CIN Agar Yersinia Supplement

Perché si usa?

Il Cin Agar Yersinia Selective Supplement è un terreno di coltura base in cui viene aggiunto un supplemento per l’isolamento selettivo e differenziazione della Yersinia enterocolitica, da campioni clinici o alimenti e ambienti connessi a questi.

Composizione del terreno

CIN agar Yersinia supplement  g/l:

  • Peptoni 20.0
  • Estratto di lievito 2.0
  • Sodio Cloruro 1.0
  • Sodio Piruvato 2.0
  • Magnesio Solfato 0.01
  • Mannitolo 20.0
  • Sodio Desossicolato 0.5
  • Cristalvioletto 0.001
  • Rosso neutro 0.03
  • Irgasan 4.00
  • Agar 14.0

    Supplement:
  • Novobiocina 1.25
  • Cefsulodina 7.5

    pH finale 7.4 ± 0.2 a 25 °C

Come funziona?

Il peptone e l’estratto di lievito sono dei nutrienti utili per la crescita batterica. L’irgasan, il violetto cristallo e il sodio desossicolato sono tutte sostanze che inibiscono la crescita di batteri gram positivi e alcuni gram negativi, come E. coli e P. aeruginosa; Il Cefsulodin, invece, è un antibiotico appartenente alla classe delle cefalosporine; mentre la novobiocina è molto efficace in particolare sugli Stafilococchi.

La Yersinia enterocolitica cresce su questo terreno formando delle colonie che presentano una macchia rossa centrale e leggermente trasparente ai bordi.

Preparazione del terreno

  • Sospendere 28,75 grammi di polvere in 500 ml di acqua distillata fredda;
  • Portare ad ebollizione;
  • Autoclavare a 121 °C per 15 minuti;
  • Raffreddare fino a 50 °C circa;
  • Ricostituire il supplemento in 5 ml di acqua distillata fredda;
  • Aggiungere al CIN agar, mescolare e versare in Piastre di petri.

Risultati della crescita

BatterioAspetto delle colonie
Y. enterocoliticaCrescita buona, colonie tondeggianti, dal centro rosso e bordo trasparente.
P. aeruginosaCrescita inibita.
E. coliCrescita inibita.

Immagini

Colonie di Yersinia enterocolitica su CIN Agar Yersinia supp.
Figura 1 – Y. enterocolitica su CIN Agar Yersinia supplement. Si notano il centro rosso e il bordo trasparente

Limitazioni all’utilizzo del terreno

In ambito medico, l’utilizzo di questo terreno è incentrato come supporto alla diagnosi; tuttavia, è utile conoscere anche storia clinica del paziente.

La Y. enterocolitica può formare colonie dense e compatte, senza il caratteristico centro rosso, pertanto il riconoscimento si rende più difficoltoso. In ogni caso, l’identificazione finale richiede metodi biochimici, molecolari o immunologici. Infine, un ulteriore problema è rappresentato dal fatto che su questo terreno possono crescere anche gli Enterobatteri, che mostrano colonie incolori.

Fonti

Lascia un commento