti medici, riusciva a stare al passo”.

Le infezioni polmonari erano comuni. Zur aveva provato tutti i trucchi contro la RRP.

“Nel corso degli anni, avevamo provato una varietà di farmaci”, dice Cabrera. “Tutto era fuori etichetta, sperimentale per la RRP, ma ero disposta a provarlo se il Dr. Zur diceva che avrebbe potuto aiutare. Purtroppo, niente ha davvero aiutato a fermare i papillomi nella sua trachea”.

Hannah ha avuto un certo sollievo per i tumori nei polmoni prendendo iniezioni di interferone, un farmaco usato per trattare vari tipi di cancro, a partire dall’età di 5 anni. I papillomi nella sua gola e nella sua trachea continuavano a ricrescere. Aveva anche ascessi polmonari che l’hanno portata due volte al CHOP per lunghi ricoveri.

Finalmente, una svolta con un aiuto tedesco Un paio di anni fa, Zur ha letto un articolo scientifico su un ematologo presso l’Università di Muenster in Germania, il dottor Michael Mohr, MD, che aveva sperimentato infusioni del farmaco contro il cancro bevacizumab su cinque pazienti affetti da RRP avanzata e progressiva. Tutti e cinque hanno mostrato una risposta immediata al trattamento con bevacizumab.

“A volte è un felice caso, qualcuno che pensa al di fuori dagli schemi quando si tratta di trovare un trattamento che funziona”, dice Zur. Ha condiviso le informazioni con Cabrera e con Hannah, all’epoca 12 anni, che erano entusiaste di provarlo. Il CHOP ha concesso una “eccezione di compassione” per l’uso di bevacizumab (nome commerciale Avastin®) per Hannah, poiché era un uso fuori etichetta. Avastin, che sembra inibire la crescita dei nuovi vasi sanguigni che possono nutrire i tumori, era stato utilizzato in pazienti pediatrici affetti da cancro da diversi anni.

“Abbiamo visto un miglioramento immediato”, dice Cabrera. “Conosco molto bene le immagini delle corde vocali di Hannah, visto che abbiamo fatto molte laringoscopie. I papillomi sembravano piccoli pezzi di cavolfiore. Quando ho visto le immagini dopo il trattamento con Avastin, ho fatto un respiro affannato”.

Nessun altro tumore Dopo la seconda infusione di Avastin di Hannah, le sue corde vocali e la maggior parte della trachea erano libere da papillomi. “È stato incredibile quando l’ho vista durante una visita di controllo”, dice Zur. “Sono riuscita a rimuovere il suo tubo tracheostomico. Non ne aveva più bisogno”. Anche le lesioni tracheali rimanenti e le lesioni polmonari sono scomparse con diverse altre infusioni di questo farmaco.

Hannah riceve trattamenti di mantenimento con Avastin ogni due mesi ora, sotto la supervisione dell’oncologa Elizabeth Fox, MD, e non ha avuto effetti collaterali. Ora ritorna in sala operatoria due volte l’anno per confermare che la malattia tracheale non è più presente.

“Questo ha il potenziale per rivoluzionare la discussione sulla RRP”, dice Zur. “Il trattamento di prima linea è sempre stato quello di rimuovere chirurgicamente i papillomi. Ma l’intervento chirurgico comporta sempre il rischio di cicatrici sulle corde vocali, e non possiamo rimuovere le cicatrici. Se possiamo impedire che i tumori crescano e non sia necessario l’intervento chirurgico, potremmo anche prevenire problemi permanenti alla voce. I papillomi possono diventare cancerogeni. Inoltre, ogni volta che si utilizza l’anestesia, c’è sempre un rischio”.

“Stiamo cominciando a pensare: dovremmo cambiare il paradigma e fare di Avastin il trattamento principale?”

Il CHOP: afferma lo standard Da Hannah, Zur ha trattato con successo altri due bambini affetti da RRP con Avastin, ed un quarto paziente è pronto per iniziare una volta ottenuta l’approvazione dell’assicurazione. Ciò rende il CHOP il centro più esperto negli Stati Uniti che fornisce questa terapia rivoluzionaria.

Il CHOP sta guidando uno studio nazionale che monitora le dosi di Avastin e i risultati dei pazienti come modo per determinare quali protocolli funzionino meglio. È un processo lento perché, fortunatamente, la RRP è una condizione rara, con una stima di 2 bambini su 100.000 negli Stati Uniti. I bambini sperimentano gradi variabili di gravità. Alcuni hanno tumori solo sulle loro corde vocali; per altri, come Hannah, coinvolge l’intera via aerea.

La RRP si verifica quando un bambino nasce da una madre con papillomavirus umano (HPV) attivo. Ma, considerando che circa un quarto della popolazione degli Stati Uniti ha l’HPV, solo una piccola percentuale dei bambini nati da madri con HPV contrae la RRP, e gli scienziati non sono stati in grado di capire perché.

Zur è ottimista che gli episodi di RRP scompariranno quando una generazione di donne in età fertile non contrarrà mai l’HPV perché ragazzi e ragazze hanno ricevuto il vaccino HPV da adolescenti. Ad esempio, in Australia, dove le vaccinazioni HPV vengono fornite gratuitamente nelle scuole (dal 2007 per le ragazze e dal 2013 per i ragazzi), il tasso di HPV tra le donne di 18-24 anni è sceso dal 22,7% nel 2005 all’1,1% nel 2015. “Questo è il mio auspicio per gli Stati Uniti”, dice.

Una tipica adolescente con il futuro in mente Prime piano di HannahTre anni dopo aver ricevuto Avastin per la prima volta, Hannah continua a essere priva di tumori. Durante una recente visita per la terapia di mantenimento, si è dimostrata essere l’epitome di una tipica adolescente, anche se è più informata dal punto di vista medico rispetto alla maggior parte.

“Mi piace ballare e uscire con le mie amiche”, dice, la voce un po’ rauca ma chiara e forte. “Andiamo a fare shopping o a mangiare fuori o restiamo a casa di qualcuno e ascoltiamo musica o guardiamo film. I miei amici sono sempre stati molto solidali”.

Ora può fare praticamente tutto ciò che vuole. La pallavolo va bene. Giocare a calcio, ha bisogno di fare pause poiché ha una funzione polmonare ridotta a causa degli ascessi e delle cicatrici residue di tanti papillomi nel corso degli anni.

Una grande differenza? Nella vacanza annuale della sua famiglia al lago, può finalmente immergersi perché l’apertura nel suo collo dove un tempo c’era il tubo tracheostomico è chiusa.

Conclusioni

Hannah ha molti ricordi positivi delle lunghe ore e dei giorni trascorsi al CHOP. Le infermiere nella zona post-operatoria si assicuravano sempre di avere il suo snack preferito, Cheerios® e latte, pronto quando si svegliava. “Mi ricordo di essere stata molto eccitata nel fare gli arts and crafts. Era divertente”, ricorda. Questi momenti hanno anche influenzato il suo futuro.

“Dico da molto tempo che voglio fare l’infermiera”, dice. “Adoro i bambini, quindi probabilmente un’infermiera pediatrica”.

Fonti

Foto dell'autore

Nazzareno Silvestri

Sono Nazzareno, scrivo da Messina. Il mio amore per la divulgazione scientifica nasce tanti anni fa, e si concretizza nel pieno delle sue energie oggi, per Microbiologia Italia. Ho diverse passioni: dalla scienza al fitness. Spero che il mio contributo possa essere significativo per ogni lettore e lettrice, tra una pausa e l'altra.

Rispondi