King’s B Agar

Il King’s B agar è utilizzato nell’analisi delle acque, per il test di conferma su colonie di Pseudomonas aeruginosa.

Utilizzo

Il King’s B agar si utilizza in genere per confemare la presenza di Pseudomonas spp. da campioni di acqua che presentano flora microbica di fondo.
Questo terreno di coltura consente l’identificazione di Pseudomonas spp. tramite l’aumento di produzione di fluorescina.

I peptoni garantiscono l’apporto di aminoacidi, azoto, carbone, vitamine e minerali necessari per la crescita microbica. Il potassio difosfato aumenta la quantità di fosforo, che stimola la produzione di fluoresceina; il magnesio solfato stimola invece la produzione di pioverdina (un pigmento prodotto tipicamente dalla Pseudomonas fluorescens), che si evidenzia osservando le colonie batteriche con luce UV a 360 nm.

Composizione del terreno

King’s B agar: tipica formula g/l:

  • Peptoni 20.0
  • Glicerolo 10 ml
  • Di-Potassio Idrogeno Fosfato 1.5
  • Solfato di magnesio eptaidrato 1.5
  • Agar 15.0

    pH finale: 7.2 ± 0.2 a 25°C

Preparazione del terreno

  • Sospendere 40 grammi del prodotto in 1000 ml di acqua distillata, quindi aggiungere 10 ml di glicerolo;
  • Riscaldare fino ad ebollizione per dissolvere completamente il prodotto;
  • Sterilizzare in autoclave a 121 °C per 15 minuti;
  • Portare a 45-50 °C;
  • Mescolare e versare nelle piastre di Petri.

Risultati della crescita

MicorganismoRisultati della crescita
Pseudomonas aeruginosaColonie visibili con fluorescenza ai raggi UV.
Pseudomonas syringaeColonie visibili con fluorescenza ai raggi UV.
Pseudomonas fluorescensColonie visibili con fluorescenza ai raggi UV.
AcinetobatteriCrescita senza produzione di pigmento.

Immagini

Fluorescenza da Psedomonas spp. su King's B agar.
Figura 1 – King’s b Agar. La fluorescenza indica la crescita di Pseudomonas spp. [Fonte: https://atlas.sund.ku.dk/].
Acinetobacter su King's B agar.
Figura 2 – King’s B Agar. Acinetobatteri presentano colonie puntiformi ma non producono pigmenti [Fonte: https://atlas.sund.ku.dk/].

Limitazioni all’utilizzo del terreno

Essendo diverse le specie di Pseudomonas in grado di produrre fluorescenza se osservate sotto luce UV, è necessario procedere con tecniche di biologia molecolare o di biochimica per la determinazione corretta del batterio in questione.

Fonti

http://www.liofilchem.net/login/pd/ifu/11072_IFU.pdf

http://www.microbiol.it/p-354-king-s-b-medium.html

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e faccio parte di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Il portale di Microbiologia Italia è utile per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza.

Lascia un commento