Terapia Genica per la Linfoangiopatia Conduttiva: La Storia di Daniel

Daniel era un ragazzo di 10 anni molto sportivo quando è stato diagnosticato con una rara malattia linfatica che causava gonfiore doloroso e difficoltà respiratorie. Quando la sua condizione è peggiorata nonostante molteplici interventi chirurgici e trattamenti, i ricercatori dell’Ospedale per Bambini di Philadelphia (CHOP) hanno isolato la causa genetica della sua malattia e sono stati in grado di indirizzare una terapia per correggere il sistema linfatico anomalo del ragazzo.

Oggi, a quasi 15 anni, Daniel è ancora in fase di guarigione, ma è in grado di giocare a basket con gli amici e di aiutare i bambini più piccoli a sviluppare le loro abilità al campo estivo di calcio.

Siamo davvero, davvero grati per le cure che ha ricevuto e per il sostegno“, afferma sua madre, Anna. “È stato un grande sforzo e una grande lotta per Daniel.”

Gonfiore inspiegabile Da bambino, Daniel era un atleta naturale. Giocava a calcio a livello competitivo e a 9 anni e mezzo, ha corso la sua prima gara di 5 chilometri in 25 minuti senza alcun allenamento.

Daniel
Figura 1 – La Storia di Daniel

La Storia di Daniel

Ma la vita di Daniel è cambiata radicalmente nella primavera del 2015, quando ha notato per la prima volta un gonfiore nell’inguine. Quando né il pediatra né un dermatologo hanno trovato una spiegazione per il gonfiore, Anna e suo marito, Patrick, si sono preoccupati che il loro figlio avesse una malattia autoimmune e hanno programmato un appuntamento con un reumatologo vicino a casa loro a Virginia Beach, in Virginia.

La notte prima dell’appuntamento, Daniel è rientrato dopo aver giocato a tag con i suoi amici. Era stanco, aveva il cuore che batteva velocemente e era triste: per la prima volta non riusciva a prendere neanche i bambini più lenti del gruppo, ha detto a sua madre. Il giorno successivo, il reumatologo ha usato uno stetoscopio per ascoltare il cuore di Daniel. Quando non ha potuto sentire un battito, ha inviato Daniel per una radiografia al torace per scoprire il motivo.

Ed è lì che i medici hanno scoperto per la prima volta il problema: c’era così tanto liquido attorno al cuore di Daniel da bloccare il suono del suo battito cardiaco.

Daniel è stato ricoverato in un ospedale locale, dove i medici hanno scoperto che il liquido linfatico stava fuoriuscendo nel pericardio, lo strato esterno del cuore. I cardiologi hanno inserito un drenaggio pericardico per rimuovere il liquido, ma la zona continuava a riempirsi, causando gonfiore in tutto il corpo.

Hanno quindi indirizzato la famiglia verso Yoav Dori, MD, PhD, cardiologo e direttore del Jill and Mark Fishman Center for Lymphatic Disorders al CHOP, per collaborare alla cura di Daniel. Il centro è conosciuto in tutto il mondo per la sua esperienza nella diagnosi e nel trattamento dei disturbi del sistema linfatico. Il team utilizza una procedura innovativa per immaginare e chiudere le perdite linfatiche.

Diagnosi e trattamento precoce al CHOP Daniel è stato trasferito al CHOP e dopo un esame, il Dr. Dori ha diagnosticato a Daniel una rara linfoangiopatia conduttiva centrale, in cui i vasi linfatici si ingrandiscono e moltiplicano, causando l’accumulo di liquido nel corpo. Il sistema linfatico ha un ruolo cruciale nella funzione immunitaria e nel trasporto di grassi e proteine attraverso il corpo. Normalmente, esso assorbe e restituisce il fluido dai tessuti al circolo venoso. Nel caso di Daniel, il fluido si è diffuso in tutto il corpo, raggiungendo il cuore, i polmoni, il fegato e le gambe.

Il Dr. Dori ha eseguito una procedura minimamente invasiva per fermare le perdite di liquido linfatico nel cuore di Daniel. Ma il caso di Daniel si è rivelato molto complesso. Nel tempo, sono comparse altre perdite. Il Dr. Dori e il suo team hanno eseguito vari interventi chirurgici per stabilizzare la sua condizione.

Il sistema linfatico di Daniel era come uno spruzzatore“, dice sua madre. “Il Dr. Dori avrebbe risolto una perdita e ne sarebbe comparsa un’altra.”

A volte, Daniel stava abbastanza bene da tornare a casa in Virginia con un tubo di alimentazione e ossigeno supplementare durante la notte. Ma la sua condizione ha continuato a peggiorare. Il liquido linfatico si è accumulato nelle gambe e nell’addome di Daniel. Aveva difficoltà a camminare e non era abbastanza in forma per frequentare la scuola. Nel corso di due anni, ha fatto molti viaggi di ritorno al CHOP.

È stato terribile“, dice Anna. La condizione di Daniel è diventata così grave che, “nel momento peggiore, ho dovuto farlo misurare per una sedia a rotelle.”

Una svolta medica Il team medico di Daniel stava esaurendo le opzioni. Il Dr. Dori ha collaborato con l’esperto in pneumologia pediatrica Hakon Hakonarson, MD, PhD, direttore del Center for Applied Genomics del CHOP.

Il team di genomica ha sequenziato il DNA di Daniel e ha scoperto che condivideva una mutazione genetica con un giovane adulto in un altro ospedale che aveva anche una grave condizione linfatica. Per confermare che la mutazione genetica stava causando la condizione di Daniel, i ricercatori hanno inserito la mutazione genetica negli embrioni di pesci zebra, che vengono frequentemente utilizzati per modellare le malattie genetiche. I pesci hanno sviluppato canali linfatici anormali simili.

I pesci zebra hanno sviluppato la stessa condizione di Daniel“, dice Anna.

Havendo appreso la funzione del gene, i ricercatori sono stati in grado di colpirlo con un farmaco chiamato inibitore MEK. Il farmaco viene utilizzato per trattare il melanoma, una forma di cancro della pelle, ed agisce sulle vie di segnalazione cellulari che regolano lo sviluppo linfatico. Il farmaco ha “salvato” il difetto strutturale nei pesci zebra, facendoli sviluppare vasi linfatici normali.

Hanno salvato i pesci“, dice Anna.

Il team al CHOP ha lavorato rapidamente per ottenere l’approvazione per trattare Daniel con l’inibitore MEK. Daniel ha iniziato a prendere il farmaco nel marzo 2017. In tre mesi, è stato in grado di ridurre l’ossigeno supplementare. Due mesi dopo, una risonanza magnetica ha mostrato che i suoi vasi linfatici si stavano rimodellando e non mostravano segni di perdite.

Guardando al futuro Nell’ottobre 2017, Daniel e la sua famiglia hanno preso una pausa molto necessaria, una crociera nei Caraibi offerta dalla Fondazione Make-a-Wish. “Quando siamo tornati dalla crociera, le gambe di Daniel sembravano migliori“, ricorda Anna. Il gonfiore era diminuito e Daniel non aveva più bisogno del tubo di alimentazione. Nella primavera del 2018, Daniel ha finalmente iniziato a crescere di nuovo.

La famiglia sapeva di aver superato un ostacolo lo scorso autunno quando Daniel è stato sufficientemente in forma da tornare a scuola a tempo pieno. Ha completato l’ottava elementare e a settembre inizierà il suo primo anno di liceo.

Di recente, i medici di Daniel lo hanno autorizzato a partecipare all’educazione fisica, e un personal trainer lo sta aiutando a ricostruire la sua forza e resistenza. Daniel sta lentamente tornando alle attività che amava. È di nuovo fuori con i suoi amici del quartiere, lanciando canestri, nuotando in piscina e facendo volontariato al campo estivo di calcio.

Potrebbe voler provare alcuni nuovi sport in futuro, ma per ora è felice di stare fuori sul campo ad aiutare i bambini più piccoli“, dice Anna. “Siamo davvero orgogliosi di Daniel. È stato così resiliente in tutto questo.”

Conclusioni

Il CHOP continua a collaborare con il team di cura di Daniel in Virginia, compreso il suo cardiologo, Elliot Tucker, MD, e il suo team di colleghi, oltre al medico di medicina generale di Daniel, Douglas Mitchell, MD.

La famiglia di Daniel è grata all’intero team. Anna dice: “Hanno collaborato e perseverato per assicurarsi che Daniel potesse essere salvato, proprio come i pesci.”

Fonti

Foto dell'autore

Nazzareno Silvestri

Sono Nazzareno, scrivo da Messina. Il mio amore per la divulgazione scientifica nasce tanti anni fa, e si concretizza nel pieno delle sue energie oggi, per Microbiologia Italia. Ho diverse passioni: dalla scienza al fitness. Spero che il mio contributo possa essere significativo per ogni lettore e lettrice, tra una pausa e l'altra.

Rispondi