Stress e Perdita di Capelli: Quanto Incide il Benessere Mentale

In questo articolo cercheremo di capire l’intricato legame tra Stress e Perdita di Capelli: leggi l’articolo e condividilo.

L’Intricato Legame

A chi non è capitato di notare matasse di capelli che si accumulano sullo scarico della doccia? E il pensiero va subito a un periodo particolarmente stressante vissuto al lavoro o in famiglia. Ma lo stress può far cadere i capelli? Questo fenomeno, noto come telogen effluvium, rappresenta una condizione in cui la perdita di capelli supera la normale caduta quotidiana. In media, le persone perdono tra i 50 e i 100 capelli al giorno. Tuttavia, se si perde un numero maggiore di capelli, potrebbe essere un segnale di questa condizione.

Telogen Effluvium: Quando lo Stress Provoca la Caduta dei Capelli

Il telogen effluvium, spesso sottovalutato, è una reazione del corpo a eventi stressanti. Non sempre viene diagnosticato con facilità, rendendo difficile quantificarne l’effettiva incidenza. Le donne potrebbero essere più suscettibili a questo problema, poiché cambiamenti ormonali, come quelli dovuti alla gravidanza, possono innescare tale condizione. Secondo Antonella Tosti, dermatologa della Miller School of Medicine dell’Università di Miami, “La perdita eccessiva di capelli può comportare la perdita fino a un terzo del volume”, ma fortunatamente, il problema è di solito temporaneo.

Il Processo di Caduta dei Capelli Indotta dallo Stress

Qualsiasi evento che causa stress può innescare il telogen effluvium, da interventi chirurgici a malattie croniche, da lutti a gravidanze. In genere, la caduta dei capelli inizia tra sei settimane e tre mesi dopo l’evento stressante. Questo è dovuto all’aumento dei livelli di cortisolo, l’ormone dello stress, che tra le altre cose, blocca la crescita dei capelli. Anche lo stress cronico, legato a problemi lavorativi o relazionali, può portare alla perdita di capelli. Un interessante studio condotto in Brasile nel 2022 ha esaminato le conseguenze del Covid sulla perdita di capelli. Su oltre 6000 persone guarite dal Covid nei tre mesi precedenti, quasi la metà ha sperimentato una caduta di capelli.

Secondo alcune ricerche, lo stress potrebbe anche peggiorare altre condizioni legate alla caduta dei capelli, come l’alopecia areata, una malattia autoimmune che colpisce i follicoli piliferi, e il lichen planopilaris, una rara condizione infiammatoria che può causare cicatrici sul cuoio capelluto e perdita di capelli.

Gestire la Perdita di Capelli Indotta dallo Stress

Se ci si trova ad affrontare una perdita di capelli improvvisa e intensa, può essere consigliabile assumere vitamina D e vitamina B12. Studi indicano che i pazienti con telogen effluvium spesso presentano carenza di queste vitamine. Tuttavia, le prove sull’efficacia dei multivitaminici sono ancora limitate. Dopo un intervento chirurgico, è frequente riscontrare carenze vitaminiche e, in questi casi, un’integrazione potrebbe essere raccomandata, previa consultazione medica. Nella maggior parte dei casi, la perdita di capelli legata allo stress si risolve spontaneamente, con la ricrescita dei capelli entro quattro mesi.

Se il problema persiste, è consigliabile consultare un medico per valutare eventuali terapie farmacologiche.

Conclusioni

In sintesi, lo stress può influenzare la salute dei capelli più di quanto possiamo immaginare. Il telogen effluvium rappresenta una reazione naturale del corpo a situazioni stressanti, ma spesso temporanea. Monitorare la propria salute mentale e fisica è fondamentale per prevenire o gestire la perdita di capelli. Mentre la ricerca continua a esplorare i dettagli di questo legame complesso, è chiaro che il benessere complessivo gioca un ruolo cruciale nella salute dei nostri capelli.

Foto dell'autore

Redazione

Siamo la redazione di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Abbiamo creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza.

Lascia un commento